Da grande voglio fare l’aperitivo

In occasione dell’ultimo dell’anno ecco il post sulla GGD, in ritardo di soli 19 giorni. D’altro canto, quando uno vive l’esperienza di una Girl Geek Dinner ha bisogno di un po’ di tempo per riprendersi, riordinare le idee e ricordarsi tutti i nomi delle ragazze che ha conosciuto, mica da fare errori che gli costerebbero piccoli attentati sotto casa.

Il team GGD Milano

Drill, baby drill. I ringraziamenti vanno allo staff delle irriducibili, quelle che oltre a tutto lo sbattimento dell’organizzazione dell’evento, si sparano senza batter ciglio diverse ore in piedi, in giro e sedute per i tavoli, manco fossero 7 spose per 7 poveri fratelli maschi blogger invitati.

Il tempo delle mele è finito. Come volevasi dimostrare, sfiga vuole che quel giorno diluviasse ed il sottoscritto ci abbia messo circa 2 ore e mezza per fare 20-25km e trovare un posteggio. Come se non bastasse, entrare in scena quando tutti sono già seduti non aiuta, specialmente da bagnati fradici (ormai dalla BlogFest in poi è prassi)… Credetemi, non si dà una bella impressione; e stiamo parlando di strani organismi che, oltre a sanguinare per circa 5 giorni al mese senza morire, con un’occhiata hanno già deciso che tipo sei, quanta confidenza ti daranno (non leggete tra le righe) e se puoi risultare interessante.

Mission accomplished. Sostanzialmente, le possibilità che avevo di non destare troppa attenzione per ovvi motivi ad una buona parte delle presenti dell’altra metà del cielo, erano pari alle chance di un Vladimir Luxuria candidato a diventare il nuovo papa: drammaticamente basse.
Fortuna vuole che mi fermano al banchetto di ricevimento per darmi un simpatico zainetto e non appena supero il primo scoglio, trovo subito un tavolo di persone che già conosco. Senza esitare quindi mi siedo, cominciando finalmente a mangiare. Ovviamente non ero l’ultimo: sì perché – come ogni star che si rispetti – Enrico è arrivato dopo di me. Ma lui aveva l’ombrello…

Le Pagelle. La premessa è doverosa. Questa volta ho optato per una scelta di campo (cit.), quindi le pagelle saranno brevi, indolori ma un po’ irriverenti. Chiaramente non posso (perché non ricordo tutti i nomi, come sapete) inserire tutte le presenti, sia perché non le ho conosciute tutte (ho parlato soltanto con quelle che me l’hanno data – …la confidenza, maliziosi), sia perché non vorrei trovarmi i loro fidanzati sotto casa mia, lì soltanto per accompagnare la loro amata geek a scolpire nella carrozzeria della mia auto un insulto a piacimento.

La prossima volta, se volete comparire in queste fantomatiche pagelle, presentatevi stringendomi la mano o dandomi una pacca sulle spalle. Non sembra, ma io vi osservo tutte. E sono sempre più dell’opinione che siano aperitivi e cene a muovere il mondo del lavoro ed a spostare gli equilibri planetari; vi dico un segreto: secondo me gli accordi più importanti vengono sanciti davanti ad un buon bicchiere di vino.

Sara Rosso, voto 8. Intrattiene e stupisce simpaticamente chiunque, presenta la serata al microfono. Tutto questo le riesce, non solo grazie al particolare accento ed alla sua abilità organizzativa, ma anche per la capacità di reggere il vino. Se continua di questo passo, non potremo nominare il suo nickname invano.

Feba, voto 7. Sarà che c’è la destra al governo, ma con Feba si respira un’aria di sicurezza. Non parlo della sicurezza di fare centro, furbetti, ma la certezza che, dopo una serata così allegra, non si ricorderà nulla di quello che avete fatto o di cui avete parlato.

Auro, voto 6,5. Era già lì da un po’ di tempo ed è dovuta scappare via presto, ma non prima di farsi scattare un paio di foto compromettenti col sottoscritto e Suz. Pochi minuti utili quindi. Noi blogger (io, Enrico, Pietro Izzo, Andrea Beggi, Biccio, Stefigno, Napolux, ecc…) discepoli dell’eiaculazione precoce, non possiamo che apprezzare.

Marilù, voto 6. Le riconosco meriti storici: senza di lei non avrei partecipato ad almeno una delle due GGD. Non è in serata straordinaria per vari motivi, ma grazie al bicchiere di vino partecipa. Devo però ammettere che con gli stessi risultati avrei potuto farmi invitare da Mara Carfagna, peraltro dandole almeno qualcosa di significativo da mettere in curriculum.

Dafne, voto 6,5. Come Auro, rimane poco tempo, giusto per dimostrare che non tutte possono portare certe camicie. Insomma, svolge il suo dovere senza farlo pesare a nessuno. È per definizione una sketchina IKEA.

Roberta Milano, voto 6,5. Tenace, sostiene dei discorsi persino con me, promettendo di convincere Axell a rifare il Lost Camp. Conoscendola, lo metterà così sotto pressione che per lui sarà già buono non accusare attacchi di panico pensando di rifiutare il gentile suggerimento.

La Fra, voto 7,5. È meglio del famigerato scudo stellare: intercetta tutti gli abbordaggi dei pochi maschi presenti in sala utilizzando anche la tattica “foto-faccioni”, rendendoli così inoffensivi. Non mi stupirei se presto i neo-con sfilassero indossando magliette con scritto “Save La Fra”.

Lyonora, voto 7. Siamo fortunati ad avere fotografe come lei ed Auro, per esempio. In questi tempi di austerity però è una sorta di bene di lusso: se il Governo raddoppiasse l’IVA su Lyonora, invece che a SKY, capiremmo tutti quanti senza fare troppe storie.

LaLui, voto 8. Per lei ormai le GGD sono un’inezia. Durante la serata dimostra di possedere energie inesauribili: grazie a lei presto risolveremo i cosiddetti problemi delle fonti alternative.

Aligar, voto 7. Con Alice nessuna foto si crea e nessuna foto si distrugge. A lei gli scatti vengono naturali. Generosa si dimostra un’ottima compagna di scorribande.

Susan, voto 8. Inesauribile. Resiste per tutta la serata, fino in fondo. Tiene testa addirittura a più di un uomo contemporaneamente. Una forza della natura. Se fosse un maschio riceverebbe lo spam “Downsize your penis”.

Helen Goldenmarks, voto 7. A giudicare da quanti uomini conosce e con cui parla, avrebbe modo per darci dentro come una pazza, ma è chiaramente svogliata (oltre che fidanzata). A differenza di certe fidanzate però, Elena si tira indietro senza ricorrere alla vecchia storiella del mal di testa. La sua simpatia, così come il suo potenziale, è notevole, ma sorge un dubbio: senza il bicchiere di vino in mano sarebbe la stessa?

Infine, sotto il motto “Bonus amicizia”, le pagelle ai maschietti:

Suzukimaruti, voto 7,5. Mostra tutto il suo charme con le donne discorrendo e maneggiando a piacimento ogni tipo di discorso, a seconda del’interlocutrice. Passa dal discorso su noti film di letteratura pornografica come “Screw my Wife” a parlare di fisica quantistica applicata ai social networks come se niente fosse, mostrando un po’ di superiore arroganza. Questi giovani capelloni che ascoltano la musica rock dovrebbero fare la guerra per capire quando è il momento di fare davvero le fighette.
Andrea Beggi, voto 8. Nel suo ruolo è il migliore al mondo. Chissà perché tutte chiedono consulenza ad Andrea, “dall’installare antivirus” a programmare uno script che impedisca la ricrescita dei peli superflui. Per descrivere la sua superiorità sulla concorrenza, è come se Monica Lewinsky fosse stata capace di parlare agli Stati Uniti con la bocca piena.
Biccio, voto 6,5. È inutile che, donne, continuate a provarci con lui, mettendomelo in crisi. È un uomo impegnato a prescindere, non uno dei california dream men. Anche Berlusconi tolto dal suo ruolo e messo alla presidenza del consiglio farebbe dei disastri.
Marco Montemagno, voto 7. Da quando arriva, al suo obiettivo femminile della serata propone una metafora ideale degli incontri amorosi che ogni uomo vorrebbe avere con la propria donna: prima un paio d’ore a fare faville con bicchiere e/o bottiglia in mano, poi nessuna rottura di scatole fino al momento di salutarsi. Non si sa come sia andata alla fine a Marco, ma tant’è.

Colgo infine l’occasione per fare gli Auguri di Buon Anno a tutti quanti specialmente alle geek e più in generale alle donne, a cui dedico questo post ironico.
Sperando e augurandomi che nel 2009 sarete voi a cambiare un po’ il mondo o semplicemente a renderlo un posto quantomeno migliore.

[ringrazio interistiorg.org come inesauribile fonte di ispirazione per le pagelle]

11 risposte a Da grande voglio fare l’aperitivo

  1. Federica87 scrive:

    Grazie per gli auguri! Spero di riuscire a venire la prossima volta a questa cena!! Cavoli mi piacerebbe tanto!
    Sarebbe proprio bello se le donne si unissero per migliorare il mondo.

  2. Suzukimaruti scrive:

    Le foto compromettenti di Auro non esistono. E se esistessero sarebbero in un caveau ultraprotetto in Svizzera, ricoperte di kryptonite.

  3. Napolux scrive:

    Se si parla di eiaculatio precox a te non ti batte nessuno! :P

  4. sonounprecario scrive:

    …sìsì, ma l’ultima volta che eravamo a casa tua, quando abbiamo fatto la gara…tu mi hai battuto, non ricordi?
    Ci hai messo 1,5 secondi. Io invece 2 netti, quindi ho perso. :D

    @Federica
    Sarebbe bello sì! Auguri ;)

    @Suz
    In effetti potrebbe essere vero…io non le ho ancora viste :P

  5. AXELL scrive:

    eh eh eh… Roberta prima o poi mi convince.
    Metti i link cazzo! Non avevo visto questo bellissimo post! :)
    Buon anno.

  6. sonounprecario scrive:

    @Lalui
    Auguri anche a te! ;)

    @Auro
    Ih ih ih…e chi lo sa… (le uso per toccarmi di nascosto) :P

    @Axell
    Ma infatti ne abbiamo parlato e tra poco cominceremo l’opera di convincimento. Quel Barcamp s’ha da fare, perché l’ideona romantica del mare e tutto il resto sarebbero imbattibili.
    Tra l’altro mi sono accorto solo ora di non aver messo il tuo link, sorry.
    Auguri anche a te! :D

  7. Roberta Milano scrive:

    e vai! la sufficienza l’ho rimediata:-)
    ma quando non devo guidare, sappiatelo, posso fare molto meglio
    alla prossima
    (scusate il ritardo)

  8. sonounprecario scrive:

    Eheheheh! Figuati, qui il ritardo…non esiste :)
    Comunque bisognerà sul serio cominciare con l’opera di convincimento Axell! ;)

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: