Come sputare sul (Dalai) Lama

Da Repubblica.it

“In Tibet è perfino proibito pronunciare il mio nome” […]
Perché non ha incontrato il governo italiano? “Chiedetelo a loro” ribatte con un sorriso disarmante.
“Sono ingombrante, che posso farci?”.

Che sia scandaloso che il simbolo mondiale del pacifismo, il Dalai Lama, non venga ricevuto né dal Papa né dal Governo italiano lo sanno un po’ tutti, però se ne parla poco. Dopotutto è Natale, meglio parlare dei consumi, dei regali e dei post sotto l’albero.

Ma nonostante venga spesso ignorato, il Dalai Lama non demorde, non si offende: non vuole creare problemi. Anche se alla fine è così, perché il mondo va al contrario.

I governi, invece che promuovere i diritti umani e i valori veri della vita (e noi stiamo ancora qui a parlare nel 2007 di un concetto di patria vecchio di 100 anni), preferiscono fare affari con un paese come la Cina, fuori da ogni regola, fuori da ogni controllo e dove la libertà, di fatto non esiste.

Ancora adesso mi considero metà buddista, metà marxista. Davvero, credo che il marxismo sia ancora la chiave di una giustizia sociale ed economica

Ah ecco, ora ho capito perché il Dalai Lama procura così tanto fastidio.

2 risposte a Come sputare sul (Dalai) Lama

  1. Però Torino lo ha accolto! Anzi… mentre c’eravamo… gli abbiamo anche conferito la cittadinanza onoraria: http://blog.libero.it/soloparolesparse/commenti.php?msgid=3773448&id=15123#comments

  2. paodam scrive:

    È ora di fare appello al dovere della ragione per sensibilizzare le coscienze su quanto sta accadendo.
    Mi riferisco alle Olimpiadi, evento che rappresenta un inno alla vita, un’esperienza di unione, condivisione e confronto, un’occasione per esprimere – nei modi e nelle forme più svariate delle diverse discipline – la meraviglia, l’armonia, la bellezza, la gioia, lo sforzo.
    La Cina ha ottenuto di autocelebrarsi attraverso le Olimpiadi decretandone così, automaticamente, la morte. Gli intenti dei governanti cinesi sono chiari: utilizzare le Olimpiadi come strumento per presentarsi di fronte al mondo come una potenza anche sportiva, in grado di occupare il primo posto sia nel medagliere olimpico, sia nel campo economico, militare, politico.
    Ma come è possibile coniugare lo spirito Olimpico, veicolo di leale confronto nel reciproco rispetto, con i costi umani pagati dalla popolazione cinese a causa delle imposizioni del governo?
    Anche in campo sportivo milioni di bambini sono sottoposti ad una quotidiana spietata competizione per poter essere selezionati nelle squadre olimpiche.
    Milioni di bambini sono costretti a passare l’infanzia ingabbiati in ferrei programmi e crudeli metodi di allenamento allo scopo di produrre atleti–robot da impiegare nei Giochi.
    Come non indignarsi nei confronti di chi, come i governanti cinesi, si vanta della crescita e dello sviluppo del Paese quando quest’ultimo è fondato proprio sullo sfruttamento della popolazione in nome dalla quale si dice di governare? Com’è possibile per chi dimostra disprezzo per la vita degli altri, nega i diritti fondamentali ai propri cittadini, sostiene regimi sanguinari come quello birmano in nome degli affari e dell’affinità ideologica ospitare le Olimpiadi?
    È proprio il caso di dire: “Ma a che gioco stiamo giocando”? È un imbroglio, una mistificazione, un orrore. Mi appello alle coscienze affinché si sottraggano a questo inganno.
    Spiriti liberi fatevi sentire. Potete essere determinanti, fate valere le ragioni della vita.
    La ringrazio per lo spazio offertomi e se ha voglia di visitare il mio blog ne sarei onorato
    Un abbraccio
    http://unmadeinchina.wordpress.com

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: