links for 2008-05-30

maggio 30, 2008

NIMBY all’italiana: “sì” al nucleare ma fallo tu, che a me vien da ridere. E poi non sono capace.

maggio 30, 2008

In questi giorni sul nucleare ne abbiamo sentite e lette di tutti i colori. L’pinione pubblica che politica e lobbies varie si preoccupano di diffondere con efficacia è quella secondo la quale l’Italia non abbia alcuna alternativa al costruire nuovi reattori per prodursi energia da sola. In realtà le cose non sono così semplici ma anzi, non riesco proprio a trovare alcun pro che possa convincermi che cominciare col nucleare nel 2008 sia una scelta azzeccata.

Premessa. Le cose non stanno come ce le raccontano; diciamo che tutti i dirigenti politici e non che parlano oggi del nucleare hanno sostanziali e provati interessi su cui guadagnare. Innanzitutto le recenti dichiarazioni del…ministro Scajola, sono le stesse proposte fatte dal ministro 5 anni fa e riguardano centrali nucleari non realizzabili, tantomeno in 5 anni (in Italia rispettare i tempi non è proprio possibile). C’è un recente studio del MIT che spiega come i tempi effettivi di costruzione siano di 109 mesi: fate voi i conti. Se poi pensiamo che la centrale nucleare francese in costruzione in Finlandia è in ritardo di due anni e confrontiamo il tutto con un paese come l’Italia bloccato da ritardi cosmici, burocrazia, litigi politici, scontri tra interessi vari, ecc…i tempi e i costi di cui nessuno mai parla sono destinanti ad espandersi a dismisura, fino all’infinito e oltre. Altro che ponte sullo stretto.

La tua opinione non è la nostra. Qualcuno si è mai chiesto come pensa il ministro Scajola di costruire anche solo una centrale nucleare? Con che risorse? In che modo? Dico al di là delle dichiarazioni di facciata e dei cosiddetti sondaggi di opinione (opinion poll, per l’esattezza, roba usata da decenni che i non addetti ai lavori in genere non conoscono). Sì perché in questi casi per portare avanti certe battaglie, vengono usati vari strumenti che fanno sì che anche gruppi di pressione (grass-root) composti da cittadini, remino verso una certa direzione. Per esempio la maggior parte dei sondaggi di opinione pubblicati dai media e che rappresentano pretesti per dibattiti vari, voi non lo sapete, ma sono commissionati (e purtroppo non sempre con modalità trasparenti) da interessi ben precisi che intendono proprio avvalersi dei risultati del sondaggio per influenzare le opinioni comuni. Diciamo che sono cose più o meno lecite che si studiano anche all’università, per dire. È infatti ampiamente dimostrato che molti lettori e telespettatori siano facilmente influenzati dai risultati di un sondaggio di opinione (secondo il ragionamento “se la maggioranza la pensa in un determinato modo allora vuol dire che deve essere così e anch’io allora la penso in quel modo”). Naturalmente pochissimi sanno che in un sondaggio la formulazione della domanda può determinare il risultato e che basta modificarne una parola che cambia il senso stesso del risultato: per esempio, se chiedo quanti sono favorevoli alla legalizzazione delle droghe trovo una minoranza; se chiedo invece “quanti sono favorevoli a una regolazione delle droghe trovo una maggioranza, ma la domanda è sempre la stessa”. Quindi se vi propongono un sondaggio nel quale per fonti alternative ci mettono il nucleare, mandate a quel paese chi vi fa la domanda.

Fa niente, facciamolo lo stesso sto nucleare. Eravamo al come, giusto? Al diavolo i giornalisti, che non fanno mai una domanda interessante. Sono spiacente, ma l’Italia non possiede più da decenni una base industriale che permetta di sviluppare tecnologia nucleare (avendolo abbandonato con un referendum, tra l’altro). Per riprogettare una base industriale seria quanti anni ci vorrebbero? Decenni, forse. Di conseguenza, dovremmo comunque importare dall’estero a costi esorbitanti (col rischio che si vada a spendere meno in paesi in cui magari ci sono stati già disastri) e con varie incognite. Con buona pace per chi dice che il nucleare ci renderebbe indipendenti dall’estero (leggete questo post che è davvero interessante). In più i lunghissimi tempi di costruzione e realizzazione richiedono costi non sostenibili e i capitali che chiederemmo in prestito a chissà chi verrebbero ripagati chissà quando con gli interessi. E che interessi. Addio al tanto sbandierato nucleare italiano insomma, già in partenza.

Il solito comunista-ambientalista-notav-guastafeste. Ennò miei cari, non scherziamo. Sapevate che l’ultimo reattore in America (per esempio) è stato costruito nel 1979? Trent’anni fa. Ma certe cose in tv non le dicono. In Francia invece il nucleare conta solo il 20% nella produzione di energia. E sempre in Francia viene rinviato costantemente il problemuccio della chiusura delle centrali, aumentando il periodo di attivazione da 30 a 40 anni e forse addirittura a 60 anni. Con costi e rischi per l’umanità non quantificabili. L’Inghilterra infatti ha cominciato lentamente a chiuderle le centrali, e così anche la Spagna, mentre noi vorremmo aprirle ora, nel 2008. Sapete perché? C’è anche un altro motivo non trascurabile. Esiste uno studio della British Nuclear Decommissioning Authority che ha stimato in più di 100 miliardi di euro il costo per la chiusura delle stesse centrali nucleari inglesi. Fate voi i conti.

Maddai, tanto ormai il nucleare è sicuro. Smettiamola anche con questa frase di circostanza. Come ha affermato il premio Nobel per la fisica Carlo Rubbia, “non esiste un nucleare sicuro. O a bassa produzione di scorie. Esiste un calcolo delle probabilità, per cui ogni cento anni un incidente nucleare è possibile: e questo evidentemente aumenta con il numero delle centrali.” Stastica non mente. Ne basta uno di incidente, abbiamo visto con Chernobyl. E poi, ragazzi miei, le scorie. Che non vengono quasi mai menzionate. Va bene che noi italiani siamo esperti nel nascondere tutto sotto il tappeto, ma sulla Terra non esiste un luogo sicuro al 100% o al riparo dall’acqua, per esempio. Dove le mettiamo? Come le gestiamo? Boh. Però le facciamo. Il costo dell’uranio aumenta perché anche questo combustibile va esaurendosi come il petrolio e nel giro di 40-50 anni sarà finito; il plutonio impiega circa 22.000 anni per finire la sua vita, e così via. Quindi le scorie dove le nascondiamo? Io sono abbastanza tranquillo, che secondo me saranno più vicine a casa tua, sì parlo di te che mi stai leggendo, che a casa mia, perché io abito ad Arcore, proprio vicino al pres. del cons. Diciamo che male che vada, diventerò un po’ meno verde o deforme di te.

Quindi che si fa, sonounrompipalle? Svegliamoci, non c’è bolletta o sconto che tenga di fronte alla nostra salute o alle nostre vite. Proprio in questi giorni sono usciti i dati che dimostrano come l’eolico, non solo negli Usa, abbia superato il nucleare. E nei prossimi anni ne doppierà la produzione. Ma Scajola i giornali non li legge, evidentemente, pensarà soltanto ai fatturati di certe aziende.
La sfida in cui il nostro paese dovrebbe gettarsi ad occhi chiusi è un’altra e riguarda la fonte più immensa che ci ha donato la natura: il Sole. “Basti pensare che un ipotetico quadrato di specchi, lungo 200 chilometri per ogni lato, potrebbe produrre tutta l’energia necessaria all’intero pianeta. E un’area di queste dimensioni equivale appena allo 0,1 per cento delle zone desertiche del cosiddetto sun-belt. Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma”.
Sviluppare e realizzare impianti seri per sfruttare l’energia solare sarebbe sì una grande dimostrazione di maturità del paese. Perché anche in questo campo siamo indietro. Ma sappiamo bene perché non viene mai proposto lo sfruttamento di questa energia: il Sole non paga direttamente la bolletta e “non è soggetto ai monopoli”; i tumori e le malattie della gente invece pagano la sanità, le case farmaceutiche e non solo.

Sostanzialmente, se non saremo noi a invertire la rotta lo farà qualcun altro, come sempre. Correndo il rischio di rimanere l’unico paese inquinante e pericoloso in un mondo che cambia direzione.
Perché tra 50 anni, mentre gli altri avranno scoperto come produrre energia dai propri rutti o da altri gas meno nobili, noi staremo ancora costruendo…i primi mulini a vento.


Condanne inferme

maggio 29, 2008

Sembra che il cosiddetto uomo a volto scoperto protagonista delle vicende nel quartiere del Pigneto non fosse un nazista come avevano raccontato nelle cronache. Una cosa è certa però, rileggendo tutta la storia: qualcosa non quadra, specialmente nel racconto del giustiziere di quartiere.

Ieri invece persino Kledi, il noto ballerino, è stato vittima di un’aggressione razzista. E’ sintomatico che gran parte di questi episodi stiano accadendo a Roma e dintorni e fa specie la risposta default di Alemanno: «esprimo la più ferma condanna per questo nuovo grave episodio di intolleranza e la mia piena solidarietá a un artista che arricchisce e rende onore alla nostra città». Insomma una frase del genere detta da uno che porta al collo la croce celtica è particolarmente pittoresca.

Mi chiedevo quindi per quanto. Per quanto ancora dovremo andare avanti a sentire le stesse dichiarazioni ripetute in ogni occasione dal politico di turno, prima che qualcuno decida davvero di muovere un dito ed affrontare un problema che con questa destra è diventato qualcosa di cui dobbiamo vergognarci. Tutti.


links for 2008-05-28

maggio 28, 2008

Cosa stiamo diventando

maggio 28, 2008

//www.repubblica.it/2008/05/sezioni/cronaca/sicurezza-politica-5/temi-ponticelli/ansa_13047227_08510.jpg

Ciò che mi spaventa non sono i disegni o i temini dei bambini, assolutamente.
Ciò che mi fa molta paura infatti sono i genitori di questi bambini, perché i bambini ripetono quello che sentono dire a casa, o al massimo in tv. Genitori che addirittura, in alcuni casi, hanno portato i bambini a partecipare a questi raid del fascismo post-moderno in salsa italiana.

Se poi ci aggiungiamo in molti casi l’incapacità di molti insegnanti impreparati a trattare certi argomenti o privi di sufficiente preparazione culturale per spiegare certe cose e condiamo il tutto con un po’ di luoghi comuni, la frittata è fatta.

Don Tonino Palmese, parroco della zona, i bambini che hanno scritto quelle frasi li conosce uno ad uno. Li ha incontrati più volte anche a scuola, parlandogli di vittime della mafia, di camorra e legalità.
Perché “è la criminalità ad aver pilotato la protesta contro i rom. A Ponticelli si sono scontrati due popoli: uno, quello dei rom, dove c’era qualche delinquente, un altro, quello degli abitanti della zona, dove c’erano molti delinquenti”.

Chiedo legittimamente solo una cosa a questo paese che si sta rapidamente trasformando nella peggior latrina pubblica che esista: lasciamo fuori i bambini dal teatrino di ogni giorno. Non usiamoli come strumenti di propaganda, almeno loro.

N.B.: mentre scrivo questo post vengo a sapere che ci sono stati altri incendi al campo nomadi di Ponticelli: avanti così.


Il paese dello squadrismo e del manganello

maggio 25, 2008

Non so cosa stia accadendo in Italia da quando si è insediato il nuovo governo, ma la situazione è alquanto allarmante. Rimango infatti allibito dagli ultimi innumerevoli fatti di cronaca che non scompongono più di tanto né l’opinione pubblica né i vari giornalisti o cosiddetti opinion leader italioti, che raccontano questi episodi come se facessero parte di una normalità già di per sé alterata.

Nell’ordine: un immigrato è morto nel nuovo cpt di Torino, perché malato non ha ricevuto nessun tipo di cura, se non una superficiale visita; i compagni di cella si lamentano ora delle condizioni disumane di questi centri; i napoletani che hanno protestato sono stati semplicemente manganellati, così si risolvono i problemi, in stile G8 Genova (donne e anziani menati gratuitamente); nel quartiere di Pigneto a Roma un extracomunitario del Bangladesh invece, gestore di un bar, è stato pestato con delle assi di legno da gente a volto coperto, dopo che queste simpatiche persone hanno devastato altri 3 negozi; al giovane conduttore del portale DeeGay.it infine hanno sbattuto la testa contro il muro minacciandolo di non occuparsi più di diritti per gli omosessuali.

Senza dimenticare il disumano episodio di Verona in cui è morto un giovane: per il presidente della Camera, improvvisamente diventato ebreo, è più grave bruciare una bandiera infatti.
E’ triste constatare che certi personaggi o certi usi che speravo fossero spariti col Ventennio, siano invece ancora in voga e non suscitino nanche un minimo sdegno da parte dell’opinione pubblica.

Così parlava Indro Montanelli:

«Sì, gli italiani non sanno andare a destra senza manganello. Non amano la destra seria e non l’hanno mai amata, prima e dopo il fascismo. Pensa alla grande destra risorgimentale, ai Sella, agli Spaventa… E pensa alla parabola di De Gasperi. No, la destra liberale in Italia è stata sempre impopolare, una minoranza odiata e derisa. Gli andava bene Mussolini e gli va bene Berlusconi. Che cos’hanno Berlusconi e i suoi alleati in comune con la destra liberale, legalitaria? Nulla… La destra è incompatibile con il «parabolismo», la ciarlataneria e Berlusconi è un parabolano, un grande ciarlatano… La capacità di menzogna di Berlusconi è quasi commovente. Perché il primo a credere alle sue menzogne è lui…».


Cose nostre

maggio 23, 2008

Sedici anni fa morivano il Giudice Falcone e gli uomini della sua scorta. Era il 23 maggio del 1992, avevo 9 anni e quello che vedevo ed ascoltavo dalla tv mi suonava strano ed inquietante.
Sentivo parole come la “strage di Capaci”, sentivo che la “mafia aveva vinto” (con l’aiuto della politica probabilmente), ascoltavo le voci della gente sconfitta, delusa ed abbandonata dallo Stato.

E oggi, sedici anni dopo, non è ancora cambiato niente: la mafia continua a vincere, lo Stato è ancora morto.


Il Festival del Cinema

maggio 22, 2008

Eravamo tutti qui ad aspettarlo con gioia e gaudio: finalmente sta per arrivare l’emendamento salva-Rete4:

La prima bagarre scoppia quando stamani, in apertura di seduta, il presidente della Camera Gianfranco Fini giudica ammissibile l’emendamento “anche se in via eccezionale”. Una scelta che ha irrigidito ancora di più l’opposizione che ieri aveva chiesto in tutti i modi di ritirare l’emendamento perchè non pertinente col decreto. L’Italia dei Valori ha organizzato un sit-in davanti alla Camera. In aula gli interventi non hanno fatto sconti a niente e a nessuno. Secondo Roberto Zaccaria, ex presidente Rai, “il provvedimento serve per ridare fiato al titolo Mediaset in borsa“: “Stamani il titolo perdeva lo 0.69%, nell’ultimo mese ha perso il 10.24%, negli ultimi sei mesi il 19.65%, nell’ultimo anno il 35.45%. Il vero regista di questa operazione è il presidente Fedele Confalonieri, che ieri da Cannes ha spiegato che questo emendamento non è una legge ad personam”.

Tralasciando il fatto che in questo caso le risposte e le direttive politiche le stiano dando Confalonieri e/o altri servili aiutanti, vorrei fare notare come in effetti questo emendamento non sia una legge ad personam: salvare rete4 è nell’interesse di tutti quanti. Senza i programmi di rete4, il tg di Fede e Walker Texas Ranger, non riusciremmo più a vivere.

C’è però un altro piccolo dettaglio: il governo attuale spiega che il decreto serve a evitare sanzioni UE. In realtà sono stronzate: non solo ci sono già state sentenze in Italia (Corte Costituzionale e Consiglio di Stato) che l’hanno data ragione al patron di Europa 7, visto che le frequenze sono sue e inoltre possiede gli studi più grandi d’Europa, che regolarmente affita, ma anche la Corte Europea ha sancito che rete4 deve smammare. Questo vuol dire che dal primo gennaio 2006, con effetto retroattivo, l’Italia sarà costretta a pagare una multa di 130 milioni l’anno, se rete4 non lascerà le frequenze ad Europa 7 (sono circa 355.000 euro al giorno, per gli amanti delle statistiche).

E’ come se voi aveste comprato un posto auto sotto casa vostra, però regolarmente ci si infila qualcun altro. Vi girerebbero le scatole, no?
Ma questa è solo la prima di una lunga serie di puntate che andranno in onda tutti i giorni, che voi lo vogliate o no.


links for 2008-05-21

maggio 21, 2008

Terremoti radioattivi alle mandorle

maggio 21, 2008

Non so se è una cosa voluta o meno. Non so se questa totale mancanza di informazione corretta, vada di pari passo con l’incapacità più o meno voluta dei nostri giornalisti o sia dovuta all’esclusiva volontà degli stessi di enfatizzare solamente gli aspetti più retorici e romanzeschi di una tragedia come quella del terremoto nella provincia del Sichuan (parlo delle migliaia di morti, delle persone ancora miracolosamente in vita dopo giorni, ecc…).

Praticamente nessuno dei media italiani (a parte Repubblica versione cartacea del 19-05-08 ) ha infatti parlato del grave rischio di radiazioni nucleari dovuto al danneggiamento di alcune centrali nucleari cinesi a causa del terremoto. Addirittura il Times, spiega che in Cina è stata allertata l’industria di armi atomiche affinché si prepari ad un’emergenza ambientale, segno che la questione non sia affatto da sottovalutare. Alcune centrali coinvolte sono purtroppo situate vicino a dei fiumi, e rischierebbero di contaminare non solo le acque, ma anche le culture stesse.

Ooooh! Chi poteva mai immaginare che un terremoto riuscisse a danneggiare delle centrali nucleari? Questa è davvero una piega inaspettata degli eventi. Sapete una cosa? D’ora in poi costruiamole solo in posti dove non ci sono terremoti. Ad esempio qua in Italia.

Tutto questo mi fa pensare che una notizia del genere non possa fare molto piacere ad un governo pronto come non mai a rilanciare la costruzione delle centrali nucleari, in colossale ritardo, elemento che dovrebbe intelligentemente portare a considerare altre fonti energetiche.

Anche perché nessuno, ma proprio nessuno, osa proferire spiegazioni in merito ai costi di costruzione a lungo termine e ai costi di mantenimento o manutenzione delle centrali nucleari stesse. Per non parlare poi del caos che scoppierebbe in qualsiasi angolo d’Italia in cui si deciderà di costruire la prima centrale nucleare.
D’altronde, voi vorreste avere come vicino di casa un bel reattore nucleare a fissione che lavora a pieno regime?


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.