Casini tra i leoni della libertà

febbraio 15, 2008

Berlusconi e Casini - Da La Stampa

Casini vuole correre “da solo”, oggi. Pierferdi però ci pensa, non si sa mai. Domani probabilmente, dopo aver chiamato Silvio suo, Pier tornerà all’ovile, abbracciando i cumpà di sempre. Oggi da solo, domani no, dopo domani chi lo sa. La comodità di scegliere secondo comodo, sempre, raggirando molti elettori del centro destra funziona. Perché a loro va bene tutto, va bene spostarsi ancora più a destra, va bene raccogliere i leghisti, i fascisti, una marea di ex-democristiani epurati; agli elettori del centro-berlusconismo (la destra è ben altra cosa, ahivoi) piace anche chiudere gli occhi di fronte al tradimento di uno dei loro tanto sbandierati ideali: la legalità. Nella coalizione in questione infatti, di legale e di discorsi sulla giustizia non c’è niente.

E poco importa se il pdl è semplicemente l’ennesima alleanza dettata dal marketing politico di una sera in piazza e non un partito nato dallo scioglimento di altri, da lunghe discussioni, confronti e consultazioni. Fa niente se ancora una volta il premier sarebbe quel Berlusconi che in 14 anni di “politica” si è già candidato 4 volte, è stato 7 anni al Governo, è uno dei più vecchi in assoluto sul panorama mondiale e non ha mai fatto nulla per cambiare questo paese, se non in peggio. Nessuno però lo schioderà di li, perché non ha ancora risolto tutte le sue questioni: finché morte non lo separi insomma.

Chissenefrega se dopo ogni legislatura è cambiato il governo, come ha giustamente fatto notare Veltroni, pratica figlia del caos introdotto ed esistente dal ’94 ad oggi. Silvio andrà avanti con la solita tiritera elettorale fatta di slogan e frasi vecchie, figlie di un sistema vecchio e stantio che Veltroni ha avuto l’accortezza di mettere alla berlina.
Ma non c’è problema, ai “moderati” interessano solo la patria e la famiglia: agli altri invece no; loro infatti pensano di difendere il concetto di famiglia nella società moderna dicendo no al riconoscimento civile di un’unione di fatto, non incentivando le coppie a far figli, a farli studiare e a far crescere il paese quindi (e ci metto un “lol” anche per le paghe minime di 1000euro, apriti cielo).

A differenza di Prodi, Veltroni sa comunicare in modo molto più semplice e diretto, ma anche nuovo. L’ha capito per primo, la gente è arci-stufa di una politica ormai nipote della prima repubblica; ha dato un taglio netto ai partitini e ai giochini rischiando molto, ma sicuro che è l’unica via per tentare di cambiarlo davvero questo paese. Poi sì, tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, lo so anche io; non vorrei che qualcuno dicesse che ho abboccato dopo 5 minuti. Anche perché ancora non si conoscono i nomi dei candidati e quanto il PD si sposterà in mezzo, ma mentre a destra sappiamo già cosa potrà aspettarci, visto che il panorama è sempre lo stesso, con una forma e un nome diverso, per il PD sono curioso. Starò qui a vedere quindi, conscio che consegnare il paese ancora una volta nelle pericolose grinfie di Berlusconi sia un suicidio di massa.

Sì perché uno che riesce a farmi guardare “Porta a Porta” per più di 10 minuti, senza mandare a quel paese Mario Giordano per l’incredibile ed incresciosa faziosità e servilistica provocazione…qualcosa di speciale deve averla per forza.


Io non c’entro

settembre 25, 2007

Casini ha denunciato alla polizia postale il falso blog che fa capo a lui. «I contenuti politici sono falsi e distorsivi della verità», afferma tramite l’ufficio stampa UDC.
Ovviamente il blog è pieno di commenti di gente che pensava davvero di avere a che fare col vero Casini, di conseguenza, come nel caso di Mastella…è pieno di insulti. Credo che a nessuno di questi politici convenga rapportarsi con i cittadini della Rete, ben diversi dal pubblico televisivo.

Purtroppo, ora che i media tradizionali parlano ogni santo giorno di Grillo, dei blog e dei blogger generalizzando in maniera vergognosa con concetti più che stereotipati, ora che continuano a venire fuori vicende in cui vengono chiusi blog ironico/satirici e i blogger vengono dipinti come mostri capaci solo di insultare i bravi e buoni politici, la mia paura è quella che la stragrande maggioranza delle persone – specialmente coloro che, per anzianità, pigrizia o disinteresse a stare al passo coi tempi, non hanno la minima idea di cosa possa essere un blog, hanno ignorato fino a ieri l’esistenza di Internet pensando ancora che in Rete vi siano soltanto dei mostri truffatori che ti rubano i soldi dal conto corrente e dalla carta di credito come per magia – si faccia un’idea lievemente sbagliata del web, dei blog e delle potenzialità che ci offre oggi Internet stessa.

Preferendo magari all’acquisto di un pc il digitale terrestre e i consigli tecnologici di studio aperto.

Share:
Technorati icon


Io c’ero e ci sarò

settembre 10, 2007

Io sabato c’ero a Milano, in Piazza Cairoli. E con me amici e tante altre persone in coda. Certo, quando hanno visto dal mio documento d’identità che ero di Arcore hanno pensato che io fossi una spia, non potevano crederci.

In tv non si è visto praticamente niente, come volevasi dimostrare. Sono riusciti ad ignorare tutto anche questa volta, ma non importa; nessun tg ne ha parlato e come spiega Stefano Quintarelli: “Mi ha dato l’impressione del “non possiamo non parlarne, allora minimizziamo” […]. Non una parola sui contenuti della proposta di legge di iniziativa popolare. Temo che sara’ improbabile che venga calendarizzata. Non immagino come si possa superare a breve questo distacco tra la societa’ e una sfera politica che mi pare piu’ votata alla autoconservazione ed al confronto al suo interno che al sostegno dello sviluppo e, in particolare, dell’innovazione”. Quando ne hanno parlato infatti hanno cercato di minimizzare, che è la cosa peggiore: l’ignorante popolo ancora schiavo della televisione è quindi tranquillo.
Tra le altre cose, nessun politico ha voluto o ha un Q.I. tale da poter rispondere ai temi lanciati come sassi. Meglio criticare o fare come quel b…di Casini che dal nulla si inventa una polemica per evitare di sentirsi dire in faccia come stanno realmente le cose per una volta. E tutto per un video che purtroppo dipinge la realtà, perché il signor Casini non ha mai provato ad essere assunto a 4 euro lordi l’ora e a venire licenziato dopo qualche settimana. E sono stufo di sentire dei deficenti che siccome non vogliono rispondere, ci moralizzano sull’insulto a Marco Biagi. Che ce lo venga a dire in faccia, a tutti noi assunti a progetto. Ecco i paraculo veri, quelli che difendono i valori italiani.

Qualunquismo? Io voglio una politica nuova e diversa. Se qualunquismo vuol dire partecipare e fare una coda di più di un’ora per una firma allora sì, sono qualunquista. Forse alcuni non vedendo bandiere di un certo colore o bandiere più in generale (non c’erano colori, ma solo voglia di esserci e partecipare) sono rimasti un po’ spiazzati.

Insomma, sempre meglio che stare a casa a rosicare, criticando come da tradizione della sinistra più antiquata che ci sia, senza poi porre un rimedio concreto a quello che si dice (magari in ritardo). Perché chi ragiona così è semplicemente come loro, le cariatidi che ci prendono per il culo ogni santo giorno in parlamento. E come loro vuole che niente cambi, credendo ancora che, votando 4 stronzi a cui dell’Italia e degli italiani non importa niente, possa davvero mutare qualcosa. Qual è la vostra soluzione? Andare a votare Veltroni e gli stessi di 20 anni fa e di oggi versando un laico euro? Ma per piacere. E poi vi lamentate che un comico faccia pagare ai propri spettacoli, suvvia. Persino Rosy Bindi si è accorta che il malcontento è bello forte e sentito in vari strati sociali. E gli altri dove diavolo sono? Io non voglio assistere all’incoronazione di Michela Brambilla come prossimo ministro supremo dell’industria del prossimo regime berlusconiano; davvero, non resisterei. Preferisco nutrire qualche speranza in “derive populiste e qualunquiste”.

La soluzione (ma quante volte l’ho detto?) siamo Noi, e dall’altro ieri un comico (ebbene sì, è questo che da tanto fastidio), a tanti italiani, ha riacceso una piccola speranza: per un giorno ci ha fatto credere di essere cittadini e io comunque sia lo ringrazio. Ringrazio anche le tv che non ne hanno parlato, prova del nove di tutto un sistema marcio da decenni.

Circa 300.000 persone hanno fatto code di ore, in piedi, per una ca…cchio di firma, per non avere in parlamento dei condannati, per ora. Dopo chissà, intanto qualcosa si è mosso. 300.000 persone unite dalla Rete. Senza televisione, non è poco per l’Italia. Ed è stato bello vedere vigili e forze dell’ordine più in generale firmare insieme a me.
“Vaffanculo” quindi a chi, pur partecipando ogni giorno alla continua crescita della Rete sociale, tramite Internet ed un blog per esempio, si è limitato a tacciare di qualunquismo tutto questo. Sapete dire soltanto “qualunquismo”? E sentiamo le vostre idee per cambiare l’Italia! Al diavolo, è la prima volta che migliaia di persone si riuniscono soltanto tramite Internet. Mi sembra che vi state dimenticando tutto questo. E come ho già spiegato, anche Dario Bonacina afferma che questo è un “evento di rilevanza politica, ma anche sociale. La mia impressione è che il V-day abbia raccolto molte adesioni proprio perché – senza l’appoggio dei media tradizionali – si è diffuso tramite Internet in modo trasversale, e questo è sicuramente l’inizio di un modo nuovo di raccogliere il consenso della popolazione su temi di interesse comune (dovrebbe essere il compito di chi ci rappresenta in Parlamento, no?), la partecipazione ha coinvolto persone di tutti i colori politici, che si sono mosse contro un certo tipo di politica.”

Sono loro i qualunquisti veri, che pensano di rivoluzionare il mondo con le stesse persone che non comprendono (o fingono di non comprendere) che esiste, ed è diffuso, un malessere comune provocato proprio dalla politica condotta dalla classe dirigente di oggi.

Share:
Technorati icon


Vaffanculo Italia

agosto 31, 2007

Una squadra “vasta e assortita”, è la denuncia del settimanale, ha potuto comprare appartamenti a Roma a costi di molto inferiori a quelli di mercato. Una squadra bipartisan che va dall’ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga, agli ex presidenti di Camera e Senato Luciano Violante e Nicola Mancino. Dalla famiglia del leader Udc Pier Ferdinando Casini a quelle del ministro della Giustizia Clemente Mastella e del primo cittadino di Roma Walter Veltroni. Coinvolti nell’inchiesta anche altri potenti, come il presidente della Consob Lamberto Cardia e il segretario della Cisl Raffaele Bonanni.

Non è giusto. Presi in giro, calpestati, insultati senza vergogna: parlo di noi italiani. I furbetti che insieme costituiscono un bel quartierino, il parlamento italiano, godono di svariati vantaggi. Tra gli altri anche quello di potersi scegliere a prezzi stracciati una casa, spesso immensa. Io certe cose non le vengo a sapere.
Perché io, laureato, devo metterci mesi o anni per trovare uno straccio di assunzione a progetto in cui se va bene mi pagano 500 euro senza ferie o malattia, lavorando 8-10 ore al giorno?
Perché devo andare avanti a stage in cui mi sfruttano dal mattino alla sera, quando magari ho persino più preparazione di chi mi comanda? Perché devo vivere quotidianamente con il peso di una vita futura che non ha una minima certezza?
Perché per potermi permettere una casa, forse tra 10 anni, dovrò indebitarmi 30 anni? Credete sia facile andare avanti pensando a quello che aspetta alla mia generazione? Non oso immaginare a quelli venuti dopo di me.

Pensate sia giusto che chicchessia possa farvi lavorare sottopagati senza che voi abbiate una minima garanzia? E che debba sentirmi dire in faccia che con un contratto a progetto costo il doppio all’azienda quando invece è una puttanata (se va bene su 800 euro di stipendio a progetto un’azienda paga non più di 50-60 euro)? Come posso sopravvivere con il peso di una non-speranza da qui al mese dopo? Ma che cazzo di paese siamo diventati? E la colpa è nostra, soltanto nostra, che abbiamo permesso che gli stronzi che credono di governarci facessero il bello ed il cattivo tempo, mentre gli italiani erano impegnati a pensare al televisore al plasma a rate, al telefonino, ai jeans da 200 euro e a buona domenica. Col supporto di Lucignolo, lo specchio del livello intellettuale degli interessi delle future generazioni del nostro paese.

Ma che vita è?!?!?!

E perchè diavolo nessuno straccio di persona che si definisce “politico” ha il coraggio di parlare di giovani, precariato e futuro se non in periodo elettorale? Bastardi, non lavorate in un’azienda privata in cui l’unico obiettivo e far carriera per arrivare a prendere 20 mila euro al mese. Ministro Mastella, parlo con lei che ha aperto un blog ed ha annunciato una querela; vi sbagliate, tutti. Non dovete difendervi da chi ancora le inchieste ha il coraggio di farle, dai giudici, da chi insomma cerca minimamente di far rispettare quel poco di decente che è rimasto della nostra Costituzione, che probabilmente in pochi conoscete, e della nostra dignità di italiani-cittadini. Che esempio date? E poi, davvero potete smentire che tutto il cadaverico sistema-Italia emerso in questi mesi sia solo frutto dell’immaginazione di qualche toga rossa? Ma con chi pensate di avere a che fare? Non siamo tutti dei soldatini teledipendenti e forse, se qualche neurone sopravviverà allo sterminio televisivo, arriveremo ad un punto di rottura, che volendo non è poi così lontano.

Siamo in milioni, giovani o adulti, incazzati, frustrati, con le tasche piene, esasperati. State attenti, politici, gli anni di piombo li abbiamo già vissuti e potreste venire travolti questa volta, perché siete vecchi, superati e nemmeno in ritardo capite i subbugli della rete sociale. Ma siccome siamo moderni e pacifici state tranquilli, sarete al sicuro nel vostro attico. Le rivoluzioni non sono di questo secolo: preferiamo chiamarlo progresso, cambiamento, svecchiamento, flessibilità o riforma. Se vi trovaste in qualsiasi altra nazione sareste spazzati via in un batter d’occhio. Vi va proprio bene che siamo nel paese del bengodi.

“nel ’77, divampò la generalizzazione quotidiana di un conflitto politico e culturale che si ramificò in tutti i luoghi del sociale, esemplificando lo scontro che percorse tutti gli anni Settanta, uno scontro duro, forse il più duro, tra le classi e dentro la classe, che si sia mai verificato dall’unità d’Italia. Quarantamila denunciati, quindicimila arrestati, quattromila condannati a migliaia di anni di galera, e poi morti e feriti, a centinaia, da entrambe le parti”.

Povate a sostituire 1977 con 2007…la sentite così lontano una possibilità simile?

Ministro Mastella, mi rivolgo a lei che ha aperto un blog da poco, cosa ha da dire a noi giovani? Ci prendete per il culo chiamandoci giovani fino a 35 anni e poi vi lamentate che non facciamo figli e non ce ne andiamo di casa. Sa Ministro, a 500 euro al mese non è proprio possibile. E questa cosa ci distrugge ma nonostante siamo coglioni siamo anche molto forti, stringiamo i denti, siamo italiani, sappiamo soffrire e andiamo avanti, lavoriamo di più credendo di guadagnare anche di più. E sbagliamo.

Forse lei è troppo occupato ad accogliere un massone come Silvio Berlusconi alla festa dell’Udeur o a fraternizzare con Casini, imparentato con Caltagirone. O a polemizzare con qualcuno più a sinistra o ancora a benedire tutto ciò che viene detto dal vaticano. Ma i tempi sono un po’ cambiati, non abbiamo più bisogno di democristiani, ex-democristiani o finti socialisti. Che figura pensa di fare signor Ministro davanti agli italiani stando un po’ di qua, un po’ di la e dicendo un giorno una cosa e un altro giorno un’altra? Parlo con lei che forse non leggerà mai questo post – non me ne voglia per questoma potrei chiamare in causa qualsiasi politico italiano di oggi.
E se non votassimo più? Cosa potrebbe accadere? Stia tranquillo, metà italiani voterebbero casa delle libertà, l’altra metà, quella con la coscienza politica e culturale che non vive di pubblicità e supereroi non voterebbe, regalando un paese ad un personaggio per cui molta gente emigrata all’estero ancora si chiede: perché 5 anni di questo tizio? Vede? Siete fortunati, non possiamo nemmeno permetterci di non votare.

Perché tutti noi, cittadini ormai sudditi da tempo, abbiamo il terrore di cambiare le cose e ci facciamo travolgere da tutto questo immobilismo conservatore? Perdonatemi l’esasperazione mascherata da sfogo. E la cosa che più mi fa incazzare in tutto questo è che amo il mio paese immensamente.

Share:
Technorati icon


Sesso, droga e parlamento

luglio 29, 2007

Per dire, in un altro paese dopo una cosa del genere, non solo avrebbero divulgato il nome in tutte le televisioni. Ma il personaggio in questione si sarebbe persino dimesso.
Non mi scandalizzo perché non mi interessa, ma vorrei solo far notare che nella cattolica Italia invece, il simpatico Mr. X viene protetto. Una delle due squillo ha persino dichiarato, candidamente, che il parlamentare non discuteva mai sul prezzo, pagava senza batter ciglio: te credo, sono soldi che gli accreditiamo tutti noi, vorrei vedere! Andare a pu****e coi soldi dei contribuenti è un sogno che ha molta gente.

Che il misterioso Mr.X sia per caso Mastella? Non credo, sicuramente ce lo avrebbe raccontato, bloggando allegramente.

***EDIT : il Mr. X in questione è Cosimo Mele dell’UDC. Ma guarda un po’, un partito di centro bigotto, bacchettone, coi valori morali della famiglia. Questa gente mi fa sempre più ridere.

Certo, pensare che è un deputato dell’Udc che fa del proibizionismo una bandiera e della lotta allo sfruttamento della prostituzione un obiettivo di governo, c’è da mettersi le mani nei capelli

 

Share:
Technorati icon


Toghe rosse

marzo 28, 2007

Foto tratta da investireoggi.it; fonte: repubblica.it

Quasi tutti se lo saranno dimenticati, per carità.

Settimana scorsa però qualcuno ha richiesto l’ennesima condanna dell’uomo noto, quello piduista che non si fa mai processare, ma si fa volentieri prescrivere.

Bene, il 26 marzo ho avuto il coraggio (leggi tra le righe “ho avuto le palle”) di guardare il tg5 e i titoli di altri tg. Ricordo come notiziona d’apertura questa, come mi sembra giusto che sia. Molto più importante di una notizia come la richiesta di condanna per 5 anni per corruzione in atti giudiziari.

Dopo altre varie notizie, tra cui un servizio del tg2 su D’Alema (che credo rimarrà sempre nel centro destra…sì, sono ironico) che si è trasformato in un servizio in cui Berlusconi ha parlato per circa un minuto da un convegno del suo partito dicendo quello che voleva, ho ancora in mente la faccia della Parodi (da Verissimo al tg5, Rossella rulez!) mentre con voce rassicurante lancia, verso la fine tg, il servizio sulla richiesta di condanna da parte del procuratore: il significato era qualcosa come “non preoccupatevi, è un attacco politico”. Parte il servizio e come al solito quali illustri testimonianze e commenti riceviamo? Nell’ordine: Berlusconi che afferma di essere vittima politica; Bondi, famoso parassita delle piante grasse che più o meno da la colpa a Prodi (boh!); l’avvocato di Berlusconi che rimanda all’ennesimo attacco da parte delle toghe rosse, così rosse da fare “AUG grande capo” e per ultimo il sigillo finale di Casini che afferma simpaticamente come anche gli italiani si saranno accorti che contro Berlusconi è di continuo in atto una campagna di antipatia.

Si sa, le immagini sono più forti delle parole; ma ancora una volta, come sempre, nessuna tv ha osato mostrare un giudice che spieghi perché Berlusconi è accusato, cosa avrebbe fatto, quando, in che modo. Meglio affidarsi all’infallibile tecnica delle toghe rosse (detta “dell’abbaglio”, per usare un termine di Travaglio – o meglio, alza il polverone e svia il tutto che è meglio).

Il cav. sarà anche innocente (si faccia processare allora per una volta!), ma a me dopotutto per la vicenda SME…non mi hanno ancora accusato.


La storia, teoricamente, siamo Noi

febbraio 22, 2007

“La migliore fotografia del Paese dei perpetui è quella di un governo che, esattamente come se 60 anni non fossero mai passati, cade per volere di Giulio Andreotti.” Ivan Scalfarotto

Il governo Prodi si e’ dimesso. Com’e’ che non ho le lacrime agli occhi? Forse perché le tengo per domani quando mi prospetteranno le possibili alternative.” Massimo Mantellini

Conversazione domestica
– Pensa se torna Berlusconi.
No. ”

Luca Sofri

E io dico: pensa se invece Casini si mettesse con Mastella mentre Rutelli regge il moccolo. La DC due, ancora scudo e croce.  Per l’amor del cielo no…che governo sarebbe senza De Gregorio?

Miseria, morte e terore incombono. Non oso immaginare a che livelli potrebbe giungere l’indottrinamento democristiano moderno sulla tv di stato, coadiuvato da qualche bel presidente RAI DC.