«Gazebizzati»

dicembre 20, 2007
Non ho mai parlato di calcio su questo blog e me ne guarderò bene dal farlo visto che non è proprio il luogo adatto. Anche se in questi giorni ne avrei a valanga di cose da dire (capitemi, sono interista e di sinistra), viste le ulteriori intercettazioni e gli altri sviluppi emersi che non hanno fatto altro che dimostrare perché certa gente 2 giorni prima abbia messo le mani avanti:
Non esistendo più da tempo, in questo Paese, un’etica e neanche un’etichetta condivisa, l’intero sconquasso di Calciopoli, come già era avvenuto per la più pregnante Tangentopoli, è stato retrocesso da Scandalo Nazionale a opinabile regolamento di conti tra club rivali. Fino all’autorevole e definitiva esternazione di ieri l’altro del presidente del Milan Berlusconi, al quale per liquidare Calciopoli è bastata una mezza frasetta di scherno tra un comizio volante, una galanteria alla Canalis e un antipasto. Neanche la fatica di un’intervista o una conferenza stampa: per liquidare come una inutile buffonata la giustizia sportiva, all’uomo più ricco del Calcio e della Nazione è bastata una battuta di un secondo, lo stesso tempo e la stessa fatica che si impiega a togliersi una briciola dal bavero.
Il paese si riflette anche e soprattutto in questi casi, in queste cose. Da un po’ di tempo infatti la politca italiana è stata letteralmente “gazebizzata”; non esistono più i confronti seri, i dibattiti, le discussioni, le proposte, non esiste più la politica stessa: per la fortuna dell’Ikea esistono i gazebo, luoghi riparatori e di ritrovo per anonomasia in cui dimostrare, dare credito, firmare, appoggiare, mostrarsi alle telecamere, raccogliere voti e condurre battaglie. Per dire, il mio vicino di casa ne ha messo fuori sul marciapiede uno per raccogliere firme affinché qualcuno gli tagli il prato una volta alla settimana. È questa la modernizzazione della politica, è questo il futuro partecipativo che ci aspetta.
Come si fa a capire il confine tra lecito e illecito se, per esempio, la misura dei diritti e dei doveri è totalmente sostituita da quella dei favori e degli sgarri? Il Moggi che apparve in lacrime davanti alle telecamere nei giorni di Calciopoli, annunciando il suo ritiro dal calcio e dicendo che gli avevano “rubato l’anima”, era un evidente refuso del romanzo all’italiana. Si poteva sospettare che gravasse su di lui qualcosa di simile alla vergogna, o quanto meno al disagio. Non che ci si aspetti il harakiri, qui da noi: fortunatamente, e detto senza alcun sarcasmo, sappiamo sempre anteporre alla nostra rovina e al nostro disonore un piacere di vivere che ad altre latitudini evidentemente difetta. Però, ecco, ce ne fosse mai uno che, pur convinto in cuor suo di essere una vittima delle toghe nerazzurre, stimasse più opportuno defilarsi un attimo, cambiare aria e luoghi, rifarsi un equilibrio lontano dai riflettori.

Ma no, macché, l’anima rubata a Moggi è stata rintracciata in pochissimo tempo, in fondo riconsegnata quasi a furor di popolo da tifosi e amici, da giornali e televisioni che lo hanno recuperato socialmente, e soprattutto dall’autoassoluzione che è la risorsa nazionale più inconsumabile. Crederci innocenti e vittime eterne di torti e persecuzioni, sia come individui che come categorie, lobbies, caste e famiglie, è quanto ci rende immortali, se lo segnino bene quelli del New York Times.

Moggi in realtà è una metafora moderna (presto questa voce apparirà nell’enciclopedia). Al posto del suo nome potrebbero essercene moltissimi altri e il risultato non cambierebbe. Quindi, in una società gazebizzata e priva di alcun tipo di etica, morale o giustizia, anche delle intercettazioni, anche delle voci vere e dirette vengono facilmente strumentalizzate a piacere, dimenticate e criticate.
Ascoltare Saccà che, sfoderando un leccaculismo incredibile, fastidioso persino al triste “capo”, dire a Berlusconi che non gli ha mai chiesto niente perché è troppo civile, quando in diretta gli sta facendo dei nomi di starlette qualsiasi fa sorridere; come a sua volta ci fa fare 4 risate il buon vecchio Silvio che attacca la Rai (con la solita tattica dello sviare il polverone altrove) affermando che in Rai, appunto, lavorerebbe soltanto “chi si prostituisce o chi è di sinistra” (quindi, seguendo il ragionamento, gente come Vespa si prostituirebbe, forse ha ragione Berlusconi). Parole dette da chi, nella telefonata con Saccà, “suggerisce” il nome di alcune avvenenti attrici. Ma lui ha ed è stato «gazebizzato» (e si è anche scottato con la borsa dell’acqua calda, diamine!), quindi tutto è lecito.
E allora vuoi scandalizzarti se qualche politico milanese da 4 soldi decide di autotassarsi per comprare un calciatore? Non bastava finanziarlo col digitale terreste o con altre vie indirette, ora servono i gazebo per comprare Ronaldinho, altrimenti non vale la pena muoversi per niente. Mi dispiace quasi far notare ai politici milanesi dai faraonici stipendi che la gente fatica a comprare il pane e la pasta, a far benzina e ad andare avanti, visti i rincari; mi dispiace perché poi sembra che io scriva le stesse cose, che io faccia demagogia e che io parli di aspetti scontati. Ma questi non se ne rendono conto, perché…anche loro sono stati «gazebizzati».
Gazebizzati anche tu, a casa o con gli amici e sul tuo blog campeggerà miracolosamente la scritta «You’ve officially been gazebized!».


Vergogne di Stato, rigurgiti italioti

luglio 7, 2007

“Ragion di Stato”. Le frasi si commentano da sole. Si sa che polizia, carabinieri, ecc… sono, ideologicamente, corpi molto spostati a destra; chi vi entra in genere viene conformato a tale uso, anche se prima di entrarci riteneva Marx uno di estrema destra. E poi andare in giro con la maglietta della folgore è figo, così come dire che da giovane sei stato nei parà (cioé hai visto una parata militare).

//www.rivistaonline.com

“Speriamo che muoiano tutti, 1-0 per noi”. Quel giorno di quel lontano G8 c’era una strana puzza nell’aria del nostro paese. Si veniva da giorni di clima rovente, la guerriglia era già stata annunciata, fomentata dalle voci scandalistiche dei giornalisti che pompavano vogliosamente l’evento. Ricordo persone avvolte nelle bandiere della pace, associazioni cattoliche o religiose, vecchi, giovani e bambini sfilare e prendersi tante manganellate, venire “caricati” da tanti soldatini del playmobil, esaltati da un giorno più unico che raro, in cui avevano avuto liberta di picchiare a destra e a manca. Pisanu era l’allora ministro della difesa che, senza cognizione di causa, dava ordini. Chissenefrega tanto tutti quanti erano “zecche del cazzo”. Quel giorno è morta la libertà, calpestata sulla faccia di migliaia di persone da uno Stato incapace di essere, da una classe politica con responsabilità gravissime sulle spalle. Quel giorno ci scappò il morto, quel giorno molti giovani ebbero la vita rovinata dai danni cerebrali causati dalle “teste aperte” a suon di legnate, pugni e calci; in quella scuola avvenne un delirio di onnipotenza, scandito dalle suonerie dei cellulari che suonavano “faccetta nera”. Credo che sia una delle cose più atroci sentirsi impotenti ed impassibili davanti allo stato che ti si rivolta contro e ti distrugge, prima dentro e poi fisicamente, col sangue sui muri, sui pavimenti e grumi solidi di materia corporea che uscivano, a fiotti dalle teste di giovani di 17-18, 20 anni.

http://www.romacivica.net/

“Attacco il Kamchatka con 10 carroarmati“. E’ notte, i residenti si accorgono che le forze che dovrebbero mantenere l’ordine hanno attaccato la scuola Diaz. Nell’audio delle telefonate si sentono di sottofondo le grida della gente, “assassini, assassini”. La storia, destrorsa e pronta a censurare con ogni mezzo, come sempre, si ripete. “Oh ragazzi le molotov non lasciatemele qui…”; due molotov di cui la Digos voleva disfarsi che poi, si è scoperto anche questo, erano stati gli stessi poliziotti ad introdurre, quelli che poi decisero di testimoniare secondo convenienza, in accordo coi capi, per evitare che tutto lo scempio uscisse. E invece è uscito.

Vieri Dixit. Sono molto più patriota io che difendo il diritto alla pace da un Bush qualsiasi che chi, con la forza, decide di distruggere, a prescindere, persone del proprio stesso paese. “…Non è stata proprio una bella cosa quella che abbiamo fatto”. Ma l’avete fatta. E l’avete nascosta; poi però è venuto a galla tutto quanto, così come sta accadendo nel caso di Federico Aldorovandi.
L’Italia si è ricandidata per ospitare il G8 del 2009 nell’arcipelago della Maddalena. La cosa assurda è che le stesse persone, peraltro promosse, avranno lo stesso incarico di salvaguardare ed occuparsi della sicurezza in quei giorni; aspettiamoci quindi battaglie navali. Come paese non siamo in grado di ospitare un evento simile, lo Stato e la classe politica non ha in sé le capacità per gestire situazioni come il G8.
L’ennesima dimostrazione che siamo un paese di serie B: non si può non fermarsi su avvenimenti del genere, passarci sopra ed ora, a distanza di anni, rifare un processo, magari in modo sommario. Ricordo solo a tutti quelli che dopo i fatti di quel G8 si sono sentiti in dovere di insultare ogni manifestante, godendo delle botte che prendevano (attenzione non parlo di black block o di chi sfascia tutto a prescindere), di farsi un esame di coscienza, provando magari ad avere un riscontro, a parlare con qualcuno che in quei giorni, i fatti li ha vissuti sulla propria pelle.

Share:
Technorati icon