Sacrifici onerosi

Si è dimesso Riccardo Capecchi funzionario della Presidenza del Consiglio presente sull’aereo della Air Mastella dopo aver scoperto la pubblicazione di una sua foto sull’aereo di Stato che, appunto, riportava Mastella e Rutelli a Roma dopo il gran premio di Monza.

Per la cronaca, la notizia vera è che per informarci delle sue coraggiose dimissioni Capecchi ha scritto a Dagospia, scavalcando un po’ di organi di stampa tradizionali.

Share:
Technorati icon

Annunci

5 Responses to Sacrifici onerosi

  1. ankou6 ha detto:

    però… allora mastella non è l’unico a passare le giornate su internet!

  2. sonounprecario ha detto:

    Ahahaha! Mastella è in internet solo per rispondere a beppe grillo. Siccome non pensava che riuscissero a parlarne in tv, ha aperto un blog con cui gli risponde in ogni post.
    Il ministro della giustizia..

  3. CasinaMauradier ha detto:

    L’incarico di Capecchi era di secondo piano. Non era consulente, consigliere, assistente di Prodi o di Letta e neppure un funzionario della Presidenza del Consiglio. Era uno dei collaboratori del Capo della Segreteria di Prodi (grazie all’amicizia con Letta). L’incarico, iniziato a gennaio 2007, era a termine: finiva fra due mesi. Il signore in questione non rimane disoccupato: torna a fare il dirigente alle Poste: auto aziendale gratuita completa di bollo, assicurazione, benzina e manutenzione; assistenza sanitaria integrativa gratuita; smartphone e traffico telefononico gratuiti; 14 mensilità da dirigente bonus aziendale. Dimettendosi non ha perso nulla e molto ha guadagnato. Un furbacchione.

  4. sonounprecario ha detto:

    Ah però, non ero a conoscenza di questa cosa. Hai per caso una fonte da incollarmi in merito?

    Oltre al danno la beffa.

  5. CasinaMauradier ha detto:

    MAI ANDATO VIA O GIA’ DI RITORNO?

    Riferisce Franco Adriano su “Italia Oggi” il 2 ottobre

    Giornata davvero turbinosa quella di venerdì scorso a palazzo Chigi, sede della presidenza del consiglio dei ministri (…). Ma non è passata inosservata la presenza, proprio al piano dell’aula dei ministri, di Riccardo Capecchi, (…)Capecchi aveva manifestato l’intenzione di andarsene e proprio nessuno, almeno ufficialmente, aveva provato a trattenerlo. Dimissioni sicure, dunque. Ma a pochi giorni dal fatto è rispuntato fuori. Anche questa volta era di passaggio?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: