“Voi siete quelli che”: la tv che insegna odio e violenza

marzo 10, 2009

Questi sono i rischi che si possono correre oggi ad essere un rumeno che vive in Italia. Il risultato è che tutta questa bella gente si sentirà in dovere di riversare le proprie frustrazioni e i propri problemi sul capro espiatorio di turno.

Sarebbe bello che qualche giornalista felice del tg confezionato su misura, dai contenuti orientati solo alla logica dello share, una via di mezzo tra l’incredibile ma vero ed una fobia totale orientata a terrorizzare persone anziane, si sentisse minimamente responsabile nella costruzione di questa macchina dalle potenziali conseguenze di portata sociale devastante.

Sì perché ormai anche i muri lo sanno: lo sparuto pubblico di riferimento che ha ancora il coraggio di guardare ogni sera il tg, viene immaginato in modo abominevole. Con logiche totalitarie.
Poco istruito, poco informato, assolutamente privo di capacità critica e pressoché impotente di fronte a quello che gli viene vomitato nelle orecchie e sputato negli occhi. Di solito infatti le immagini che accompagnano certi servizi, servono a veicolare particolari concetti nelle menti comuni.

L’unica reazione scatenata in genere è lo spalleggiamento di quella che viene considerata la morale comune, l’opinione pubblica dittatoriale, quella che porta ad addurre motivazioni come “rumeni di merda, li ammazzerei tutti”.

Questa insomma è la nuova società che hanno voluto e che stanno plasmando. Tutto questo, mentre dopo soli 2 mesi del 2009, si arriva circa a già 400.000 nuovi disoccupati. Senza dimenticare le centinaia di aziende che stanno già ricorrendo alla cassa integrazione o alle rotazioni.

In mezzo a tutto questo caos il Governo continua a non muovere nemmeno un dito. Nel senso che continua a governare con le chiacchiere, le promesse e i luoghi comuni tanto amati dalle mai sazie coscienze italiane.
JP Morgan ha stimato una percentuale di fallimento del nostro paese così alta da classificarci “first to default basket” entro i prossimi 3 anni.

Siamo quindi il peggio del peggio. Gli ultimi della classe, i parassiti del trenino di Eurolandia. Abbiamo una società squallida che non fa altro che peggiorare, proprio in un momento in cui dalle altre parti ci sono occasioni per fare meglio, scommettere e crescere, imparando dagli errori.

Ora, non so bene cosa potrà accadere di qui a 3 anni, ma di sicuro non avremo problemi di stitichezza.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.