E se Dio avesse abortito?

Certe volte quando leggo alcune cose, rimango lì basito davanti allo schermo per qualche istante. Non penso a niente e probabilmente la mia faccia assume un’espressione alquanto indefinita.
È in queste volte che il limite viene altamente superato. L’ultima dichiarazione moderna e umana del Vaticano è infatti qualcosa di offensivo persino per i cattolici, quelli che credono a prescindere a tutte le nefandezze razziste, omofobe e contro ogni tipo di amore cristiano.

“La pillola contraccettiva classica «funziona in molti casi con un vero effetto abortivo», viola «cinque diritti umani» e già che c’è «ha effetti ecologici devastanti», seminando «tonnellate di ormoni nell’ambiente» e contribuendo così all’«infertilità maschile in occidente» […].”

Non che il parere del presidente dei medici cattolici sia importante per chi vive normalmente, nel 2008: vista la fonte infatti, non ci sarebbe tanto da stupirsi. Anche perché dichiara un mucchio di fandonie. Bisognerebbe però riflettere e far riflettere le tante donne credenti nella chiesa su una cosa in particolare: la considerazione che questa gente ha di voi esseri femminili. Come se fosse colpa vostra, ecco.

Dopo gli argomenti contro il no dell’Onu alla persecuzione dei gay, ora arriva quello sugli ormoni dispersi nell’ambiente che causerebbero la sterilità “in molti casi”: in pratica la pillola, ma solo quando ha voglia, bloccherebbe l’ovulazione ed ogni tanto interromperebbe la gravidanza. Meglio di un film di fantascienza.

Di certo sono affermazioni per nulla scontate. La condanna della contraccezione, di per sé, non è certo una novità: risale all’enciclica Humanae vitae, scritta da Paolo VI nel 1968.

In effetti sono solo passati 40 anni. Allora ad una donna non era nemmeno concesso divorziare, e se negli Stati Uniti la pillola era vietata alle donne non sposate, in Italia non esisteva. Figuriamoci nel 2008. Sì perché loro vanno al contrario; nella loro ottica tu devi vivere come hanno deciso loro. C’è scritto lì, nel librone del resto. Quindi – che tu lo voglia o no – ci devi credere. Fa niente se poi nel librone dei fumetti, che potrebbe aver scritto chiunque, si parla di relazioni omosessuali, l’amore di Cristo è ben altra cosa e via dicendo: loro sono cristiani. Il loro è il verbo della seconda persona singolare. Tu devi fare quello che dicono, altrimenti sarai dannato e ci sarà uno che ti brucerà all’inferno. Il tuo otto per mille invece sarà più in alto di qualche piano.

Io non impongo il mio modo di vivere a nessuno. Quindi voi cattolici credenti, vivete come diavolo preferite. Preti, vescovi, papi e via dicendo, se però siete repressi, non fatelo pesare su tutto il mondo, o meglio, sull’Italia, cioé l’unico paese che ancora vi dà un po’ di retta (assieme a qualche altro del terzo mondo): abbiamo già abbastanza problemi. E se proprio siete così frustrati, evitate di rifarvi sui bambini. Ecco, di quello non parlate mai. Però siete bravissimi a seminare odio ed intolleranza.

«la pillola denominata anovulatoria più utilizzata nel mondo industrializzato, quella con basse dosi di ormoni estrogeni e progestinici, funziona in molti casi con un vero effetto anti-impiantatorio, cioè abortivo, poiché espelle un piccolo embrione umano»

Non ridete dai. Queste cose le hanno dette per davvero. A questo punto non capisco perché non se la prendano con sé stessi: mangiando qualsiasi cosa si uccidono milioni di organismi che vengono poi digeriti ed espulsi dal nostro corpo sotto forma di cacca. Un eccidio di massa.
Sull’impatto ambientale invece si dibatte, per carità. Ma nessuno parla delle proporzioni da ecatombe: quelle sono balle colossali. Così come l’impatto sull’uomo, inteso come maschio.

Ci sono tanti cattolici che vivono benissimo senza dar credito a questi personaggi usciti da uno strano film medievale. Il problema è che nessuno di questi ha il coraggio di farlo notare a Piazza San Pietro magari, spernacchiando un po’ quelli li col cappello, che siccome sono vestiti in modo strano, pensano di poter dire quello che vogliono.

E ho comunque un po’ di timore nel fascismo dimostrato da tantissimi medici che ancora si rifiutano di prescrivere la famigerata pillola del giorno dopo, negando un’evidenza enorme e violando la legge. Diciamolo ancora una volta, la pillola del giorno dopo non interferisce “in alcun modo sull’impianto dell’ovulo fecondato sulla mucosa uterina, che avviene 8 giorni dopo la fecondazione; poiché la gravidanza inizia appunto con l’annidamento dell’ovulo fecondato nella mucosa uterina, non può affermarsi che il farmaco sia abortivo, non solo perchè non interrompe una gravidanza in atto, ma anche perché non interferisce sul destino di un ovulo fecondato (cosa che per alcuni è equiparabile ad un aborto). Il metodo, che ha un’efficacia tanto maggiore quanto prima viene utilizzato, è inefficace se l’impianto dell’ovulo è già avvenuto: in tal caso, tuttavia, l’assunzione del farmaco non influisce sulla prosecuzione della gravidanza”.

Insomma, per tradurre alla buona, non è che se lo mettete dentro, di colpo la vostra partner è incinta e bam, dopo 9 mesi sarete padri.
Comunque sia, se un medico si rifiuta di prescriverla, potete denunciarlo (click per le modalità). Per alcuni casi, ripristinerei l’Ostracismo, ecco.

D’altro canto però sono fiducioso. Che vadano pure avanti così, che i giornali continuino pure a riprendere tutte le loro cazzate disumane: di questo passo si estingueranno da soli.
Insomma sono così cattolici e moderati che vogliono imporre solo la loro medievale visione del mondo. “Non vivi come voglio io? Che tu sia dannato allora!”

Se però Dio avesse abortito, certi problemi non staremmo qui nemmeno a porceli.

14 risposte a E se Dio avesse abortito?

  1. Purtroppo, la madre dei coglioni è sempre incinta… e Maria è un nome piuttosto popolare. Chi voglia, faccia 2+2: tutto sommato, comunque, è giusto che il Vaticano si esprima in questi termini. Perché mentre GPII finanziava Solidarnosch contro il “pericolo” comunista e intesseva i soliti loschi giochi con le banche svizzere, mentre Calvi veniva “suicidato” a Londra perché sapeva troppo… il Papa baciava i bambini e dal pulpito si limitava alle solite, tristi, banalità para-pacifiste. Questo, almeno, ha il coraggio di dire pubblicamente ciò che l’ecclesia cattolica ha sempre sostenuto: poi, i credenti (di qualunque credo, in particolare monoteistico) se ne fregheranno sempre e comunque. Lo chiamano libero arbitrio: in giurisprudenza sarebbe un alibi senza efficacia probatoria. Ma, almeno, chi è dotato di un minimo di coscienza critica non avrà più dubbi…

  2. Incredibile la citazione «tonnellate di ormoni nell’ambiente» e contribuendo così all’«infertilità maschile in occidente».. Non sanno dove appellarsi per dare fastidio a nome di “dio”..

  3. marcoboccaccio scrive:

    il fatto è che l’italia non è un paese libero, né laico, in virtù del fatto che la costituzione recepisce il concordato (unica nel mondo); ed è questo il motivo per cui berlusconi ripete in continuazione che la prima parte non si tocca (mica per la tutela dei diritti dei cittadini, ma di quelli della chiesa). la chiesa cattolica purtroppo potrà sparare cazzate a fiumi, ma finché terrà il controllo della scuola (non solo quella privata) e della sanità nessuno le darà mai contro.

  4. pensieriaccatastati scrive:

    Come vedo non son l’unica che ancora si chiede come facciano le persone a pendere dalle labbra della Chiesa, che da secoli vive grazie all’ignoranza dei suoi seguaci, volendo solo arricchirsi senza dare, nonostante ci rompa l’anima con la storia “aiutate i più deboli”, e cercando ancora di inculcarci le sue idee ottuse in testa.

  5. sonounprecario scrive:

    @Fedmor
    Sulle scelte della Chiesa hai già detto molto e purtroppo ce n’è tante altre altrettanto vergognose. Del resto, Cristo non ha mica fondato la chiesa cattolica, quindi cosa aspettarsi da certa gente che attraverso la religione detengono un potere politico e un controllo sociale? Basti pensare al catechismo, etc. Alla fine gli interessi economici in gioco sono davvero tanti.
    Sul libero arbitrio non sono tanto d’accordo, perché alla fine non te lo lasciano. Chissenefrega, diciamo noi, ma i fedeli mica se ne accorgono.

    @DeSantis
    Tra un po’ arriveranno a dire chele polluzioni notturne agli adolescenti causano guerre…

    @Marco Boccaccio
    E’ vero, l’Italia non è libera, né laica, né tantomeno civile. Basti pensare a quali sono e quando risalgono i patti. La Chiesa più che altro pratica una sorta di voto di scambio: se un governo le promette finanziamenti alle sue scuole, le assicura di non pagare ici e altre tasse, non può che appoggiarlo.

    @Pensieri accatastati
    Ci sono tante persone che se lo chiedono. Dalle altre parti sono in maggioranza ed oltre a chiederselo, vivono la loro vita normalmente. Qui invece, nel 2008 sottolineo, siamo ancora in pochi…e sembriamo noi quelli strani, quelli che non credono che esista un dio che chiede il tuo 8 per mille e ti fa punzecchiare con un forcone all’inferno se non fai il bravo.

  6. stellavale scrive:

    Bel post.. Il nostro è purtroppo un semilibero stato in libera chiesa…

  7. sonounprecario scrive:

    Già, purtroppo è così da sempre. Il problema è che così a risentirne non è solo la politica, ma anche il progresso, lo sviluppo della società, ecc…

  8. Francesco Protopapa scrive:

    Io mi aspetto che da un giorno all’altro il Vaticano dirà che gli spermatozoi sono dei neonati “in pectore” e come tali hanno la stessa dignità…
    Osservatore Romano a caratteri cubitali: “giovani, lo spermatozoocidio vi porterà all’inferno!!”
    Bagnasco: ” Cattolici, dite messe in suffragio delle povere anime degli spermatozoi, bambini che non hanno mai visto la luce! E mi raccomando, dopo ricordatevi di pagare il parroco, eh…”
    Ratzinger all’angelus: cari cciovani ti sesso maschile, ja ,polluzione notturna essere come omicitio; ogni sera topo un Pater Noster e topo Ave Maria, ja, metere un cerottino su clande o si prepuzio prima di fare nanna; così evitate eventuale tispersioni et evitate ke mamma strofini macchia con zapone di Marziglia prima ti metere lenzzuola in lavatrice”…

    Mamma mia, ragazzi! E pensare che se il potere politico ce lo avesse il Vaticano, l’Italia sarebbe come pari pari come l’Iran, se non peggio; una teocrazia fanatica, una talebanocrazia.

  9. marcoboccaccio scrive:

    francesco (ma protopapa è il cognome o…?), il potere politico ce l’ha davvero il vaticano. non siamo come l’iran perché siamo moderatamente ricchi e inseriti nell’unione europea: e quindi i mezzi di repressione sono differenti. però la chiesa cattolica è in rimonta: dopo il 1870 la corsa è stata sempre più veloce, il concordato, il recepimento in costituzione, la diccì, la fine del comunismo, la destra al potere… e non continuo ché mi vengono i brividi!

  10. sonounprecario scrive:

    @Francesco
    In effetti tutto è plausibile…Ahahahah! Ti viene bene l’imitazione di Ratzi, già ti immagino😛
    Questo è il bello: saremmo integralisti quanto coloro che questo governo di non laici, ripudiano ogni giorno.

    @Marco Boccaccio
    Piacerebbe anche a me essere moderatamente ricco…😉
    Scherzi a parte, lo dici tu, le modalità sono differenti, ma non così dissimili. Il problema è proprio questo: in Italia per esempio, non esiste una destra laica. Ok, a dir la verità non esiste nemmeno una vera destra.
    E ci sono tantissime persone che – pur essendo di destra- non votano. E mi piacerebbe che invece avessero anche loro una rappresentazione.
    E invece…brividi.

  11. marcoboccaccio scrive:

    “moderatamente ricchi” come società nel suo complesso, rispetto ai paesi del medio oriente, volevo dire🙂 . in italia non esiste una vera destra perché per tanto tempo è stata incarnata dalla vecchia diccì, che in realtà non era né destra né sinistra, era solo l’avanguardia del papa. e del resto non esiste (più) nemmeno una vera sinistra😦 sempre più brividi!

  12. sonounprecario scrive:

    Ti quoto. Come dice Luttazzi, «Casa delle Libertà e Partito Democratico si fonderanno per formare il nuovo Partito di Centro. Il nuovo partito non avrà alcun programma».

  13. marcquario scrive:

    Considerando che sono in cassa integrazione da tre mesi, se la chiesa dichiarerà che gli spermatozoi sono neonati posso aprire un’asilo nido,il nido del nido, e mentre i genitori sono impegnati io porto gli spermatozoi al parco, al cinema (che spesa in biglietti)…alla faccia del piano anticrisi!

  14. sonounprecario scrive:

    Eheheh =)
    Potresti avere appena inventato un nuovo lavoro. Secondo me all’ora di religione…la classe sarebbe vuota però😛

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: