Car Surfing

Non so se avete mai sentito parlare di “car surfing”. Il significato sta nella parola. C’è un imbecille qualsiasi , in genere minorato mentale, che si aggrappa al tetto, al cofano o sta in piedi sul baule di una macchina mentre qualcuno la guida, possibilmente abbastanza forte.

Su youtube, basta scrivere “car surfing”, guardarsi i risultati e avrete facilmente un’idea di ciò di cui parlo: qualcuno si fa rubare la macchina mentre lo fa, qualcuno si fa male e qualcun altro muore, come ieri al tg1 hanno spiegato.

La polizia inglese quando riesce ad arrestare qualcuno, invece che raccoglierlo col cucchiaino, spiega che “questi teenagers sono stati ispirati a farlo dopo aver visto video di car-surfing su Internet”. Un po’ come il bullismo nelle scuole italiane; potrei fare altri esempi ma evito.

Taglio corto: secondo me sono cazzate. Va bene che la tv è una cattiva maestra, ma scaricare la colpa su youtube o su chi dovrebbe censurare o filtrare i contenuti non è giusto. E’ anche per colpa di questi idioti che si parla di porre più controllo su Internet (non parlo della pedofilia sia chiaro)… Del resto lo sapete, io sono per l’autoregolamentazione quando si parla di web, blogosfera, ecc… Non è giusto che per colpa di un cretino (per esempio), da domani non potrò più vedere su youtube uno che fa sparare la coca cola in orbita con le Mentos perché altrimenti qualcuno lo fa con la bocca aperta ed esplode ruttando. Insomma, lo scherzo e la bravata ci stanno e magari fanno anche ridere; se faccio uscire la coca cola in un parcheggio sono sì un po’ pirla..ma non faccio male a nessuno. Sto solo scherzando.

Piuttosto la chiamerei “selezione naturale”: i più coglioni della nostra specie si leveranno di torno da soli, schiattando allegramente, e sperando che non causino incidenti ad altre persone.

Share:
Technorati icon

Annunci

3 Responses to Car Surfing

  1. Sempreinspiaggia ha detto:

    Hai ragione, però il problema sono gli imbecilli che emulano certi gesti (tipo i sassi dai cavalcavia). Che ci vuoi fare.

  2. sonounprecario ha detto:

    ..eh infatti…non è giusto però che paghino tutti. Come dicevo nell’esempio, mi pare stupido addossare le colpe ad internet o a youtube, in questo caso.

    Più che altro il pensiero va ai genitori…pensate voi la situazione in cui vengono a trovarsi.

  3. furio detti ha detto:

    concordo in pieno sulla selezione naturale.

    e aggiungo: anche per la pedofilia il discorso di Internet è una cazzata: non ci raccontano mai che la stragrande maggioranza degli abusi sessuali sui bambini avvengono FRA LE MURA DI CASA, e il pedofilo è quasi sempre un PARENTE STRETTO, altro che l’orco conosciuto sul Web!

    ma in un paese che crede a puttanate come il Family Day – promosso da divorziati e divorziandi/separandi (Fini insegna, a pochi giorni persino dalla kermesse) – è troppo spiegare che c’è più da temere da parenti e affini che da sconosciuti.

    vaglielo a spiegare a questi baluba e ai pennivendoli (quasi sempre giornalisti tesserati) che spacciano cazzate e luoghi comuni.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: