Morire Giovani

http://www.flickr.com/photos/valerius25/463968859/ - i diritti sono di proprietà dell'autore

Sono un fottuto pessimista. Lo so, davvero. Ma non ci posso fare niente: nel dubbio, non faccio altro che supporre o intravedere il peggio dietro l’angolo. Parlo in generale, detto per inciso. Per una volta, facciamo che la politica c’entra poco. Anche se loro lanciano costantemente un unico messaggio a noi “ragazzi”: è meglio farci morire da giovani.

Scuola, università disorganizzata, stage o non stage, l’importante è che non sia pagato; crediti formativi, laurea, poi forse lavoro; lavoro precario, guadagni poco, zero certezze, niente casa, niente libertà. E intanto gli anni passano e tu sei ancora lì, in casa con mamma e papà. Senza una pensione, senza una prospettiva o una possibilità, insomma senza futuro.

E così via, anche se in questo momento vorrei concentrarmi più sulle sensazioni e gli stati d’animo che sul viscerale vissuto del concreto quotidiano: dopo un po’ stanca anche me.
Cioé come mi viene in mente, penserete, di scrivere cose simili proprio mentre sto per partire per un viaggio? Beh, quando arrivano le ferie, vuole comunque dire che l’estate sta finendo.

Più che vivere la vita mi sembra di subirla, come se stessi guardando costantemete il mondo da dietro una finestra, osservando gli altri intenti a vivere, trascorrere il tempo e decidere ciò che vogliono della propria esistenza.

Come se fossi imprigionato in una realtà ovattata che tiene incatenata la mia voglia di libertà. Me la sento dentro che spinge forte, spesso fa a pugni con i miei pensieri: convivo con un forte senso di inquietudine generale, assieme a quella enorme sensazione di vuoto che non so come riempire.

La cosa triste, o strana se volete, è che non ho idea di che decisione possa prendere in merito a qualsiasi cosa per cambiare lo stato delle cose, in primis la Mia Vita. E’ questa passività disarmante che mi sento addosso che mi distrugge, come se non riuscissi a reagire, a rialzarmi mai.

E ho paura del Tempo, di star perdendo quantità industriali di Tempo che non tornerà mai più. Tipo che tra 10 anni mi sveglierò un giorno pensando tra me e me “ma che cacchio di diavolo ho fatto fino ad ora? Dov’era il mio cervello quando ancora tutto era una scommessa, una roulette russa di esperienze da fare?” E in quel momento – se mai arriverà – sentirò un tuffo al Cuore, lo so.

Perché sarà troppo tardi.

About these ads

8 risposte a Morire Giovani

  1. xlthlx scrive:

    “non e’ mai troppo tardi”, come diceva il programma televisivo.
    te lo dice una persona a cui sono passati quei dieci anni, che si e’ fatta quella domanda e che si rende conto che invece di opportunita’ ce ne sono ancora.
    chiaro che comportano dei sacrifici, ma almeno non e’ un vicolo cieco.
    forza e coraggio. e cmq non e’ detto che quel tempo lo stai perdendo davvero ;)

  2. Federica87 scrive:

    Ciao! Già il fatto di accorgerti di questo è un passo molto importante, vuol dire che hai preso consapevolezza. Come sta succedendo a me, solo che credo che sia la paura di mettersi in gioco a tenerci in questa passività.

  3. pietroizzo scrive:

    esatto, quoto pienamente federica…

  4. alesstar scrive:

    a me di pensare che è troppo tardi succede già adesso -___- te ne puoi rendere conto quanto ti pare, ma se già dai il massimo e non vedi via d’uscita, o la chiusura (se non l’apertura di nuovi) “progetti”, non cambia molto…

    spèrem… buone vacanze ale : )

  5. non_bloggerrosa scrive:

    fra 10 anni ti sveglierai e non avrai nessun rimpianto, perchè quello che stai facendo ora è frutto delle tue scelte. giuste o sbagliate che siano, le stanno prendendo il TUO cuore e il TUO cervello a seconda dei casi. E siccome ti funzionano (cuore e cervello, gli altri organi non saprei -.-) bene, vai tranquo che non sarà mai tardi. Però Ale, eddaje co sto pessimismo!!!

  6. Loud scrive:

    Suvvia, non esageriamo! Le esperienze sono il sale della vita. Ogni esperienza mette del sapere, magari amaro ma lo mette. Godiamoci la vita!

  7. Francesco scrive:

    mi kapita spesso anke a me…poko tempo fa è morto uno dei miei mijori amici…di 16 anni…in seguito ad un incidente kon lo skooter…da quel giorno
    ogni giorno incostantemene penso alla morte,a quanto questa vita sia una fregatura..a quanto le cose belle durano poco e finiskono subito..e ho sempre nostalgia di quegli anni dove avevi 10 anni…dove nn pensavi a niente….io ho ancora 17 anni e di esperienze ne potrò fare innumerevoli…potrò fare moltissime cose nella mia vita….ma è proprio del futuro a cui vado incontro ke ho paura…nn sò kosa mi riserva…nn sò quando sarà la mia fine…nn sò se soffrirò moltissimo….nn sò se quando morirò incontrerò DIO…o se invece nn ci saràpiu nulla…e di questo ho paura…Mi piacerebbe invekkiare e giokare kon i figli dei mei figli e poi morire in pace sapendo ke la mia vita è stata rikka di kose belle!!ogni giorno che passa penso sempre ke ho un vuoto dentro ke nn riesko a kolmare un qualkosa di incncepibile…ke nemmeno la preghiera mi aiuta a capirlo…skusate forse mi sono dilungato troppo….ma mi è servito kome sfogo..Ciao a tutti…

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: