La mia prima volta (ad un Barcamp)

febbraio 27, 2008

Il primo Barcamp è un po’ come il primo bacio: non si scorda mai. Specialmente se il tuo primo Barcamp è a Torino e ti permette di conoscere alcune tra le persone più interessanti e stimolanti della blogosfera italiana.

Ma andiamo con ordine. A parte la fatica di alzarsi anche il sabato presto, costringendo la propria fidanzata a farlo, e il canonico ritardo all’appuntamento con Daniele Salamina per la partenza verso Torino, il viaggio è trascorso tranquillo…non come qualcuno ha fatto intendere al posto mio. Così tranquillo che arriviamo a Torino alle 11 e dopo 10 minuti troviamo parcheggio li vicino, per la modica cifra di 1 euro e 50 cents l’ora (siamo stati li fino alle 18, fate i conti). Entriamo al Barcamp camminando su un vero red carpet e subito incrociamo una schiera di gentaglia li a registrare la propria presenza (in realtà volevano solo la spilletta e la maglietta taglia unica XL!). Che si fa? Si entra e si comincia a salutare chi si conosce e a conoscere altri blogger che leggi o con cui parli quotidianamente ma che magari non hai mai visto in faccia ovviamente.

Dopo aver cercato posto invano, aver tentato di trasmettere via streaming la diretta in versione comica del Barcamp (non c’era sufficiente banda), arriva l’ora di pranzo; come dei bravi scolaretti, ci dividono in due tranche: i primi 80 e poi, dopo mezz’ora, via tutti gli altri come le cavallette, famelici nel depredare il tavolo con gli assaggini. Se posso fare un appunto – e non sono stato il solo a farlo presente – l’unica piccola nota dolente è stata il buffet; qualcuno aveva provato ad avvisarmi prima di entrare, che mi conveniva andar fuori a mangiare qualcosa, ma ormai era tardi: sul tavolo c’erano assaggini di salame, mortadella, pomodori, tonno, pane e varie salsine. Erano giusto degli spizzichini, che non hanno placato la fame di molta gente (certo, sfamare me è difficile, lo ammetto…!) e personalmente sono riuscito soltanto a mangiare numero 2 fette di salame, numero 2 pezzetti di bologna e numero 3 pezzetti di tonno, conditi da due panini, giusto per riempire un po’. D’altro canto però c’erano delle gran belle torte da assaggiare, dell’ottimo vino, delle gustose bibite e del buon succo. Ciò non toglie che stavo rischiando di svenire per la fame. Sarebbe bastato far trovare dei vassoi con un po’ di pasta condita o fredda, che so io, o qualche altro salume tipo prosciutto, o della mozzarella, giusto per sfamare un’orda di unni affamati.
Ovviamente è solo un appunto, non ce l’ho con nessuno, né con San Lorenzo, né tantomeno con gli organizzatori, che sono stati fantastici; dopotutto poi il buffet era gratis e di gentile concessione, quindi benvenga! La prossima volta però mi farò trovare preparato ad ogni attacco di fame.

Venne quindi il pomeriggio con i suoi mirabolanti interventi. Purtroppo non ho potuto seguire tutti i talk, in quanto gran parte di questi si sovrapponevano; ho però presenziato a quello interessante di Vittorio Bertola, a quello di Salvatore Aranzulla, a quello di Kurai, a quello di Lastknight, ecc…ed ho curiosato qua e la anche in altre sale, twittando allegramente.

Infine sono rimasto ad osservare Palmasco che fotografava professionalmente vari bloggers: mi son fatto rapire, tanto che ha scattato qualche foto anche a me e un po’ ho paura del risultato. Ed è li, nella sala delle “altalene” che ho scambiato 4 interessanti chiacchiere con Daniela (Democracy2_0) sul Barcamp in generale.
Dopo averla rassicurata sull’ottima impressione riguardo al mio primo Barcamp, mi ha spiegato che secondo lei ci stavamo un po’ troppo “televisionizzando” con la storia delle “blogstar”. Daniela intendeva dire che in Rete c’è molta più partecipazione alle discussioni, chiunque dice la sua anche ai personaggi considerati “più consociuti”; probabilmente siamo più facilitati dalla Rete come mezzo, piuttosto che discuterne faccia a faccia, ma io le ho spiegato che secondo me le blogstar non esistono. E’ un termine del cavolo inventato per mantenere certe gerarchie in un mondo orizzontale e per rapportarsi coi media tradizionali probabilmente; in realtà esistono solo dei blogger più conosciuti e con più influenza, per anzianità, per quello che dicono, per come lo dicono, per il lavoro che fanno, ecc… Dall’altro lato però non le ho dato torto: pensandoci è vero, durante i talk sarebbe più interessante e stimolante avere più confronti a tema libero sì, ma anche a libera partecipazione. A mio modo di vedere le cose, questo può essere dovuto anche al classico modo di parlare col microfono e avere davanti una platea silenziosa che ascolta e solo alla fine interviene, bene o male. E allora, perché non provare e non trovare un altro metodo da testare ai barcamp? Una trasposizione orizzontale della Rete, che permetta discussioni in cui chiunque partecipa senza vergogna. In piedi, seduti, mentre si mangia, non importa come. Ho infatti notato più partecipazione in quelle sale dove la gente era più raccolta, magari seduta per terra o di fianco a chi presentava. Forse è qui che interviene anche la sociologia. Tentar non nuoce, ma questo è un discorso serio da sviluppare con calma.

Ma veniamo al dunque, so perché siete arrivati fin qui a leggere: voi volete i pettegolezzi, i retroscena, le foto più scabrose… Ecco, va bene. Esaminerò – caso per caso – la mia esperienza con alcuni dei partecipanti con cui ho condiviso uno scambio di contenuti fisico. Che detto così sa di vari doppi sensi, ma fa scena.

SUZUKIMARUTI. Scomparso per buona parte della mattinata, ricompare, all’improvviso, in sala buffet, presentandosi con un “Ciao, come stai?”. Dopo essersi presentato anche alla mia ragazza dicendole “…è il tuo ragazzo? Mi dispiace, tradiscilo più volte e documenta il tutto con una polaroid”, mi esamina attentamente facendomi fare una giravolta. Superata la fase “vestiti”, erutta come un vulcano in piena (non sto parlando della sua digestione) fiumi di parole, per dirlo alla Jalisse, che io potrei star li ad ascoltare per ore, se non fosse che lui poi doveva andare a vedere il Toro. Enrico infatti è una di quelle poche persone che già scrivendo – figuriamoci parlando – riesce a calamitare la mia attenzione a livelli poco al di sotto di quelli di un film porno. Avrei voluto chiedergli perché, perché “Suzukimaruti” e non un altro nome, ma dopo un intervento con frecciatina al talk di Vittorio Bertola, scompare senza lasciar tracce.

AXELL. Riesco a fermarlo solo dopo una buona ora in quanto, come organizzatore maximo, era costretto a correre qua e la per accertarsi che tutto andasse bene: microfoni, annunci, fonere da regalare, sale pranzo da preparare, foto di rito, ecc… Decido quindi di richiamare la sua attenzione facendogli “pat pat” sulla spalla. Andrea si gira, mi guarda e fa una faccia da fratello maggiore pronto a farti una ramanzina coi fiocchi; io abbasso le orecchie, pronto ad imparare la lezione e ad incassare, invece…ci abbracciamo come due simpatici gaglioffi che non si vedevano da molto tempo. E’ ufficiale, Axell da quel momento è diventato il fratello maggiore che non ho mai avuto (oltre al professore che non potrò mai avere). Pietro Izzo, nel vedere la scena, storce un po’ il naso, geloso, ma saprò ripagarlo.

KURAI e REDPILL. Sì, li metto in coppia perché sono la coppia più bella del web. Li incontro e ci presentiamo mentre sono seduto a fianco di Pietro Izzo, appena dopo aver videochiamato Catepol, che non è roba da tutti i giorni. Subito noto che lo splendido sorriso di Redpill è contagioso, tanto che Pietro Izzo la paragona ad un manga. Kurai invece è diverso da come l’ho visto su Youtube; su youtube sembrava più alto, un po’ come Napolux. Il meglio però lo da quando fa la presentazione assieme a Bru, uno degli interventi più “partecipati” credo. Ma soprattutto c’è una cosa che lo differenzia da tutti gli altri blogger: Kurai non cammina ma salta come Super Mario per muoversi.

PIETRO IZZO. Ci conosciamo e da quel momento cambia la nostra vita. Pietro, cioé Derek Zoolander, è stranamente senza memory card, ma non importa: gli basta fare la magnum (o farmela fare) e tutto si risolve in pochi istanti. Dopo aver posato per la foto che rimarrà negli annali del trend che dovranno seguire i blogger, ci mettiamo a parlare, sparlare e cazzeggiare. Anche Pietro vaga in incognito per il barcamp, raccogliendo pettegolezzi ed osservando curioso. Insieme a me cerca un posto per appartarsi, ma non resiste a videochiamare Catepol, che arriva – con la sua voce squillante – ad infrangere il nostro sogno d’amore.

DANIELE SALAMINA. Il mitico compagno di viaggio con cui ho condiviso il primo barcamp; anche per lui è stata un’esperienza nuova, anche lui si è portato dietro la zavor… la fidanzata, come il sottoscritto, giusto per sguinzagliarle alla fiera del cioccolato. Daniele, supportato anche dal suo “eee”, ha seguito seriamente molti interventi, facendo domande durante e dopo le varie presentazioni; ha anche intrapreso varie discussioni con molti geeks presenti, curiosando allegramente a destra e a manca, un po’ come ho fatto io.

FUNKYPROFESSOR. Al mio arrivo mi sfotte, prestigiosamente, mostrandomi la figlia minore che usa impietosamente, alla faccia mia, il famoso iphone da me “leccato”, come se fosse la cosa più semplice sulla Terra. Dopo avermi rassicurato sul fatto che lui mi sponsorizza positivamente, si sbilancia, indicandomi come suo discepolo. Peccato però che dopo avermi infuso quel tot.di prestigio che mi serve per cominciare la carriera da provetto Funkyprecario, mi spiega come sua figlia maggiore, gli abbia spiegato che “sì, i blog sono belli, ma sono troppo lenti”. Ha ragione, noi siamo già vecchi per la sua generazione, quella che si caratterizzerà col 3.0 o il 4.0.

SALVATORE ARANZULLA. Lo riconosco prima dagli adesivi sul portatile, che sono davvero uguali a lui, poi ci presentiamo poco prima del suo intervento, che ho seguito curiosamente. Salvatore, grazie alla sua esperienza, dimostra più anni di quelli che ha ed ha svelato in segreto che Virgilio lo ha ingaggiato perché sarà lui un giorno ad acquistare “Virgilio” stessa e…un giorno tutte le password dei vostri account di posta passeranno da lui.

LASTKNIGHT. Tra una password rubata e l’altra, tra un talk e l’altro, Matteo trova anche il tempo per spiegare e risolvere problemi informatici ai blogger più disparati. La sua “erre” fa già scuola e tra i piani alti della blogosfera è diventata un nuovo metodo per dimostrare il proprio valore: la sola pronuncia veicola a chi ascolta la consapevolezza di avere davanti un grande blogger.

MAFE. E’ raro vedere e poter incontrare donne alte e raffinate come Mafe. Ed è unica l’occasione di ricevere in dono una sua Moo Card, con l’unica sfortuna di avere quella con lo sfondo identico al suo avatar su twitter. Nel senso che quella foto la vedo tutti i giorni, cavolo. Ma non importa, le ho stretto la mano, ho scambiato due parole con lei e sono soddisfatto così. Mafe è veloce e sfuggente, ma non è li per caso come accade nel suo blog.

FRENZ. Un altro lombardo presente, sopravvissuto al viaggio in macchina con Gaspar Torriero. Il saggio Frenz è il misterioso personaggio che mi aveva consigliato di andare a mangiare fuori qualcosa. Io, stolto, non l’ho ascoltato e così ho rischiato il deperimento istantaneo, me la sono cercata. Con lui ho commentato e chiacchierato del più e del meno, del barcamp, dei personaggi presenti e male di te che stai leggendo. Sì, sicuramente qualcosa di zizzanioso su di te l’abbiamo senza dubbio pronunciato.

JTHEO. “Barcamp” potrebbe essere il suo secondo nome. Veterano di questi eventi, si piazza in punti strategici da cui può osservare quello che accade in 3 sale contemporaneamente. Dopo avermi aiutato a tentare un abbozzo di streaming, mostrato il regalo che gli ha fatto colei che, maledetta, per pigrizia e veneranda età non si è presentata, getta la spugna svaccandosi a terra in zona di passaggio. Se Jtheo non va dal blogger, è il blogger che per forza di cose passa scavalcando Jtheo.

ESTRAGON. Quando i duri cominciano a giocare arriva Estragon, il James Dean della blogosfera. Un po’ stanco per il duro lavoro dovuto all’organizzazione del barcamp, difficilmente rimane fisso in un posto per più di 2 minuti. In realtà il lavoro che predilige e che porta via più tempo ad Estragon è un altro: tacchinare le ragazze presenti; per fare questo utilizza una frase infallibile: “Ciao, sono Giovanni….vuoi linkarti con me sul mio blogroll?”

DEMOCRACY2_0. La simpaticissima Daniela si mostra subito disponibile, insieme ad Invisigot, a intrattenere discorsi con tutti, accertandosi che tutto andasse per il verso giusto. Ovvio che sì, cara Daniela; siete stati superbi nel riuscire a riunire tutte queste persone. Sentirla parlare è un piacere, tanto che rimarrei li con lei nella sala altalene per ore, ma era giunto il mio turno per farmi catturare dall’obbiettivo della macchina fotografica di di Palmasco.

CATEPOL. Lo so, non c’era al Barcamp, ma la sua presenza era viva in tutti noi. Tanto che ho fatto finta di conoscerla e presentarmi a lei stringendo la mano ad una cameriera del posto, dicendole “Ciao Catepol, io sono un precario!”, ricevendo in cambio un “ma questo è pirla!”. Insomma, anche quando Catepol non c’è ci pensano gli altri a chiamarla (e video-chiamarla!), a coinvolgerla e a linkarla virtualmente al Barcamp. E’ lei la mascotte della blogosfera italiana. “Ma ‘ndo vai, se Catepol non ce l’hai?”


Tutto ciò è molto vero

febbraio 23, 2008

Ciao, sono Sonounprecario, cioè colui che molesta Suzukimaruti ai BarCamp.

Sono arrivato qui a Torino direttamente dalla bassa lombarda sgommando ai 180 sull’autostrada sulla mia Golf taroccata, che fa pendant con gli occhiali a lenti gigantesche che fanno molto Briatore. E ovviamente mi hanno multato.

Non è che l’inizio di una pessima giornata, conclusasi con il mio arresto per atti osceni in luogo pubblico con Pietro Izzo, l’uomo che – ora posso dirlo – io AMO con tutto il cuore (e non solo).

[by Suzukimaruti]


A Suzukimaruti

febbraio 8, 2008

 

Dal Flickr di Suzukimaruti

In principio la famosa poesia di Leopardi non fu intitolata “A Silvia”, ma “A Silvio”. Poi con l’intervento di Enrico (e un convincente post chilometrico in cui linkava Leopardi) tutto si sistemò per il meglio, titolo compreso:

Io i post corti e leggiadri
talor lasciando e le sudate dita sulla tastiera,
ove il tempo mio primo
e di me si spendea la miglior parte,
d’in su i Veltroni del paterno loft
porgea gli orecchi al suon della tua barra spaziatrice,
ed alla man veloce
che percorrea la faticosa periferica.

Dal Flickr di Stefano Epifani

Suzukimaruti è l’essenza dell’essere blogger. Suzukimaruti è il blogger che vorrei essere. Suzukimaruti è “il blogger”. Suzukimaruti non è un’auto. “Suz” (…che chiamarlo “Zuki”, “Mar” o “Ruti” non suonava bene), così come sono soliti chiamarlo i suoi estimatori, può permettersi di andare in vacanza quando cade il governo e non postare per giorni, ha il carisma per non scrivere quotidianamente, possiede una capacità d’analisi e visione delle cose fuori dal comune, condita da un’ironia ed un sarcasmo che ti fanno stare li attaccato allo schermo, anche se per leggere il suo post hai dovuto prendere un giorno di ferie e cambiare schermo un paio di volte, perché i pixel si consumano. Lui sa rendere semplice e lieve la lettura di un post impegnato e lungo un gazzilione di righe; non mi stanco mai di leggerlo (e in questo post sarò il suo Emilio Fede).

Dal Flickr di Tambu

E poi non è una blogstar comune. Lui risponde non solo ai tuoi commenti, ma anche alle tue mail nonostante tu gli stia chiedendo come fare la formazione del fantacalcio o come risolvere un problema di trigonometria; ha già le risposte, delle bozze salvate pronte per essere inviate. Perché quella Sola di Enrico aveva già pensato a che cosa potevi scrivergli. Ti ascolta, perché su twitter – tu non lo sai – ma lui legge i tuoi reply. E se non ti risponde è perché lo sta facendo nei commenti del suo blog. Perché dai suoi post escono sempre delle discussioni interessantissime, costruttive, che lasciano il segno. Anche se ogni tanto vola qualche insulto, ma fa parte del gioco. Oltre a quello che scrive, leggendo i commenti ai post impari sempre qualcosa che ti è sfuggito. È recente infatti la proposta di portare nelle scuole come materia di confronto il blog di Suzukimaruti.

Dal Flickr di Yoriah

E ancora, è di Torino ma non tifa Juve. Ed è influente nella blogosfera, più di un meme o di un litigio su BlogBabel. Secondo un attendibile sondaggio dell’importante rivista femminile “Cioé” da una ricerca di TgCom sembra sia il blogger italiano più desiderato dalle donne; in più da un test scientifico studiato appositamente da un’equipe di professionisti è emerso che il ritratto del lui ideale per le adolescenti ricalca il profilo di Enrico Sola. Come se non bastasse, alla domanda “cosa usa una donna per eccitarsi nel praticare del sano auto-erotismo” la risposta della maggioranza è stata penso all’header del suo blog, e successivamente all’autore – ovviamente”. Infine è da menzionare che la comunità gay della Rete lo colloca ai primi posti tra gli uomini più affascinanti del web 2.0. Come vedete nella foto qua sotto inoltre, Suz sa prendersi in giro, ma anche quando fa la “magnum” ha stile da vendere.

Dal Flickr di Pietro Izzo

Suzukimaruti o lo ami o lo odi. Come accade con Baggio, Savicevic, quei giocatori li non troppo costanti che però quando giocano ti fanno impazzire e ti fanno vincere tutto, anche le elezioni. E non da niente per scontato, è sempre pronto a interrogarsi sulle grandi questioni della vita. Perché ad esempio, insieme ad altri io gli avevo chiesto – prima che partisse per i Caraibi dei poveri - di scrivere un post sull’attuale situazione politica, su cosa potrebbe succedere, sull’Italia… E infine l’ha fatto, ha regalato una sorpresa a tutti. E io sono felicissimo quando leggo le opinioni, i pareri e le conversazioni politiche di Enrico. Perché lui sa tradurre con forza le parole giuste i sentimenti politici e patriottici di noi col cuore a sinistra. La semiotica ce l’ha nelle dita e si esprime sottoforma di un ticchettio sulle lettere della keyboard. E se quando scrivo un commento lungo metto dei puntini tra un paragrafetto e l’altro…lo devo a lui.

Dal Flickr di Stefano Epifani

Tutto questo è stato semplicemente scritto e pensato per dirvi di leggere il suo ultimo post. Mi riconosco nel 99% delle cose che dice Enrico, anche se ancora non riesco a sentire la fiducia e la speranza del cambiamento che intravede lui.
Credetemi, riflettereprima di decidere a priori – sulle varie prospettive che il Futuro prossimo potrebbe riservarci ne vale la pena, semplicemente perché ne va di tutti Noi. Anche se siete juventini, clerico-fascisti e siete iscritti alla P2.

PS: potrei inaugurare l’angolo dei ritratti di blogger, non lo escludo dopo questo excursus.
NB: non sono gay e con questo post non ho fatto outing: si scherza, ma meglio specificare… Vedrete quando farò anche il ritratto di Napolux o Dario Salvelli per esempio :P


Love Knight

febbraio 6, 2008

Da lastknight.com
Dopo la prima e clamorosa diretta, Lastknight si gode il successo, dandosi a donne dello spettacolo.

Alla fine sono ancora vivo. Ce l’ho fatta. Ieri sera sono stato a Casa Lastknight insieme ad altri blogger (xlthlx, al_blog, alt_os, marilu, il padrone di casa e i suoi serpenti), ho compromesso definitivamente la poca credibilità di cui ancora godevo (sono addirittura arrivato terzo agli Z-Blog come blog fonte di spunti) ma ammettiamolo, ci siamo divertiti come dei bambini dell’asilo. Alla faccia dei pochissimi criticoni che preferivano seminare zizzania e rosicare, piuttosto che partecipare al gioco on line.

È stato un esperimento: i buoni propositi dell’inizio, cioé quelli di cercare di dibattere e confrontarsi riguardo cose serie sono andati a farsi friggere dopo circa 2 minuti; dopo essere entrato nella stanza della diretta infatti, intorno a me ho trovato gente che mangiava jap, beveva birra, giocava con il famoso coniglio e chi più ne ha più ne metta.

Il resto è stato delirio, a tratti noioso devo ammetterlo, causa vai e vieni di ospiti, causa un po’ di disorganizzazione e causa un po’ di timore misto a timidezza dovuta all’emozione della prima volta – come direbbe gattonero – e della prima diretta. Su twitter invece caos e panico: promesse di reggiseni sfilati (Marilu), camicie aperte (Matteo) e strane voglie di outing uscite dal mio twitter ma non scritte da me. E già, ma le conseguenze?

I risultati sono che: Lastknight, appena intervistato e ingaggiato da Punto Informatico è stato subito strappato dalla redazione di Penthouse (assieme alla sua camicia flambé) per la prossima copertina; Marilu è la nuova maitresse della blogosfera; Al Blog venderà code lunghe da applicare ai jeans (non vorrei far venire strane idee a qualche stilista); io sono probabilmente diventato la nuova icona-gay della blogosfera (fa scena dirlo ormai, me l’ha suggerito gattonero quando stavo andando a fare pipì); Alt_os si sposterà in Tibet e progetterà un software open-source che metterà chiunque in streaming, senza saperlo, ogni volta che accenderà il pc; (***EDIT) xlthlx infine farà da cavia per le più grandi case farmaceutiche. Dopo aver testato ogni variante di virus influenzale nel giro di 2 settimane senza esserne uscita un po’ devastata, ha anche superato la prova più ardua: stare insieme ad altri 4 blogger maschi senza per questo venire contagiata da una gravissima malattia, l’autoreferenzialità.

Tutto questo per dirvi che, sfortunatamente per voi, l’esperimento verrà ripetuto…sicuramente con una scaletta seria ed un minimo di logica, giusto per creare dibattiti e discussioni stimolanti, leggere ma interessanti a cui potrà ironicamente partecipare chiunque. Anche il vostro cervello.

NB= si ringraziano, per aver animato simpaticamente la chat: Stefigno, gattonero, Maxime, Felter, kika23, A.Beggi, catepol…e tutti quelli che mi dimentico ma che hanno animato e sono stati ripresi in chat.


Il duro mestiere della fidanzata del blogger

febbraio 1, 2008

Scrivo questo post per voi, donne di malaffare che sedete alla destra del vostro fidanzato blogger. Per inciso, “sedere alla destra” ha un significato tutto mistico. Quindi occhio a chi avete di fianco.

So bene che è difficile passare i weekend o le lunghe serate infrasettimanali con il vostro amato blog-fidanzato, perché già mi vedo le scene: lui se ne sta li al pc bello comodo ignorandovi completamente. “Tesoro, cazzo, sto scrivendo un post, lasciami concentrare e non rompere”, sarà una delle frasi più usate, quando magari lei è dietro di voi con il suo amante di colore che ci da dentro di gusto ma voi siete talmente concentrati sui commenti al post di blogbabel che non ve ne accorgete. Nemmeno quando lui, educatamente vi saluterà andandosene felice.

Per farvi vari esempi, io già me li immagino sti blogger. Escluso Sw4n, che ancora vuole farci credere di non aver mai confessato alla fidanzata di avere uno dei blog più visitati d’Italia, potrebbero venirmi in mente Napolux, Beggi, Gioxx, Luca Sartoni, Stefigno, Pietro Izzo… Non so se tutti hanno una fidanzata o peggio, una moglie, però posso immaginarmeli in certi momenti (anche io so cosa vuol dire, credetemi). Perché non ci ho messo Axell? Ma semplice, perché Axell è in guerra con gli americani e quindi sta vivendo una tregua con la sua dolce metà, che secondo me è dentro fino al collo in questo “black out” dei server: è lei che ha hackato i server usa e tiene in pugno anche il marito. Era l’unico modo per farlo smettere di bloggare per un po’.
Mi sono quindi fatto un viaggio mentale immaginario (sono un fottuto pazzo, ok) spiegandovi come, verosimilmente, vanno le cose entrando in varie case. Cioé in realtà ci sono andato davvero nelle loro case, ma loro non lo ammetteranno mai.

Qui casa Napolux. Sarò buono perché ho conosciuto Roberta e devo ammettere che sembra brava e comprensiva. Non mi sembra una che si arrabbia più di tanto li per li ma piuttosto…te la fa pagare al momento giusto. Perché Roberta sa che la vendetta è un piatto che va servito freddo, tipo la sera, quando il nostro Napolux va a letto con intenti focosi. Lei non alza la voce ma è perfida se vuole, e se Francesco prova ad ignorarla quando parla solo perché sta scrivendo un post sono cazzi acidissimi. Anche se lui sta cercando di addolcirla raccontandole il meglio, blogghisticamente parlando, della settimana…lei risponde con un “Fuksas!”, che sa molto di “vai afk”.

Qui casa Beggi. Entri in casa di Andrea Beggi e nulla è lasciato al caso: sui muri, appesi, i Beggi’s facts e in un angolo angusto (sotto i facts che son li a ricordare le onte da lavare via) due programmatori occhialuti assunti personalmente per trovare un modo, uno script per capire come effettivamente mettere in pratica questi famigerati “facts”. Beggi tiranneggia su questi due poveretti, che non escono da quella casa dal lontano 1984. Sua moglie (a cui ha regalato una collana di “perl”, ricordiamolo) non può proferire parola quando lui scrive un post, se non per chiedergli se desidera qualcosa da mangiare; il pericolo è di ricevere indietro un mouse rotante al grido di “eee!”. Non credete alle sue dichiarazioni di provetto casalingo, in realtà mentre A.B. scrive, sua moglie è costretta a fare le faccende di casa. Un evoluzione 2.0 della versione divano-tv-telecomando.

Qui casa Gioxx. Il dubbio che le “xx” del nick Gioxx significassero qualcosa di più che “baci-baci” diventa realtà all’ingresso. Fuori, parcheggiata si trova la sua taroccatissima (e quindi bellissima, la mia è invidia!) Peugeot 206 e, sedute con cintura, al suo interno, troviamo numero 3 bambole gonfiabili con appiccicata all’altezza della faccia, per ognuna, le facce di: Stefigno, Napolux e Zeno. La cosa si fa inquietante, decido quindi di entrare in casa sua. Non l’avessi mai fatto: Gioxx ha foto di Marilu appese ovunque nella stanza, come un’ossessione ricorrente. Ma la sua è una tattica vincente: in casa Gioxx ha una scuderia tutta sua, formata da 10 pin up che pascolano in giardino, pronte ad intervenire ad ogni suo schioccare di dita. Gioxx trae forza ed ispirazione da loro; è lui il Tinto Brass 2.0.

Qui casa “Uattàà” Sartoni. Per suonare il campanello bisogna tirare un calcio volante su una noce di cocco appesa sopra la vostra testa, davanti alla porta; solo così il complicato meccanismo di avviso potrà scattare, e solo a quel punto Luca vi aprirà, inchinandosi con le mani giunte. Preoccupatevi se esce vestito con un kimono ed una cintura nera allacciata in vita. Come mi ha spiegato Jtheo, con due dita può farvi provare un dolore disumano; se invece siete donne, pensate che sensazioni può farvi provare con 5 dita… Sta di fatto che le sue donne (la poligamia è il futuro, prendete msn messenger ad esempio…!) per staccarlo dal pc quando sta bloggando hanno dovuto guardarsi tutti i film di Van Damme ed imparare punti di pressione segreti: Luca infatti è pieno di lividi causati da improvvisi svenimenti con conseguenti testate prese sui tavoli su cui stramazza. La cura sembra però funzionare, perché Luca è costretto a postare nei ritagli di tempo e nei luoghi più angusti.

Qui casa “Stefì”. Quindi siamo un po’ ovunque, anche a casa di xlthlx, a Padova, ecc…ma non importa: Stefigno usufruisce ovunque di una connessione, con qualsiasi “device”, anche con un ferro da stiro. So per certo che lui i post li scrive in bagno, perché li si concentra meglio e le sue ipotetiche donne sono ormai assuefatte alle ore che Stefigno passa col suo amico W(ater). Ora che ha cominciato con le dirette in cui promette di mostrare le parti del corpo più nascoste, tutte le spasimanti di Stefigno sono avvisate: se vogliono combinare, lo devono fare alla luce del sole, davanti alla blogosfera italiana che commenta, in rigorosa diretta, ciò a cui si assiste.

Qui casa Izzo. Volano piatti, forchette, cristalli liquidi per capelli e chi più ne ha più ne metta a Casa Izzo, altro che. Siccome Pietro è un artista puro, uno di quelli che trae ispirazione da qualsiasi cosa, anche da un water abbandonato tra i cassonetti, la sua donna è disperata. Disperata perché magari sta parlando da 15 minuti con Pietro che invece sta pensando a come cazzeggiare scientificamente on line, disperata perché nonostante le sue sfuriate Pietro non migliora. Anzi, magari posta su Flickr le foto di quei momenti, quando lei tra uno sbuffo e l’altro si incazza come un iena perché non gli dedica tempo a sufficienza. Pietro non ti preoccupare, ti capisco. Lui, imperterrito, usa la forza trasmessa dai cristalli liquidi per tenere lontano fastidiose scocciature domestiche; la lucidità acciecante dei suoi capelli sembra funzionare, per ora l’attività di blogger di Pietro Izzo andrà avanti.

…Per una volta non vi racconterò nel mio caso cosa accade: rischierei fratture multiple. Con buona pace di tutte le altre fidanzate.


Vota Antonio

gennaio 29, 2008

Z-Blog Awards, Sw4n powered: Nominee

Ebbene sì, alla fine anche il Blog a Progetto è in lizza per i prestigiosissimi “Z-Blog Awards”. Quando si tratta di essere gli ultimi e vincere un premio con la “Z” davanti non so resistere, devo partecipare ad ogni costo.

Le due categorie in cui sono in lizza sono Miglior Z-Blog e Miglior Z-Blog fonte di Spunti; devo ammettere che mi sarebbe piaciuto partecipare anche ad un altro paio di categorie, in special modo quella del miglior post (ne avevo in mente 3-4 spiritosi in merito, ma pazienza…è un gioco!).

Votatemi: ho in serbo una sorpresona (giuro, ma niente pagamenti in natura please) se mi aggiudicherò la vittoria anche in una sola delle due categorie. Non anticipo nulla. Per votare, cliccate qui ed opzionate “Blog a Progetto” in “Z_Blog” (terza categoria) e in “FonteDiSpunti” (ottava categoria). Nelle altre categorie potete fare quello che volete, ma non spammate né ripetete il voto, che poi Sw4n si arrabbia e vi sculaccia.

Votatemi: questa blogosfera ha bisogno di “riforme” e di “ritornare a correre”.


Papà mi ha fatto da solo

gennaio 21, 2008

Sul simpatico bisticcio tra Elio Mastella (figlio dell’omonimo più famoso) e Alessandro Sortino non ho molto da dire. Entrambi si comportano come se fossero iscritti a BlogBabel insomma.

Solo una cosa vorrei far notare: Elio Mastella assomiglia incredibilmente ad un’altra persona. Ma “chi”, direte? Pensateci bene. Sì, è proprio lui. Suzukimaruti, il figlio illegittimo e mai riconosciuto di Clemente Mastella.


Come riconoscere un ritardatario cronico e come cavarsela se lo siete

gennaio 13, 2008

Come riconoscere un ritardatario cronico. È giunta l’ora di uscire allo scoperto, devo confessarlo a tutti. Sono uno schifoso ritardatario cronico e a quanto pare è addirittura una patologia. Scherzi a parte, ho notato che è una cosa molto comune oggi arrivare in ritardo; probabilmente è alquanto maleducato ma davvero, è più forte di me, la puntualità è una cosa sconosciuta.

Ho deciso quindi di insegnarvi a riconoscere un ritardatario cronico ad ogni costo, per poi raccontarvi come comportarvi (se anche voi lo siete) con determinate persone o in determinate situazioni. Insomma, sto cercando di salvare le chiappe a noi affetti da un problema di procrastinazione (se lo dice ilmiopsicologo.it non c’è da stare tranquilli).

.: I SINTOMI

Intro. “Mi raccomando Alessandro, il ritrovo per stasera è alle 21.30, non tardare”. “Ok, non c’è problema”. Chi parla sa benissimo che io arriverò non prima delle 22.15, quindi tiene conto del mio ritardo, perché io troverò sicuramente qualcosa da fare fino alle 22.12 circa, tipo twittare, leggere i feed, giocare ad hattrick o qualsiasi altra cosa inutile che fino a quel momento non mi era venuta in mente: sono patetico e vergognoso in certi casi, me ne rendo conto ed ogni volta che prendo la macchina al volo per andare ad qualsiasi appuntamento penso tra me e me “non è possibile andare avanti così, fai schifo per quanto ritardi”.

Le stringhe slacciate. Uno dei dettagli che vi portano a capire se una persona è ritardataria cronica sono le “stringhe slacciate e svolazzanti”. Nella stupida logica temporale del cervello di un ritardatario cronico, resosi conto dell’immane ritardo, ogni secondo diventa di colpo preziosissimo, quindi bisogna guadagnare tempo in ogni modo. Devo uscire di casa? Corro a prendere portafoglio, cellulare e quello che mi serve, mi infilo il giubbotto alla bell’e meglio e infine le scarpe senza allacciarle. Poi mentre sono in macchina fermo ad un semaforo o le allaccio, una scarpa per un semaforo alla volta o infilo le stringhe lateralmente, così non saltano fuori.

L’orologio avanti nel tempo. Se chiedete ad un vostro amico “che ore sono?” e lui vi risponde dicendovi l’ora con 10 o 15 minuti in più allora sì, è malato. Nell’ottica di un ritardatario, una soluzione al problema potrebbe essere quella di autoconvincersi che è già tardi guardando l’orologio e sapendo che in realtà è in anticipo dovrebbe farcela a non mancare l’obiettivo. Invece no, non sarà mai così. Perché se tu, stupido come me, sai di impostarti l’ora avanti nel tempo, ogni volta che la guarderai penserai “eh ma tanto è presto, c’è ancora tempo”, fino a quando sarà ancora una volta troppo tardi.

Il fiatone. Se qualche amico arriva ad un appuntamento col fiatone, un po’ sbrindellato o addirittura sudato…sapete perché. Certo, può capitare l’imprevisto, ma non ogni sera o se semplicemente deve attraversare la strada per venire da voi. Non avete idea di quanta velocità nella corsa possa sfoderare un ritardatario cronico sia per prendere un treno o un pullman. Per cavarsela meglio, la natura ci ha dotati di bionicità e quando la usiamo facciamo quel rumore noto e fastidioso che faceva il six million dollar man (c’è un episodio dei griffin in cui c’è un flashback geniale sull’uomo bionico).

I capelli bagnati. Se andate in palestra o fate sport lo saprete sicuramente: non avete tempo di asciugarvi quei dannati capelli o addirittura pettinarvi, come me? La soluzione sarebbe raparvi a zero, ma non a tutti piace. Io per esempio d’inverno indosso l’immancabile cappellino con pon pon. Occhio però quando lo levate, questo dipende dal tipo di capelli che vi ritrovate: potreste rischiare di trasformarvi in Disco Stu.

Porto da bere?. No, ditegli di non portare da bere se sapete che quella persona è un ritardatario. La cosa potrebbe ritorcervisi contro. Se invitate a cena uno famoso per la non puntualità questa sarà una scusa semplicissima da usare, cercate di non fornire alibi insomma. Piuttosto ditegli che offrirà lui se proprio proprio.

Le madonne che tira. Siete in attesa di una coppia di amici e non arriva? Quando arrivano lui “smadonna” letteralmente contro di lei che ci ha messo 1 ora per truccarsi il sopracciglio sinistro o, viceversa, lei lo insulta pesantemente perché ci ha messo 45 minuti per sistemarsi i capelli? Sì, sono dei canonici ritardatari e si vergognano tantissimo di esserlo, litigano ogni volta in macchina per questa cosa, spesso rovinandosi le serate ma…non c’è niente da fare, sarà sempre così. Anche se lei lo minaccerà di non dargliela fino a data da destinarsi o lui non le scalderà più i piedi ghiacciati a -40° tra i polpacci, sotto le coperte.

Le mani avanti. Prima di salutarvi il vostro amico/parente o quello che vi pare vi racconta di un episodio incredibile appena avvenuto? Tipo che non trovava il portafoglio o le chiavi di casa, tipo che il gatto gli aveva rubato le chiavi della macchina nascondendogliele nella sua lettiera? Non credetegli. Sono scuse. Credetegli invece se vi racconta che ci ha messo 15 minuti per infilarsi il giubbotto, mettersi le scarpe, il cappello e ricordarsi di prendere 10 cose tornando in casa 11 volte, perché ogni volta si dimentica qualcosa. È così, quando di colpo vi accorgete di essere in ritardo e dovete uscire, ci mettete il doppio del tempo per fare le cose più semplici: non dite che non vi è mai capitato di non riuscire ad infilarvi la manica del giubbotto o di capottarvi mentre scendevate in fretta le scale. Queste sì, sono scuse ma in un certo senso non lo sono. Questa parte però è un anticipo della prossima sezione.

.: USCIRNE CON STILE E SAVOIR-FAIRE

La fidanzata. Avete un appuntamento con lei, dovete andarla a prendere e siete in super ritardo? Non c’è problema cari i miei sbadatoni. C’è una frase apposta per ogni situazione, ma evitate le battute simpatiche tipo “ho il gomito che mi fa contatto col piede”, li capirà che siete sulla difensiva e vi farà un mazzo così. Quindi, senza remore, appena giunti sul posto, salutatela in modo deciso e fate quelli risentiti e un po’ scocciati, dicendo “cazzo, c’era traffico assurdo, poi avevo davanti dei deficienti che andavano a 50 all’ora, senza contare quei maledetti camion di emme…”. Lei vi capirà, soprattutto se le stamperete un bel bacio, accompagnato da un’ottima frase di circostanza (non buttatevi però in rischiosi “tesoro, come stai bene col nuovo taglio di capelli”, quando magari li ha tagliati 1 mese fa e voi ve ne accorgete solo ora). Ovviamente se abitate a 5 km di distanza, la cosa è poco credibile, quindi a quel punto dovete spostarvi su altri orizzonti: la chiamata imprevista dell’amico che aveva bisogno consulenza, la mamma che proprio all’ultimo momento vi manda a fare la commissione, ecc… Ricordatevi di contare il numero di semafori che intercorrono tra la vostra abitazione e la sua, così da poter citare quanti rossi vi siete beccati, proprio quando vi avvicinavate all’incrocio.

Appuntamento di lavoro. Cavolo è uno di quei casi in cui è meglio non ritardare, ma in genere le parole “tangenziale”, “tamponamento” e “coda” funzionano nel 99% dei casi. Se l’appuntamento non è così importante potreste giocarvi anche la carta dell’avevo capito che “era ad un’altra ora”. Se dovete andare ad un colloquio però, evitate assolutamente di ritardare, cavolo. Se è ancora una delle prime volte che andate in questa ditta, giocatevi anche che “non trovavate la strada”, avranno pietà di voi.

Esame universitario. Ah, qui è fin troppo facile per uno consumato come me; non avete trovato parcheggio, il treno in super-ritardo (cosa peraltro frequentissima e purtroppo vera), la metro che tarda ed è lentissima…qui il fiatone è d’obbligo, per far vedere che davvero avete fatto di tutto per arrivare (in ritardo?) in tempo… Spesso poi, se l’esame è scritto, avrete il privilegio di non sedervi in prima fila, ma dipende dal professore.

Con gli amici. Trasformate i vostri famosi ritardi in un aspetto simpatico del vostro carattere. Diventate un mito tra amici, amici di amici e tra l’altra gente del locale o del paese che frequentate abitualmente, di modo che quando la gente vi vedrà passare bisbiglierà cose leggendarie su di voi, come “Ehi, guarda! Ma quella è la famosa X, quella che una volta era talmente in ritardo che…ha partorito!” (battuta che si capisce, vero?). Insomma, fate sì che parlino dei vostri ritardi, così la cosa verrà facilmente accettata e diverrà argomento sì, per sfottervi un po’, ma anche per alleggerire le vostre colpe.

Ad un Barcamp. Ah, qui vi viene meglio se siete una blogstar. Come si dice, i più fighi si fanno attendere, immaginate la scena: l’inizio del Barcamp è fissato alle 9? Arrivate alle 9.30, 9.45 o al massimo alle 10, quando i dibattiti sono appena iniziati e l’attenzione è ancora viva; state sicuri al 100% che quando aprirete la porta tutti si distrarranno e si volteranno verso di voi, anche chi sta parlando in quel momento…perché voi sapevate dal programma chi interveniva per primo. Di conseguenza, subito vi riconosce e quindi vi cita simpaticamente, facendovi addirittura applaudire. Sì, in quel momento tutti non pensaranno al vostro ritardo in sé, ma piuttosto “cacchio, è una blogstar, avrà sicuramente una cifra di cose da fare, ecco perché è arrivato ora!”. Sorridete e salutate, sentitevi figosi: è così che si fa una vera entrata; sentitevi qundi in dovere di arrivare tardi. Se invece siete uno come me, evitate certe cose…come avevo già raccontato.

Alla festa delle medie. No, non è la festa delle birre medie; è la festa dei (super) gggggiovani. Anche qui vale la regola dell’arrivare tardi”programmato”, come spiegato alla voce barcamp. Parlerò dei maschietti: se avete avuto la fortuna di non essere un o.g.m. a metà tra un bambino ed un adolescente (il periodo delle medie credo sia quello dove si è più brutti che in tutta la vita, sia per i vestiti che per l’aspetto fisico appunto) la figurona la fate, come se tutti erano li ad attendervi. se invece siete quello sfigato, con le toppe sulle tute comprate dalla mammina, con gli occhialoni, l’apparecchio, il taglio di capelli in stile scodella del mulino bianco allora…arrivate il prima possibile; tanto lo so che è il vostro unico appuntamento mondano e lo sanno tutti. L’aspetto positivo è che arrivando prima trovate ancora da bere e mangiare e la stanza non puzzerà di quell’odore speciale di feticcio adolescenziale in crescita. Il bello di quest’età è che la colpa del ritardo può sempre essere scaricata sul genitore che deve portarvi o sul genitore del compagno che doveva portarvi.

Concludendo, se seguirete tutti questi consigli alla lettera, riuscirete facilmente a sopravvivere nonostante la vostra vergognosa abitudine ad arrivare tardissimo sempre e comunque. Perchè i ritardatari, essendo costretti a sviluppare sempre nuove scuse, a trovare nuove soluzioni ed a cavarsela in qualsiasi momento, alla lunga diventano più furbi e più svegli. Ora che lo sapete, bullatevi in giro di questo vostro enorme ma amabile difetto.

N.B.= al massimo c’è sempre ilmiopsicologo.it che vi offre consulenza via skype(“Sig. esperto, come faccio a non arrivare più in riardo?” Risposta: “svegliati prima, pirla!”)


Don’t you worry about a thing

dicembre 31, 2007

Ebbene sì, questo è il post di fine anno, è giunta l’ora anche per me di fare l’orrendo ed atteso passo. Provo ad immaginarmi ed a suggerirvi dei pensieri mentre state facendo il vostro personalissimo conto alla rovescia, il conto che vi permette di gettare via le cose brutte dell’anno che se ne va (davvero troppe per i miei gusti). Ancora una volta il mio regalo è riciclato, nel senso che il video qui sopra l’avevo postato anche l’anno scorso. Buon 2008 a tutti e vedete di fare all’Amore stanotte, possibilmente da ubriachi.

“DIECI…!” - Non vedo l’ora di mandare a quel paese questo brutto annaccio, reso un po’ più piacevole da poche cose (lo scudetto dell’Inter, la Laurea e altre cose private che non sto li a raccontarvi). Massì dai, dopotutto sono vivo.

“NOVE…!” – …Dai però è un altro anno che se ne va, si diventa vecchi. Certo non vecchi come Axell o Suzukimaruti che tra l’altro ormai su twitter digitano raramente e col bastone, ma i 20 anni sono ormai lontani…

“OTTO…!” - Cazzo, ma nel discorso alla nazione Napolitano poteva evitare di fare pause di 10 secondi tra una parola e l’altra….sembrava Prodi. E poi invece di raccontare le solite storiacce, di parlare di coesione e responsabilità…poteva sfanculare qualcuno, emettere un rutto, ballare la macarena, parlare dei precari, dei giovani o…semplicemente poteva augurare un buon cenone a tutti bevendo un bicchiere di Crystal, avrei apprezzato di più. Un anno in più anche per queste cariatidi della gerontocrazia, sono talmente rincoglioniti che per loro il tempo si è fermato.

“SETTE…!” - Mmmh…carine quelle mutandine, aspetta che faccio cadere un’altra forchetta così ti pieghi a raccoglierla ancora, piccola mia. Vedi come ti limono bene appena facciamo il brindisi. Quanto mi piaci, baby.

“SEI…!” - Ogni anno è la solita storia, c’è acceso canale 5 o rai 1 che in perenne ritardo col conto alla rovescia, con Costanzo o Conti a condurre fanno partire sta minchia di trenino “pe-pe-pe-pe-pe-pe” con i resti fossili della tv li a tentare di ballare senza fuoriuscire dai vestiti contenitivi che indossano…che tristezza, quasi quasi era meglio sentire Socci che cantava “perché perché perché…”

“CINQUE…!” – Ma com’è che quest’anno ancora non sono ubriaco fradicio steso per terra coi pantaloni abbassati e col cane del mio amico che mi lecca la faccia mentre gli dico che sono suo padre? Appena scatta lo zero ci do dentro di gusto.

“QUATTRO…!” - Ah, queste maledette mutande di lana che mi ha regalato Pietro Izzo e che mi ha costretto ad indossare stasera mi danno proprio fastidio. Mi prude tutto il sederino, aspetta che gli do una bella grattata.

“TRE…!” - Ma al papa ed ai suoi amici un colpettino…no eh? Ma dico non so, un mal di schiena a lui, un epidemia di febbre gialla a quelli della Cei, un festino sadomaso a sorpresa per la Binetti, cose simpatiche insomma. È proprio vero che le cose brutte non accadono mai ai più cattivi, ricchi e bastardi. Affanculo anche voi.

“DUE…!” – Che tristezza, sono proprio triste dibbrutto. Siamo nel 2008, sbaglierò a scrivere la data per i primi 4 mesi e poi è l’anno in cui arrivo al primo quarto di secolo. Però sono felice dai, magari ci saranno delle svolte quest’anno, metti che vinco al superenalotto (a cui non gioco mai) o arrivo nei primi 10 posti di blogbabel: guadagnerei una cifra di aperitivi e di reply su twitter.

“UNO…!” - Ma andatevene affanculo tutti quanti, io compreso, la vita è una sola e per molti è una vera merda. Beviamoci sopra e Auguri a tutti, con la speranza che il 2008 mi faccia diventare miliardario, così da schifarvi tutti quanti ignobilmente. Ma no, c’è altro nella vita di importante, dai. Tipo i cerchi in lega.

“ZERO…!” - Blogger abusivi, commenti abusivi, blogosfere abusive, abusi sessuali abusivi; tanta voglia di ricominciare abusiva. Appalti truccati, trapianti truccati, motorini truccati che scippano donne truccate; il visagista delle dive e’ truccatissimo. Papaveri e papi, la donna cannolo, una lacrima sul visto: Italia si Italia no Italia bum, la strage impunita.
Puoi dir di si puoi dir di no, ma questa e’ la vita. Prepariamoci un caffè, non rechiamoci al caffè: c’e’ un commando che ci aspetta per assassinarci un po’. Commando si commando no, commando omicida. Commando pam commando papapapapam, ma se c’e’ la partita il commando non ci sta e allo stadio se ne va, sventolando il bandierone non più il sangue scorrerà; infetto si? Infetto no? Quintali di plasma. Primario si primario dai, primario fantasma, io fantasma non sarò e al tuo plasma dico no. Se dimentichi le pinze fischiettando ti dirò “fi fi fi fi fi fi fi fi ti devo una pinza, fi fi fi fi fi fi fi fi, ce l’ho nella panza”. Viva il crogiuolo di pinze. Viva il crogiuolo di panze. Quanti problemi irrisolti ma un cuore grande così. Italia sì Italia no Italia gnamme, se famo du spaghi. Italia sob Italia prot, la terra dei cachi. Una pizza in compagnia, una pizza da solo; un totale di due pizze e l’Italia e’ questa qua. Fufafifi fufafifi Italia evviva. Italia perfetta, perepepe’ nanananai. Una pizza in compagnia, una pizza da solo: in totale molto pizzo, ma l’Italia non ci sta. Italia sì Italia no, Italia si ue’ , Italia no ue’ ue’ ue’ ue’ ue’ . Perché la terra dei cachi e’ la terra dei cachi.

No.


Guide per l’idiota che sei

dicembre 29, 2007

Cosa vi viene in mente se vi dico parole come “eurostress, glam-cheap, vita in offerta speciale, ragazza dallo sguardo prezzante, esperta budget, strategia las vegas, tutto-logo, amico gay, little-black-dress, global-warming, animalier, armadio del riciclo, luxury outlet”? Probabilmente mi fareste ricoverare, lo so.

Invece no, non è così in questo mondo in cui risulta vitale scrivere guide per ogni genere di cosa. Un mondo strano, dove è uso e consuetudine, quindi norma, trovarsi nello status di precario e allora “dai”, adattati a questa vita, spendi e spandi anche tu quando ci sono i saldi e la roba costa un po’ meno (spesso costa quanto in realtà dovrebbe costare), perché te lo dico io che ho stilato 10 punti; cavolo, sono anche semplici, sintetici e concisi, cosa vuoi di più. Del resto la vita moderna viene definita “in offerta speciale”, spiegazione che può affrancarsi facilmente anche alla vita di tutti i giovani precari moderni: assumerci costa poco, quasi niente e distruggere il nostro futuro è ancora più facile.

Quindi non stupitevi se esistono svariate guide per sopravvivere in questo mondo terrestre parallelo, che sicuramente non era quello previsto da chi lo ha creato. C’è la guida per fare shopping on line, la “guida per arredare la casa”, la “guida per farla godere in 3.4 mosse”, la “guida per fare un bambino in meno di 9 mesi”, la “guida per scegliere la macchina su misura, la “guida per scegliere il tuo fidanzato”, la “guida per leggere una guida”, la “guida per guidare in due semplici passaggi”, la “guida per andartene affanculo”, la “guida per ottimizzare quello che vuoi”, la “guida per assaporare il piacere”, la “guida per l’accessibilità ai contenuti”, la “guida per il web 2.0″, la “guida per fare milioni di miliardi di dollari curando un blog”, la “guida per disegnare un blog”, la “guida per commentare il blog di Luca Sofri senza poterlo fare”, la “guida per compilare tutto quello che ti pare senza seguire le linee guida”, la “guida sull’islam”, la “guida per ascoltare musica tappandosi le orecchie”, la “guida per cambiarti le mutande senza toglierle”, la “guida per giocare al casinò”, la “guida per il pellegrino, per l’immigrato, per l’avvocato, per l’idiota e l’ubriaco”; guide per “cercare in internet”, guide “per evitare di ruttare bevendo un litro di coca cola”, guide “per sopravvivere alla maturità, alla suocera e ad un attacco alieno”, guide “per sopravvivere all’eurostress, per superare l’onta della vergogna, per contare fino a 21 usando le dita, per resistere sorridendo e camminando a gambe-strette ad un attacco di diarrea-lampo”; guide “per avere gli addominali scolpiti facendo esercizio solo per 10 minuti all’anno”, guide “per infilarsi le scarpe bendati”, guide “per fare gli scherzoni più fastidiosi ai tuoi amici e chi più ne ha più ne metta” (se ne ho dimenticata qualcuna vi prego, segnalatemelo pure). Attenzione, tutte da non confondere con le famose e pericolosissime “linee guida”, roba che se per sbaglio esci da questi fantomatici binari sono cazzacci acidi: metti caso che non segui le rigidissime linee guida del bon ton per mangiare a casa del cugino dello zio della suocera o sbagli la consecutio temporum quando devi fare sesso con la tua ragazza; sei morto, sepolto, out, finito, è meglio che vai ad ammazzarti subito brutto sfigato, non sei al passo coi tempi e non sai stare dietro alle direttive della moda del tempo.

Tutto questo chiacchiericcio che sa molto di presa per i fondelli giornalistica verso il nostro gentile ed affilato intelletto ovviamente non vale se sei uno di quelli che acquista riviste del genere “For Men”. A persone come te non ho nessun consiglio da dare. In questo caso sei proprio tu l’idiota che sei.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.