“Pesci” editoriali

[…]Montezemolo ha sottolineato come “la sfida del futuro sarà tra componente umana e non umana, giornalisti contro software”, denunciando il fatto che i tanto temuti motori di ricerca sono in fondo “attori che pretendono senza dare” e assomigliano a delle “piante parassite che per crescere usano le strutture costruite da altri”[…].

Come al solito i nostri amici-eroi giornalisti hanno capito tutto, meno di prima.

Per questo hanno invitato Montezemolo, uno che con l’editoria moderna ci casca proprio a fagiuolo. Meglio vendere tutto ciò che sta intorno all’informazione (gadget, inserti, ecc…) che tornare a concentrarsi sul soggetto principale, l’informazione, quella vera, l’unica cosa che bisognerebbe vendere ai cittadini. Questo il processo preferito e più comodo della stampa italiana.

Non so se i giornalisti smetteranno prima o poi di odiare i blog e di vederli solo come un acerrimo nemico da combattere. Sarebbe bello che un po’ tutti cominciassero ad usarli come strumento di supporto (come già fanno in segreto, incrociandolo magari con altre fonti), magari per capire un po’ di più i gusti di questi lettori che stanno cambiando, che vogliono partecipare ai processi di creazione delle informazioni (abbiamo migliaia di esempi ogni giorno, e negli Usa se ne accorgono perché in queste cose sono lievemente avanti) e che (soprattutto i più giovani) non sono tanto abituati a concepire un’informazione a pagamento (ok, studio aperto non è informazione).

Come se Bill Gates ammettesse pubblicamente di usare Linux caricato su un iMac insomma.

Annunci

One Response to “Pesci” editoriali

  1. paolo ha detto:

    sembra la copertina del film”SHARKS”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: