Il Terzo Mondo è alle porte

Berlusconi e i precari

Fascisti con la fedina penale lunga come il ponte sullo stretto. Juncker (quello che ha suonato la crapa pelata di Berlusconi) dall’Europa fa sapere: «Nel Ppe non c’è posto per i fascisti». Risposta politica e seria della Mussolini (altra “moderata”): «Come si chiama questo qui? Ah, Juncker: pensi un po’ i problemi di pronuncia che ha con questo cognome che sembra uno yogurt…».

Brogli. Berlusconi crede davvero alle bugie che dice; è questo ciò che lo rende pericoloso. «Mobilitatevi tutti per evitare che non ci vengano sottratti i voti come nel 2006, quando ce ne sottrassero un milione. Dobbiamo evitare che il voto venga manomesso». Questa è vera e propria propaganda in stile fascista. Anche alla luce del caso Ciarrapico, il leader del Pdl lancia un altro avvertimento: «Con i giornali dovete stare attenti, è un vostro diritto controllare le risposte alle interviste». Lo capite?!?!?! Lui dice quello che ha fatto e che fa, perché chiunque sia un minimo informato sa chi c’era al Ministero degli Interni nel 2006, sa perché i dati non arrivavano e non venivano dati, insomma sa cos’è successo davvero: c’è un documentario che lo spiega, così come c’è un losco personaggio che oltre a detenere il controllo dei media, confessa che gli servono anche i giornali dei fascisti, quelli dalla parte di Ciarrapico. E nessuno dice niente!
Mi vengono in mente poi le dichiarazioni di Berlusconi di ieri che ha detto di piantarla coi fascisti, che nel PD è pieno di comunisti; a quel punto una giornalista del tg3 gli ha chiesto due volte: “chi sono i comunisti nel PD?”. La risposta? NESSUNA. Berlusconi non ha saputo rispondere, se non andandosene con un “tutti quanti”.

La ricetta berlusconiana contro la precarietà. Ieri un operaio si è suicidato (*bestemmia*) perché non gli era stato confermato il contratto da interinale: “Mi ammazzo perché insieme al lavoro ho perso la dignità” ha lasciato scritto alla moglie. Sempre ieri, una studentessa ha chiesto a Berlusconi come fosse possibile per le coppie giovani mettere su famiglia senza la sicurezza di un posto e di un reddito fisso. Risposta: “Io, da padre le consiglio di cercare di sposare il figlio di Berlusconi o qualcun altro del genere; e credo che, con il suo sorriso, se lo può certamente permettere”. All’obiezione del conduttore della trasmissione, Maurizio Martinelli, che “di figli di Berlusconi in giro ce ne sono pochi” il Cavaliere, sempre sorridente, ha insistito: “Se dovessi dire qual è il consiglio più valido, penso sia quello che le ho dato all’inizio…”.

E giù tutti i somari che lo difendono e lo voteranno ancora una volta a dire che è una battuta. Ma certo è una battuta, brutti stupidi, grazie per avermelo detto. E per fortuna che non avete un cervello, così so riconoscere gli stolti (chi vota berlusconi) dalle persone normali (chi dubita e si interroga). Vi auguro di non avere mai idea di cosa voglia dire vivere senza poter decidere un cazzo di niente dall’oggi al domani. E’ grazie a voi che il nostro paese fa schifo, è grazie a voi elettori del PDL che questo paese fa schifo ed è un ricettacolo di merda.

Fortunatamente sono nato con un cervello che mi impedirà sempre di votare per questa gente, e questo mi basta. Scusate lo sfogo, le parolacce e tutto il resto, ma quando ci vuole, ci vuole. La voglia di vivere in questo paese e di crescerci dei figli un domani sta velocemente scivolandomi via.

Ma che diavolo di persone siamo diventate, noi italiani?

14 risposte a Il Terzo Mondo è alle porte

  1. Spero non venga scambiato per spam: dopo la sparata sul precariato, nel mio blog ho lanciato la proposta di candidare Berlusconi a premio Nobel per l’Economia. Chi ci sta?

  2. sparkaos scrive:

    il brutto è che battute come questa sullo yogurt e lo spasare sono efficaci.

    Se ne parla un mare e costringono a schierarsi da una parte o l’altra nettamente; e di stolti in giro, come dici, ce ne sono tanti che vanno a schierarsi tra le file di chi li fot…

  3. Errore tattico, per la Mussolini, parlare di cognomi.

    Penso che il più grande servizio che si possa fare al paese sia di continuare a mantenere viva la memoria a chi ci sta attorno.
    Ricordare i processi, le condanne, le prescrizioni, le intercettazioni con Saccà, le sparate volgari e ignoranti.

    Penso che il modo migliore di evitarci di rivedere al governo la Carlucci assieme a Tremonti, a Dell’Utri, a Ciarrapico e a una consistente dose di farabutti sia continuare a ricordare questi fatti.

  4. Sascia scrive:

    Faccio fatica a non lasciarmi andare anch’io a sfoghi come il tuo. Molta fatica. Questo spazio è un po’ di tutti ma in fondo tu ne sei l’anima e come tutte le anime è normale che passi dalla luce al buio in un gioco di equilibri instabili. Succede, siamo umani.

    Personalmente cerco di mantenere i toni bassi ma giuro che dentro ho un fuoco pazzesco e nel leggere le tue parole e quelle di altri che la pensano in un certo modo (i risvegliati..?) trovo quasi un sfogo alla mia rabbia. Già, in quelle parole dure che esprimono la nostra, se mi permetti la confidenza, frustrazione.

    Amate, non votate!!!

  5. sonounprecario scrive:

    @Wallace
    L’idea è carina! Solo Tremonti potrebbe batterlo…

    @Sparkaos
    L’ho già detto altrove: se fossi stato al posto della ragazza (che in realtà era li giusto per leggere una domanda credo), gli avrei detto due paroline e me ne sarei andato. Molta gente non si rende conto di che razza di persona è questa. Poi figurati, la ragazza nel sentire il complimento si è sciolta, il culto della personalità ha colpito ancora una volta. Cavolo, aveva davanti Berlusconi…

    @Anonimo Italiano
    Ahahah! Ma la Mussolini non ci arriva… E’ da anni che ricordiamo e facciamo…a me piacerebbe sapere dove cazzo sono stati tra il 2001 e il 2006 tutti quei caproni che voteranno Berlusconi. Ditemelo voi, che io non lo so.

    @Sascia
    Sì, non ce l’ho fatta, mi son sentito direttamente coinvolto…e mi fa piacere che tu senta questo spazio anche come tuo e degli altri è un po’ così che dovrebbe funzionare🙂

  6. MrJob scrive:

    che dire… hai detto tutto tu.
    eppure sembra che siamo obbligati a tenercelo, e con i voti che si prenderà… se lo meritano anche, ahinoi…

    complimenti per il blog, by the way…

  7. Dany scrive:

    Ehh sii!! Quando ce vò ce vò!! Anche io ho dovuto subito riversare il mio dissenso in un post esasperato e incazzato! Non possiamo farci prendere in giro così! Ci rovina la vita ogni giorno che passa!

  8. sonounprecario scrive:

    @Mr Job
    Purtroppo è così… Grazie😉

    @Dany
    Sì, ho letto…meglio limitarsi a tenere spenta la tv, come sempre. Che aiuta tanto.

  9. francesco protopapa scrive:

    http://www.corriere.it/politica/08_marzo_14/pavoncello_candidata_851b6786-f1f1-11dc-869a-0003ba99c667.shtml

    La precaria del dibattito con Silvio candidata a Roma col PDL.
    Raga, è inutile che ci incazziamo, era tutta una farsa modello 4 salti in padella: precotta e pronta da servire a tavola.
    Perla Pavoncello, mavaffanculo, va

  10. Paolo M. scrive:

    Tutto molto bello, non fosse che esprimi le tue “idee” come verità assoluta, accusando metà della popolazione italiana di essere merda.
    e pensi anche di non essere un fascista/comunista come quelli che ti piace dire di combattere.
    ma per piacere.
    e immagino che come controprova questo commento verrà cancellato, e se non verrà fatto è soltanto perchè ho inserito questa riga (ormai ho imparato)

    libertà! non imposizione di idee!

  11. sonounprecario scrive:

    @Francesco
    Mi sembrava strano…ora capisco anche le finte critiche da certe parti.

    @Paolo Maffei
    Non sono uno che cancella commenti, a meno che ci siano insulti e basta. E non è una riga a farmi cambiare idea o meno.
    Ribadisco la mia idea sugli elettori del PDL: tu parli di libertà e penso che tu lo faccia difendendo uno che di libertà non sa niente. Nemmeno di legalità, giustizia, ecc…

    Non sto qui a dilungarmi, tanto son cose trite e ritrite, e un elettore del pdl non si fa domande, ma esegue e basta, giusto?

  12. Paolo M. scrive:

    Tipica risposta fascista “tu sei un coglione io ho ragione” aggiungendo un’accusa di cosa non fatta (difendere berlusconi)
    no, io difendo la libertà delle persone di non essere insultate da qualcuno che loro considerano come tu consideri loro, ed è semplicemente stupido ridurre un dibattito su questi temi ma visto la tua prima risposta non so se sperare in qualcosa di diverso

    ps ma non c’entra:
    non son un elettore del pdl ne tantomeno uno che esegue e basta quel che gli vien detto (anche perchè in questo caso, come tu affermi nomn avrei una volontà mia e quindi non verrei qua a lamentarti di come esponi le tue opinioni)

  13. sonounprecario scrive:

    Guarda, forse quel tipo di ragionamento lo fai tu, anche perché in quel caso non starei qui a risponderti né tantomeno a confrontarmi.
    .
    Sì, continuo a sostenere che chi vota pdl, per i rimasugli del pentapartito più disonesto, per i fascisti, corrotti, ecc…è la parte peggiore del paese, quella che sotto sotto spera che le cose non cambino mai. Dopotutto io, non essendo elettore di Berlusconi, sono un “coglione”, come ha detto lui. Questo non vuol dire che voterò “bendato” il pd, ma è un altro discorso.
    .
    Per quanto riguarda il dibattito beh, ce n’è di discussioni che abbiamo fatto su non so quanti post in questo senso, ma io qui parlerei dell’operaio che si è suicidato e della benestante di famiglia che il giorno dopo va a recitare il teatrino su rai2. E di quante ancora dobbiamo sentirne dire, di quante ritrattazioni, di quanti insulti… Sta anche qui la differenza: mi sono un po’ stufato di subire sempre e penso che anche tu provi la stessa cosa. Un po’ di voglia di reagire insomma.
    .
    Certo, vorrei anche capire (davvero non mi capacito) come uno che pensi con la propria testa possa votare il pdl. Toglimi questa curiosità se lo sai, io non riesco a capirlo. Ho capito che tu non sei un suo elettore, ma la libertà è anche quella di dare un proprio parere nel proprio modo. Forse ho sbagliato a lasciarmi andare questa volta, ma è uno sfogo ed ho voluto condividere anche quello.
    Chissà quanti, compreso tu, pensano quelle parole leggendo me, per esempio.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: