Beppe Grillo è …

//new-italy.net/

In questo periodo se parli di Beppe Grillo farai sicuramente centro. Se ne parli bene a prescindere riceverai un’ondata di commenti simpatici e di supporto.
Se osi soltanto tentare un confronto o discutere una qualsiasi cosa che dice, sei uno stronzo, non capisci un cazzo e guardi troppa tv. Basta scrivere un titolo a caso su di lui per scatenare putiferi (di solito la formula da me usata nel titolo funziona sempre; aggiungeteci un aggettivo a caso e via).

Questa purtroppo è diventata l’ennesima anomalia del nostro paese: o fai quello che dice una persona (e come vuole lei), altrimenti se ti poni un paio di domande o hai dei dubbi (passatemi i francesismi) sei un coglione, sei in malafede, ecc… (il dilagante culto della personalità che caratterizza questo paese è davvero incredibile). Dall’altro lato però non vedo l’ora che venga aprile, sono proprio curioso di capire cosa potrà succedere durante il secondo V-Day, a cui probabilmente parteciperò (ebbene sì, nonostante la scelta infelice del giorno e i molti dubbi del caso, visto che pur apprezzando quello che fa Grillo ho ancora una testa con cui pensare fortunatamente) incuriosito: ho l’impressione che possa venir fuori qualcosa di grosso, con la scusa di una alta movimentazione delle masse. Non so di cosa parlo, forse viaggio troppo con la mente.

Fate come Corriere, Repubblica e co.: loro hanno capito tutto, se volete avere una valanga di visitatori che clicchino sui vostri banner pubbilcitari pubblicitari (perdonate il refuso, ma c’è qualche lamer che ancora gioca a defacciare che si lamenta altrimenti) sapete cosa fare. Occhio però, perché rischiate di dover passare giornate a moderare commenti di ogni genere.
A vostro rischio e pericolo.

10 risposte a Beppe Grillo è …

  1. Purtroppo in Italia il livello del dibattito è sempre quello della curva da stadio: forza i miei, abbasso i tuoi, a prescindere. Temo che prima o poi la pagheremo cara.

  2. Sascia scrive:

    Anch’io ho delle riserve su Grillo e soprattutto ho un’istintiva repulsione per i trascinatori egocentrici. Trovata la formula per aggregare le masse poi ci si ritrova con delle grosse responsabilità. Se fosse affiancato da altri personaggi di spessore, oltre ad essere moderato in uscite poco felici, sarebbe molto più forte e credibile. Non sarebbe un uomo ribelle, ma diventerebbe un movimento riformista. Invece Luttazzi, come molti altri, ne prendono le distanze. E Luttazzi è tutt’altro che stupido.

    La cosa triste è che i riferimenti che più teniamo in considerazione sono comici, attori, musicisti, scrittori, presentatori e, a volte, giornalisti. Grillo, di suo, è anche vecchio, faceva ridere i miei genitori! Fa parte di un sistema cresciuto con la TV anche lui ed ora che si è ribellato ed ha mosso qualcosa, forse, dovrebbe iniziare a farsi da parte e lasciare che sia un coro di voci nuove a farsi sentire.

    In ogni caso, al V2-day, ci sarò anch’io. C’ero al primo e sarò in piazza al secondo, ma non so ancora se firmerò. Dobbiamo farci vedere, essere uniti anche se si può non condividerne le modalità (finchè non sono violente…).

    Come dire…bisogna attaccare il cervello, altrimenti torniamo tutti ad applaudire in Piazza Venezia.

  3. sonounprecario scrive:

    @Wallace
    E’ vero, è un atteggiamento di comodo che usano un po’ tutti.

    @Sascia
    Esatto. Luttazzi fa satira pura ed è conscio del ruolo dell’autore satirico: quello di portare alla luce le schifezze e non solo della nostra società, dei politici, ecc… Sta a noi poi recepire il messaggio.

    Grillo invece è andato decisamente oltre, anche se ancora non ho capito cosa c’entri dire che “Grillo non è un politico”, specialmente ora che ha fatto le liste civiche. Discutere e confrontarsi è uno dei pochi elementi che ancora ci distingue dai politici. Se non riusciamo più nemmeno a fare questo siamo fritti.

  4. LastKnight scrive:

    Spero di non essere io il lamer, ma quello che ha defaciato me nel link😉

  5. sonounprecario scrive:

    Esattamente, è passato di qui… Lo so che tu al massimo vai su irc a floddare mentre smurfi la gente cattiva.
    Senza contare di quando hackavi le shell.
    Ah, bei tempi quelli😛

  6. […] Alessandro ogni tanto un po’ ciacalone e le sue gigionerie si sentono. Ma altre volte dice cose che secondo me valgono la pena di essere lette. […]

  7. giagu maria teresa scrive:

    L’ ITALIA sta facendo ridere il mondo, stiamo grazie a chi ci governa facendo una figuraccia in tutto il resto d’europa.L’unica cosa che mi consola è che al governo sono quasi tutti over 70′ speriamo che la natura faccia al piu’ presto il suo corso, Parlamentari basta con questi contratti zerbini,basta con liste d’attesa x chi soffre,basta con libri da buttare ,imperia citta’ dell’onorevole Scaiola,citta’ che fa provincia citta’ che non ha niente da offrire ai giovani,diventera’ in futuro una provincia vacanza x i ricci,una citta’ che manca tutto ma non mancheran no mai i posti barca,vero? non smettero’ mai di dire che mi vervogno di essere italiana. Lavoro con molti giovani, giovani che lavorano con agenzie interinali con contratti mese x mese,vivono alla giornata, la loro dignita’ è ormai sepolta,contratti a termine che vanno avanti da 8 anni,vergoniamoci,pero’chi ci governa guadagna cosi tanto che si assicura il benestare delle sue 10 prossime generazioni.E VORRESTE ANCHE IL NOSTRO VOTO? VERGOGNATEVI.

  8. sonounprecario scrive:

    Stiamo a vedere cosa succederà prima del voto di aprile…

  9. oriefeiro scrive:

    Q u o t o!!!
    E i meetup sono a testimonianza di questo culto della personalità.

  10. sonounprecario scrive:

    E’ vero, ma come han detto alcuni blogger sono anche il lascia-passare per portare avanti certe attività o iniziative utili alle varie comunità. Intendo dire che dicendo “mi manda Beppe Grillo” sei più credibile.
    Forse è un po’ triste, ma è così.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: