Ciao Enzo

Da Corriere.it

Se ne va Enzo Biagi, classe 1920, ultimo della scuola di quei giornalisti obiettivi, veri, posati, professionali. Dopo Montanelli se ne va un grande uomo, forse l’ultimo che ne ha viste e raccontate di tutti i colori, che ne ha vissute tante in prima persona, in prima fila, attenendosi ai fatti.
Enzo Biagi era una di quelle persone che ascolteresti per ore, un uomo mai stanco degli allontanamenti, delle dimissioni forzate e degli editti bulgari nonostante facesse interviste e programmi sempre scottanti, e per questo veri.
Credo che il modo migliore per salutare Enzo Biagi sia mantenere il livello di sobrietà che da sempre l’ha caratterizzato, anche nei suoi innumerevoli aforismi:

Nella storia dell’umanità non cala mai il sipario. Se solo ci si potesse allontanare dal teatro prima della fine dello spettacolo

E ora lasciamo che tutti i giornalisti paraculi della carta stampata sviolinino pomposamente l’addio ad Enzo Biagi, senza che nessuno sia degno di pronunciare giudizio su di lui oggi, probabilmente nemmeno io; nessuno infatti, proprio nessuno si è ricordato di lui negli anni seguenti all’ultimo allontanamento forzato dalla Rai, nessuno ha osato rompere il silenzio nei 5 anni di buio.

Ciao Enzo, voglio solo ringraziarti per aver sempre raccontato la verità, bella o brutta che fosse. Ci mancherai.

Share:
Technorati icon

Annunci

5 Responses to Ciao Enzo

  1. Wintermute ha detto:

    All’inizio mi eri simpatico, ora incominci a sembrarmi un po’ megalomane quando leggo frasi del genere …

    ‘E ora lasciamo che tutti i giornalisti paraculi della carta stampata sviolinino pomposamente l’addio ad Enzo Biagi, senza che nessuno sia degno di pronunciare giudizio su di lui oggi, probabilmente nemmeno io’

    Probabilmente neanche tu? Ma LOL

  2. sonounprecario ha detto:

    Probabilmente sono megalomane, ma in realtà mi chiedo semplicemente una cosa.

    Dove sono stati fino ad ora tutti i giornalisti che oggi riempioni i tg di lenta e commovente retorica, quando Enzo Biagi è stato allontanato, censurato e dimenticato con un “editto bulgaro”?
    Non era bravo e un esempio per tutti anche in questi 5 anni?
    Perché nessuno si è indignato di quello che è successo?

    Misteri italiani.

  3. Wintermute ha detto:

    Su questo non posso che condividere …

  4. Maria ha detto:

    Ricordo con affetto Enzo Biagi.
    Una persona squisita perchè autentica nel suo dire.
    I 5 anni di silenzio li ho avvertiti. Mi fa sorridere teneramente se lo immagino ancora seduto sulla sedia della Rai; calmo, racconta gli avvenimenti.
    Mi manca.

  5. sonounprecario ha detto:

    @Wintermute
    Forse mi sono spiegato male ma credo – bene o male – che pensassimo la stessa cosa. Queste cose mi capitano quando scrivo di getto 😛

    @Maria
    La sobrietà era una delle sue migliori qualità, non alzava mai la voce…semplicemente perché non ne aveva bisogno. 🙂

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: