Lutto nazionale

Luttazzi è stato licenziato da La7 per aver ripetuto una battuta già fatta in passato su Ferrara. Ok, riformulo la frase: Ferrara (il servo del potere, l’ex comunista, il venduto, ecc…) ha licenziato Luttazzi e La7 ha preferito rinunciare a 2 milioni e 700 mila spettatori il sabato sera a mezzanotte. Insomma, dopo la puntata di settimana scorsa e la replica di giovedì qualcuno si è accorto della battuta su Ferrara ma non si capisce perché nessuno si indigni dei temi trattati e delle verità sputate fuori da Luttazzi durante la trasmissione. Stava andando tutto bene con la “tattica dell’ignorare” ma poi arriva Ferrara che si offende ma non si interroga sulle migliaia di morti in Iraq a cui fa riferimento la battuta (“Dopo 4 anni guerra in Iraq, 3.900 soldati americani morti, 85.000 civili iracheni ammazzati e tutti gli italiani morti sul campo anche per colpa di Berlusconi, Berlusconi ha avuto il coraggio di dire che lui in fondo era contrario alla guerra in Iraq. Come si fa a sopportare una cosa del genere? Io ho un mio sistema, penso a Giuliano Ferrara immerso in una vasca da bagno con Berlusconi e Dell’Utri che gli pisciano addosso, Previti che gli caga in bocca e la Santanchè in completo sadomaso che li frusta tutti”). Quella guerra che lui ha ampiamente difeso scrivendo un mare di stronzate sul Foglio, il suo giornale. Tra l’altro non so a voi, ma a me era anche passata di mente.
A giudicare dai commenti del pubblico, degli iscritti e dei commentatori del sito de La7 la cosa non è stata presa affatto bene; tante persone ora smetteranno di guardare La7 (io compreso) che, fino a Decameron, non avevo mai praticamente guardato.
La7 ora parla di indipendenza e scelta non vincolata da servilismo, ma nessuno ci crede; questi qua (che si definirebbero il terzo polo televisivo) pensano di avere a che fare con dei pirla evidentemente. Infatti non solo hanno censurato e rimosso i commenti, che ora hanno ripristinato visto quanti sono, ma hanno anche cancellato tutti i video degli spezzoni del programma di Luttazzi.

Vergogna.

Share:
Technorati icon

About these ads

7 risposte a Lutto nazionale

  1. redprimrose scrive:

    Mi preoccupa soprattutto il fatto che non si possa far satira neppure su Ferrara! E dire che molti ritengono Ferrara intelligente; si sa inoltre che Luttazzi fa quel tipo di battute e senza riserve per tutti. Non capisco perché La7 lo abbia ingaggiato: serviva a farsi un po’ di pubblicità?

  2. sonounprecario scrive:

    Sì, probabilmente si chiama “marketing”, però guarda…è davvero triste che chiudano bottega per una cosa simile mentre il resto è passato praticamente inosservato.

    Siamo diventati un paese davvero insulso, non c’è che dire.

  3. Non capisco perchè Luttazzi sia così attratto da tutto ciò che è escrementizio…… A me non piace. Per fare satire non è necessario “cagare e pisciare”………

  4. Non è stato licenziato per quella battuta… non avrebbe avuto senso.

    XAlessandro: i riferimenti all’escrementizio fanno da sempre parte della satira. Da millenni.

  5. sonounprecario scrive:

    (ripeto qui quello che ho replicato su oknotizie)
    A te non piace ma qual è la satira scusa? Quella del bagaglino o di Zelig? Siamo assuefatti a quel tipo di comicità che NON è satira.
    .
    Ferrara, sul suo giornale e su La7 dice cose “escrementizie” ben peggiori” prodigando offese alla nostra dignità e all’intelletto umano, a partire dalla difesa a spada tratta della guerra e delle bombe al fosforo all’ultima incredibile crociata contro l’uso del preservativo. Ma nessuno si scandalizza.
    A te può non piacere la coprolalia dei suoi spettacoli ma questo non vuol dire che non sia satira, anche perché Luttazzi è un purista della satira latina che è anche e soprattutto questa.
    Nella vasca di me*da secondo me dovrebbe finirci questo paese che non è diventato altro che una barzelletta sulla bocca (e non solo la bocca) di tutti quanti.
    Punti di vista :)

  6. Francesco Protopapa scrive:

    Italia paese semi libero riguardo la libertà d’espressione: basta questo.
    W Luttazzi

  7. sonounprecario scrive:

    Già, la cosa triste è proprio quella…la censura e la distruzione del materiale…ma perché cavolo?! Cosa c’entra??? Sono metodi fascisti e anti-democratici soprattutto.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: