Buone notizie

Finalmente qualcuno ci ritenta:

PALERMO – Otto anni di carcere. È questa la condanna chiesta dal procuratore aggiunto Giuseppe Pignatone nei confronti del presidente della Regione Sicilia Salvatore Cuffaro. Il governatore è imputato di favoreggiamento a Cosa Nostra e rivelazione di notizie riservate nel processo alle cosiddette talpe della Dda di Palermo.

La cosa che mi fa più scandalo è leggere che questo personaggio è presidente della Regione Sicilia, votato e rivotato, impunito e ri-impunito. È proprio quel signore che, insieme a Mastella fu testimone di nozze di Francesco Campanella, mafioso “pentito”, ex braccio destro del boss di Villabate Nino Mandalà. Ne ha fatte di tutte i colori e per questo l’Udeur di Mastella non poteva farselo scappare. Ora sì, è dall’altra parte o meglio, dove fa comodo.

Bisogna purtroppo ammettere che la colpa del persistere, del perdurare di gente come Totò Cuffaro non è soltanto della classe politica; la gravissima colpa è anche delle migliaia di siciliani che continuano a votare un probabile mafioso, un possibile colluso (usiamo il condizionale per evitare casini…), gente che quindi si mette sullo stesso piano delle piaghe italiane. Gente che per un voto si vende alla mafia, gente che non sa – per esempio – che nel corso delle perquisizioni successive all’arresto di Bernardo Provenzano «sono stati rinvenuti all’interno di un edificio adiacente al covo, in un barattolo, dei volantini elettorali di Cuffaro per le elezioni politiche del 2006 al Senato come candidato dell’UDC».

Ovviamente chi, se non lui, poteva affermare una cosa del genere?

Al fianco del Governatore si schiera Silvio Berlusconi che conferma “la solidarietà” a Cuffaro. “La stima che nutro nella sua intelligenza mi fa escludere in maniera assoluta che egli possa essere coinvolto in quelle vicende in cui si pretende di coinvolgerlo” dichiara il presidente di Forza Italia.

È davvero una vergogna senza precedenti. Quanti voti prende infatti Forza Italia in Sicilia? Non è un caso che la Sicilia sia ancora un serbatoio di voti incredibile. Mafiosi che difendono mafiosi.

Ovviamente parlo di quei siciliani che ancora sono rimasti all’epoca del feudalesimo, che si incazzano per una sciocca frase di Amato ma sono felici di appoggiare uno che insultava Giovanni Falcone e che sputa sul suo cadavere ogni giorno che passa seduto nella sede della regione Sicilia.

Erano accuse così false, tendenziose ed infamanti che Falcone, Borsellino e le scorte sono saltati in aria, insieme ad anni di lavoro e a vite trascorse senza sapere se si saltava in aria oggi o domani. Tanto sangue versato per che cosa? Per avere l’attuale ministro della Giustizia?

Share:
Technorati icon

Annunci

4 Responses to Buone notizie

  1. salpetti ha detto:

    La presunzione di innocenza non si deve negare a nessuno, quindi aspetterò al sentenza definitiva per fare commenti sulla vicenda di Cuffaro, vedremo come andrà a finire…
    Quel che è certo è che la Mafia ha cambiato aspetto, non è più quella di campagna e dei “pizzini” di Provenzano, adesso è quella dei colletti bianchi nei palazzi…

    salpetti.wordpress.com

  2. Francesco Protopapa ha detto:

    articolo esauriente su Cuffaro:

    http://www.societacivile.it/focus/articoli_focus/Cuffaro.html

    C’è pure un bel documentario su Totò e i suoi amici “La Mafia è bianca”; dovrebbe esserci ancora nelle librerie: libro + dvd.

  3. sonounprecario ha detto:

    @salpetti
    nel post ero ironico…dopo tutte le indagini, i processi evitati, ecc…sinceramente gliela negherei volentieri. Ma tant’è.

    @Francesco
    Il documentario l’ho visto, ma non tutto…lo rivedrò intero volentieri, Totò e i suoi amici dev’essere un must 🙂

  4. stefano ha detto:

    Ciao scusami il disturbo (se fosse tale) Ti faccio perdere solo 1 minuto. Non credo che riusciro’ a cambiarti la vita, ma sicuramente impegno siamo decisi a mettercelo. Anche perchè sta a noi giovani ribellarsi un po’ al potere della politica ed all’asfissia generazionale che arriva dai media. Faccio parte di un gruppo di una cinquantina di ragazzi (ci siamo tutti conosciuti in internet e nelle ultime ore con qualkuno anche di persona) che abbiamo creato prima un blog a sostegno di Pierferdinando Casini ed ora vorremmo come gruppo di giovani creare una vera e propria Rivoluzione Giovanile che parta dal basso, prima di tutto dalla rete internet.
    Questo è il Blog principale:
    http://casinipresidente.wordpress.com
    Puoi trovare anche i motivi che ci hanno spinto ad agire, per creare un network di Altra informazione poichè quella dei media è tutta monopolizzata dai potenti. In realtà vogliamo nei prossimi giorni incontrare Pierferdinando e dire a Lui se ci aiuta in questa rivoluzione giovanile. Crediamo che ci sosterà, e noi viceversa sosterremo lui. Stiamo parlando di allargare la rete anche per il futuro per creare proprio un Laboratorio di giovani per sviluppare insieme una serie di portali per giovani.
    Se ti va di entrare nel network o di darci una mano e crescere con noi, non esitare a scriverci. Non ti prometto nulla (per correttezza) a livello lavorativo, ma sicuramente mi impegno di esserti vicino in termini di entusiasmo e di disponibilità. Poi non si sa mai… la Provvidenza….
    Un abbraccio di cuore,
    Dan
    casinipresidente@hotmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: