Vado al Massimo

D’Alema ce l’ha duro. Nessuno si è ricordato di lui e della sua inutilità sino ad ora; “yes, ci sono anche io”.

Eccola, la sua grande e geniale mossa, a poco più di una settimana dal voto.

3 risposte a Vado al Massimo

  1. MI auguro che DaleHamas abbia un luminoso futuro politico quale consigliere di Hamas visto che sembra che sia interessato a quella linea politica..

  2. Sascia scrive:

    Data la mia stima per il baffetto diabolico (sono sarcastico…), approfitto di questa occasione per fare un mea culpa e un passo indietro.

    Ho sbagliato fin’ora ad incitare al voto nullo.

    Perchè anche questo significherebbe appoggiare il sistema oltre che favorire la maggioranza. Quindi andrò a votare, o meglio mi presenetò al seggio e chiederò se posso mettere agli atti una mia dichiarazione tipo “Non mi sento rappresentato da nessun candidato” e andarmene. Non li manderò af****lo perchè loro c’entrano poco o niente (anche se da noi sono sempre gli stessi che fanno da scrutatori; ma cos’è, un lavoro adesso? Vabbè…).

    Pensavo di votare qualche partito minore, ma siamo sempre lì: piccoli falchi furbetti senza dignità che si riciclano e rotolano nella melma come porci. No, non ci sto al loro gioco. Non ce la faccio a turarmi il naso…DI NUOVO!

  3. sonounprecario scrive:

    @Francesco
    A D’Alema manca solo la tessera di FI ed è a posto.

    @Sascia
    Lo scrutatore non è un lavoro, ti danno due lire e – per chi lo fa onestamente – è un lavoraccio fastidioso e noioso. Secondo me votare ancora uno degli infinitesimi partitini non aiuterà, credo sia una delle inutilità italiane: solo noi abbiam bisogno di una legge che vieti di votare quelli con lo “zero virgola”. Cioé va bene realtà che superano il 5-6%, tipo la sinistra arcobaleno o altri…però non so, secondo me bisognerebbe dare un segnale anche in quel senso.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: