I have a dream

[Premessa, questo post non sarà per deboli di udito, sarò volgare ed incazzato; mi scuso in anticipo e sono disposto a perdere un po’ di credibilità ma questo post viene fatto di getto] Il fatto che Berlusconi sia stato beccato per l’ennesima volta è una cosa gravissima; è ancora più grave che abbia cercato di corrompere e comprare dei senatori per fare cadere un governo. Ma cosa pensate che interessi ad una persona che offre ad un’altra milioni di euro, poltrone e chi più ne ha più ne metta, per far cadere un governo e provocare una crisi di cui risentirebbe tutto un paese, dell’Italia? Un bel cazzo! Cari blogger destrorsi che continuate a difenderlo a spada tratta, cari giornalisti parassiti servi della merda che cammina, cosa avete ancora da dire questa volta? Se Berlusconi fosse stato capace di fare sul serio politica, avrebbe cercato altri modi per convincere esponenti dell’opposizione; se gli interessasse davvero il futuro di questo cazzo di paese non sarebbe entrato in politica; se sapesse cos’è la politica, lui e i suoi scagnozzi con la lingua marrone non ripeterebbero le stesse frasi da anni. Altro che Chile di Pinochet, vergognatevi tutti voi suoi elettori o persone che vi dichiarate di questa destra. È soprattutto colpa vostra se l’Italia è un posto schifoso in cui ogni giorno spuntano fuori scandali, intercettazioni e per farsi strada, per esempio, bisogna o fare pompini o dare il culo. Preciso: se siete donne è così. Sì, perché nello scoop compaiono anche nomi di ragazze che misteriosamente hanno avuto spazio nelle tv del padrone.

Eccola l’Italia che vuole Silvio:

“Socialmente – dice Berlusconi – mi sento come il Papa: tutti mi amano. Politicamente, mi sento uno zero… e dunque per sollevare il morale del Capo, mi devi fare un favore. Vedi se puoi aiutare…”. Il Cavaliere fa quattro nomi di candidate attrici: Elena Russo, Evelina Manna, Antonella Troise, Camilla Ferranti (secondo un testimone, il produttore di Incantesimo Guido De Angelis, è la figliola di un medico molto vicino al Cavaliere). Sai, spiega Berlusconi a Saccà, non sono tutte affar mio perché “la Evelina Manni mi è stata segnalata da un senatore del centro-sinistra che mi può essere utile per far cadere il governo”. Promette Berlusconi a Saccà: saprò ricompensarla quando lei sarà un libero imprenditore come mi auguro avvenga presto…

Questa è la notizia che campeggia sull’home page del corriere. Ma vi rendete conto di come danno la notizia? Non è incredibile? Un bel titoletto con quello che vuole dire Berlusconi, una breve descrizione di una sua frase, una stronzata detta da Bonaiuti, Randazzo che sembra fottersene e uno dei vari sondaggi sul nuovo partito preso in giro anche da Fini e Casini. Incredibile vedere a che livello sono arrivate Corriere ed RCS. Sono anche stufo di scrivere la parola vergogna. E in questo modo, uno legge senza sapere che cavolo è successo ma viene già a sapere l’opinione del diretto interessato; complimenti, pagliacci.

Randazzo è scosso da quelle proposte. […] Come d’incanto, come apparso dal nulla, si ritrova accanto un imprenditore australiano, Nick Scavi. L’uomo lo apostrofa così: “Voglio offrirti la possibilità di diventare milionario. Ti darò un assegno in bianco che potrai riempire fino a due milioni di euro”. Randazzo rifiuta l’avance. […] Come Nick Scavi, anche Berlusconi non cede dinanzi al primo rifiuto di Randazzo. Per superare le incertezze, il Cavaliere rassicura il senatore: “Caro Randazzo, le farò un vero e proprio contratto…”. […] Il senatore conferma durante l’interrogatorio: “E’ vero, Berlusconi mi chiamò e mi disse: lei ci ha pensato bene, le carte sono pronte, deve solo venirle a firmarle. Mi basta anche soltanto una piccola assenza”. Al Senato un’assenza, con l’esigua maggioranza del centro-sinistra, ha il valore di un voto contrario. “Una piccola assenza” è sufficiente perché, dice Berlusconi, “ho con me Dini e i suoi – che non dovrebbero tradire – e tre dei senatori eletti all’estero”.

Quante belle cose che sono venute fuori da quando al governo non c’è più Berlusconi, da una parte e dall’altra; quante cose sono uscite dei sistemi su cui è solito basarsi questo paese. Quanto è bello essere italiani.

Share:
Technorati icon

12 risposte a I have a dream

  1. Ti sento giustamente inkazzato, nel giusto spirito.
    Sta mattina ha anche avuto il pessimo gusto di andare dalla Brambilla e dire qualcosa che, parafrasandolo, suona più o meno come: “certo che cercavo di abigeare i senatori del centro sinistra! Cosa ho fatto di male? Questa è la consuetudine”. Un po’ come Craxi che dice : “sono al corrente che i partiti sono illecitamente finanziati fin da quando indossavo i calzoni corti”.
    Disgustoso e sinistro.

  2. Francesco Protopapa scrive:

    A costo di essere ripetitivi, dico che la cosa tragica è il grande seguito di cui ancora gode Berlusca. Ha detto: “Mangano faceva il chierichetto nella mia villa di Arcore” in mezzo ad una platea in stato d’adorazione. E Veltroni che gli dà la corda… povera patria, cantava Battiato.

  3. sonounprecario scrive:

    @anonimo italiano
    Esatto, fanno passare per normale il fatto che lui stesse corrompendo (cosa gravissima in una democrazia) facendolo vedere mentre dice che si vantava di cercare di far cadere un governo, perché erano gli italiani che glielo chiedevano. Peccato che le elezioni le ha perse nonostante i brogli al ministero dell’interno, che schifo.

    @Francesco
    Davvero, è una tristezza incredibile. E ieri che risposta da Veltroni? “…vedremo cosa succederà”. Vedremo??? Ma prendi una posizione netta, dagli un colpo, criticalo, è il tuo nemico più sporco e corrotto! E Bertinotti? E non ditemi che ha detto quelle cose perché è il presidente della Camera; qualche anno fa non si sarebbe mai sognato di affermarle. Tutti insieme in questo schifo, che pena.

  4. giovanni scrive:

    avete già imparato l’arte della censura, bravi

  5. sonounprecario scrive:

    Caro Giovanni,

    ho cancellato il tuo commento perché c’erano insulti. Non è mio uso farlo, altrimenti non scriverei in un blog se volessi solo commenti di favore.
    Se vuoi parlare e confrontarti civilmente sei il benvenuto. Se sei venuto qui per dare giudizi, epiteti e insultare soltanto dopo aver letto un post puoi tornare a divertirti guardando il tg4 e leggendo Libero o Il giornale. O tutto il resto, tanto è uguale.
    Firmato, uno di Arcore.

  6. […] questi giorni di caos scioperi, in questi giorni di figuracce internazionali grazie all’ultima moda della corruzione, in questi giorni di nulla cosmico, il mondo ci sta irridendo, una volta di più. Il fatto che […]

  7. giovanni scrive:

    studentelli precari é un insulto? non credo proprio, gurdatevi dentro e troverete tutti gli errori che commettete. Vi piace attaccare gli altri (es Berlusconi) in modo feroce ma se qualcuno vi sfiora v’incazzate e cominciate a bandire, censurare,etc.
    non gurado il tg4 non leggo quotidiani, non mi frega di politica ciao

  8. sonounprecario scrive:

    …allora se non ti frega di politica come pretendi di poter parlare di berlusconi o qualcun altro?
    Parlami degli errori “che commettiamo”, oltre a quello di lavorare sottopagato. Così magari mi insegni qualcosa.

  9. Bongfactory scrive:

    E cosa vuoi che ti insegni uno così? Avrà un lavoro statale grazie a qualche calcio in culo, e si sente pure in diritto di giudicare.
    L’Italia è sempre più una vergogna, mica solo quelli che la governano…..

  10. Non credo lo rivedremo, e se lo rivedremo non parlerà di Berlusconi che promette a Randazzo la delega all’Oceania e la candidatura in un collegio sicuro in cambio di “una piccola assenza al Senato”.
    L’elettorato di Forza Italia è così: zoccolo duro con una verità assoluta da difendere, non a caso si fanno chiamare “guerrieri della libertà”: devono essere tenuti imbufaliti, che se ti calmi magari riesci a ragionare con la tua testa e non segui più la massa.
    Almeno questo ha avuto l’onestà intellettuale di ammettere incompetenza di proprio pugno. Meglio incompetente che disonesto.
    E’ difficile condurre questa gente a miti consigli: raramente si riesce a parlare delle questioni nel merito, e il prezioso contributo di giovanni lo testimonia.

  11. Francesco Protopapa scrive:

    Evidentemente non si sa o si fa finta di non sapere che il fondatore di Forza Italia, Marcello dell’Utri, è stato condannato in primo grado a 9 anni per concorso esterno per associazione mafiosa; basta fare una piccola ricerca su google per saperne di più; andiamo verso il processo d’appello e ne sentiremo ancora di isterie e attacchi alla magistratura. Ora, che questo tizio venga additato in un’assemblea come esempio di dirittura morale, e che si dica che Mangano non è mai stato condannato per mafia, a me fa venire il vomito.
    Punto secondo: offrire un assegno in bianco da riempire fino a 2 milioni di euro, è o non è un tentativo di corruzione?

  12. sonounprecario scrive:

    @BongFactory
    Tutti si sentono in diritto di giudicare e tutti pensano di aver capito tutto…infatti si vedono poi i risultati…

    @Anonimo Ita
    Per loro puoi anche fargli vedere in diretta lui che dichiara pubblicamente, ammettendolo, che voleva fregare tutti, che era corrotto, dove ha preso i soldi di origine ignota, la P2, ecc…ma loro continueranno a credergli. Se dai agli italiani una storiella un po’ televisiva in cui credere sono a posto. Io lo chiamo babbo natale.
    Poi, come dici tu, se gli parli di fatti o atti giudiziari, vanno in crisi e non sanno altro che risponderti con le stesse parole che usa il capo. Patetici.

    @Francesco
    Maccielloo?! Ma no dai, cosa vuoi che sia un concorso esterno per associazione mafiosa..uno normale altro che 9 anni e altro che anni e anni di processo…altro che insegnamento per i giovani… E dire che poi Berlusconi si vantava di aver tentato di far cadere il governo in questo modo. Incredibile, davvero.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: