Nunzia condivide la sua esperienza

..Finalmente qualcuno ha il coraggio di portare anche la sua esperienza davanti agli altri, di fare sharing di una vita a progetto.

Il suo nome è Nunzia, e la ringrazio di cuore per aver raccontato ancora una volta cosa significhi lavorare con un contratto ridicolo come quello a progetto.

“Mi chiamo Nunzia ho 43 anni ho lavorato in un un call center in provincia di Bari per circa due mesi compresa la formazione, dal 08/08/2006 al 30/09/2006. Inizialmente ho firmato un contratto a progetto come operatrice telefonica in outbound. Sempre nell’arco dei circa due mesi i contratti a progetto sono diventati cinque.

In poche parole ho lavorato su circa cinque contratti differenti. Alla fine dei due mesi di lavoro e dei cinque contratti che avevano tutti scadenza 30/09/2006 mi hanno comunicato telefonicamente che la mia collaborazione era finita mentre ad altri colleghi era stato rinnovato il contratto addirittura a tre mesi. E’ possibile che non mi hanno rinnovato il contratto perchè sono troppo vecchia per lavorare in un call center? Ho chiesto spigazioni ma non ne danno.”

..figurati, chi dovrebbe darci spiegazioni e risposte concrete parla di aria fritta e cose inutili, figurati se chi ci guadagna col contratto a progetto è tenuto a darti una spiegazione…più che altro perché non ha una spiegazione. Credo (e spero) che chi assume e licenzia in continuazione impugnando il contratto a progetto un pochino si senta meschino e frustrato.

Gli basterebbe immedesimarsi nel moderno lavoratore flessibile.

A voi i commenti…specialmente mi riferisco a Gegio o MC, due che qualche risposta potrebbero darla.

P.S.= Domenica 26 La Carovana Antimafia passerà da Monza, Teatrino della Villa Reale ore 17. Partecipa, tra gli altri, il Magistrato Giancarlo Caselli. Si organizza inoltre alle ore 20 presso l’Arci di Arcore la “Cena della legalità”.. Simpatico, ad Arcore la cena della legalità..?!

Annunci

One Response to Nunzia condivide la sua esperienza

  1. sonounprecario ha detto:

    ..io credo che l’età in questo caso non c’entri, specialmente in un lavoro come il nostro con zero tutele. Ognuno è sfruttabilissimo perché:
    – costa poco
    – si può assumere, riassumere…
    – si può licenziare in qualsiasi momento

    ..ho sentito tante storie come la tua, capitate a miei amici (colleghi), lasciati a casa senza nessun motivo in particolare, o addirittua perché troppo “ammalati”..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: