Burro di arachidi

“parto con un mio assegno di 250 mila euro la cui foto verrà pubblicata, così come la foto dei miei testicoli”.

Credo che l’immagine dei testicoli di Giuliano Ferrara sia una delle mosse più azzeccate per difendere la laicità dell’aborto. Per una donna infatti la sola idea di poter avere un figlio con la sindrome di Ferrara, basta ed avanza.

3 risposte a Burro di arachidi

  1. Sull’assegno c’è scritto: “per conoscenza e garanzia SB”

  2. Nathan 2000 scrive:

    Lasciatelo fare!!!! E’ alla canna del gas. Mi propone una moratoria sugli aborti (bambini che, per chi non ci crede, non sono tali) e poi nemmeno una parola sui bambini (questi sì reali) vittime di pedofili, schiavi per 16 ore al giorno in fabbriche di loschi individui senza scrupoli, condannati a morte per fame….. io ho detto la mia sulla legge 194: da (circa) cattolico (la mia fede non è forte come quella di tanti fondamentalisti: è questa la mia forza). Quanto ai testicoli, ne basta uno soltanto: vi devo dire quale?
    Aspetto con ansia una moratoria sulle morti bianche. Secondo voi, chi può proporla? Montezemolo?

  3. sonounprecario scrive:

    @Francesco e Nathan
    Eheheh! Auhauhau!

    La cosa incredibile è che gioca a piacimento sulla vita umana avendo una considerazione delle donne pari a zero. Ignorate, calpestate, insultate e chi più ne ha più ne metta. E tutto per servire il padrone e ricevere un cavolo di assegno…a cosa serve una lista come la sua? A cosa serve nel 2008 parlare di aborto in questi termini? E’ vergognoso, e più schifoso di lui è chi gli da spazio sui giornali.

    P.S.= Secondo me Montezemolo non è una soluzione tanto consigliata…

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: