Dialoghi “medi” sotto l’ombrellone

Modalità autobiografica. Sono tornato dalle (seppur brevi) vacanze da un paio di giorni per la verità, ma riprendere il ritmo dei post e riallinearsi con i “traffici” social-web 2.0 non è facile per nessuno, nemmeno dopo soli 12 giorni. Scriverò quindi un post ancora vacanziero, così, di chiusura estate (mi viene da piangere, ma è già praticamente finita), prendendo spunto dal giorno di ferragosto delle mie vacanze.

Sotto l’ombrellone un’allegra famigliola di fianco a me discorre del più e del meno. Ad un certo punto la madre, con in mano una rivista tipo “Oggi”, “Gente”, “Novella 2 o 3000” (non me ne intendo) esordisce:

Mamma: “…Ma va questa (riferito a una delle tante soubrettes) che pancia! Altro che! Sembra incinta, ha la panzetta e la cellulite, e guarda pure questa (girando pagina).”
Mamma: “No, però questa ha un gran fisico, guarda che addominali e che glutei (e la squadra invidiosamente)
Figlia: “Ma vah mamma! Non lo sai?! (prende in mano la rivista) Le foto sono tutte ritoccatissime, guarda qui, qui e qui (ma lo dice rosicando un po’)…poi le vedi appena svegliate e ti rendi conto. Troppo facile anche vederle in tv messe da corsa.”
Ragazzo della figlia: (ruba la rivista alla fidanzata e inizia nervosamente a sfogliarla e leggerla) “Ma io davvero vorrei sapere per chi cavolo fanno ste riviste…davvero, chi diavolo può leggerle o comprarle?! Senti qui come scrivono male e che cagate pubblicano (leggendo il pezzo in questione). Solo i celebrolesi possono comprare ogni settimana queste riviste (e intanto la sfoglia, la tiene in mano e guarda per bene le foto).”
Ragazzo della figlia: “Ecco poi questo qui…guarda D’Alema che barca. E guarda quest’altro di sinistra; fanno tanto i comunisti poi va che barconi. No, guarda pure Gasparri e quest’altro (riferito a uno di destra, sinceramente non ricordo se il riferimento fosse a Gasparri) che bei motoscafi. Però questi fanno bene, sono di destra e sono coerenti, quindi possono avere lo yacht.
Padre: “Hai ragione ca…volo, mi fanno imbestialire anche a me queste cose. Non è possibile…!!!”
Mamma: “Dai, adesso non ti scaldare che non ne vale la pena. Calmatevi.”

A questo punto il padre e il ragazzo della figlia tornano a sfogliare la rivista di macchine su cui erano concentrati, discorrendo di BMW e Mercedes.

Share:
Technorati icon

Annunci

One Response to Dialoghi “medi” sotto l’ombrellone

  1. S.B. ha detto:

    Un’ombrellone di premi Nobel eh ? 😉

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: