The Sun of silence

Da Repubblica.it

E mentre ogni tanto qui ci si ricorda del problema clima, del surriscaldamento, di come produrre e offrire energia in modi non alternativi e cioé parlando ancora di carbone e nucleare, a Siviglia è operativo il primo dei nove impianti ad energia solare che entro il 2013 soddisferanno il fabbisogno elettrico di 600 mila abitanti“.
Quello di Siviglia è infatti il più grande progetto fotovoltaico d’Europa che permetterà di ridurre le emissioni annue di CO2 (anidride carbonica) di 600 mila tonnellate.

Peccato che non siamo così vicini alla Spagna: avremmo potuto trarre qualche vantaggio anche grazie alla riduzione delle emissioni di qualcun altro; ormai bisogna cominciare a vederla anche in questo modo.

Annunci

3 Responses to The Sun of silence

  1. patrickcolgan ha detto:

    il problema non sono solo le emissioni. prima o poi petrolio o gas finiranno. Una cosa del genere – molto più piccola – è già attiva in Sardegna. purtroppo in Italia non abbiamo spazi adeguati, come invece ci sono in spagna. solo l’altro giorno Carlo Rubbia suggeriva il nordafrica come soluzione ideale per il fotovoltaico e futura riserva d’energia dell’europa.

    p.

  2. patrickcolgan ha detto:

    in ogni modo siamo indietro.

    p.

  3. sonounprecario ha detto:

    Non abbiamo spazi perché nessuno ci hai mai pensato o ha mai voluto costruirli. Mi sembra che ora trovino spazio solo per costruire centri commerciali e case.
    Con tutto il vento che c’è in Sardegna, ad esempio, una regione sarebbe a posto; e infatti in molti punti della Sardegna ci sono impianti eolici. Ma non basta o meglio, non basta una regione. Parliamo del Sud, di quanto sole ci sia, ecc…
    Appunto perché petrolio e gas finiranno è ora di cambiare! Anche se è tardi e noi saremo in ritardo, come sempre =D

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: