links for 2008-10-28

  • "Tra i figli di chi ha solo la terza media appena il 10% arriva alla laurea: un problema genetico?
    C'è una facoltà di Economia in cui otto professori hanno lo stesso cognome: un caso di omonimia?
    Sei vuoi essere capo del Governo italiano devi avere almeno 70 anni: è un vincolo di legge?
    L'età media di chi controlla le imprese italiane è 61 anni: è il frutto dell'esperienza?"
    NO, NO, NO e NO! Quattro "no" che ci svelano che ci troviamo di fronte a dei sintomi: quelli di un paese sull'orlo del ricovero.
    La diagnosi è, come ci suggerisce Giovanni Floris, quella di una malattia degenerativa che distrugge le migliori cellule della società; una malattia progressiva che porta alla paralisi; che minaccia il futuro di tutti".

5 risposte a links for 2008-10-28

  1. paz83 scrive:

    Purtroppo Floris ha ragione. Bisognerebbe fermare il sistema di raccomandazioni su cui si basa la nostra democrazia, e poi bisogna mettere dei limiti, dei turnover, ma veri. Così Come la Gabanelli ipotizzava per i Sindacalisti distaccati. Dopo 5 o 6 anni che lo fanno dovrebbero (come da diritto) nei loro posti di lavoro in modo anche da creare ricircolo nel sistema. Stessa cosa vale in politica e nelle cariche amministrative e dirigenziali.

  2. Dora scrive:

    La raccomandazione, come originariamente concepita, e come ancora viene considerata negli Stati Uniti (io ti parlo degli USA perche’ vivo qui’ ma poi non so, immagino sia lo stesso anche in altri paesi) non e’ un concetto negativo ma direi che e’ una cosa positiva. Mi spiego. Un’azienda cerca un dipendente. La persona deve avere certe caratteristiche, deve saper parlare francese, deve saper battere a macchina, deve saper fare la pasta e fagioli, deve saper saltare sul piede destro e che ne so deve anche saper mangiare tre panini in due minuti. Chiaramente non e’ facile trovare una persona che abbia queste capacita’ e che allo stesso tempo sia affidabile, inoltre, come si fa ad essere sicuri che questa persona sia davvero capace di far tutto cio’ e soprattutto, dal momento che bisogna affidargli le finanze dell’azienda, sarebbe bello poter essere sicuri che sia una persona affidabile. Bene, ecco l’azienda cosa fa. Chiede per primo alle persone che gia’ lavorano in azienda: voi conoscete qualcuno che sa fare tutte queste belle cose? Se lo conoscete fatelo venire subito, non solo io gli do un lavoro e lo pago profumatamente ma alla persona che portera’ questo campione a lavorare per noi io daro’ anche un premio di 500 dollari.
    Ecco, questo succede in molte (non tutte) aziende americane.

  3. Dora scrive:

    Aggiungo….
    Naturalmente tutto cio’ e’ distorto in Italia e il meccanismo della raccomandazione si riduce ad un meccanismo perfido del “fai lavorare mio figlio e io ti faccio quel favore che mi hai chiesto” oppure “dal momento che posso decidere chi assumere in azienda assumo tutta la mia famiglia cosi’ li metto a posto”.
    Da precisare che in America e’ contro legge far lavorare due parenti nello stesso reparto della stessa azienda perche’ c’e’ conflitto di interessi (due reparti diversi si ma non nello stesso reparto).

  4. sonounprecario scrive:

    @Paz
    Sì, anche perché abbiamo gente in parlamento da 40 anni, è allucinante.

    @Dora
    La raccomandazione in Usa o comunque nei paesi anglosassoni ha un’accezione positiva. Perché, come spieghi tu, ti metti in gioco tu in prima persona per segnalare qualcun altro. Cioé, se segnali un ebete, anche tu farai una figuraccia e perderai credibilità.
    In Italia invece il ragionamento che si fa è piazza, annidati e metti le radici, arraffa e via.

  5. Dora in USA scrive:

    Alex,

    E’ esattamente come dici tu.

    Qui’ non si usa il termine “reccomandation” che sarebbe la traduzione letteraria di raccomandazione, ma si usa il termine “referral”. Io ti riferisco il nome di qualcuno. Naturalmente non mi sognerei mai di riferti un demente, come dici tu ci farei una figuraccia.
    Come ho gia’ detto alcune aziende prevedono dei bonus per un referral andato a segno. Ovvero se la persona che mi hai segnalato poi e’ effettivamente valida e viene successivamente assunta io ti do’ un bel premio. Chiaramente a seconda delle mansioni che questa persona andra’ a svolgere il valore del premio cambia, se mi segnali un cassiere ti do’ 50 dollari ma se mi segnali un manager super qualificato te ne do 1000.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: