A lezione di francese

novembre 23, 2007

Da più di una settimana in Francia moltissimi lavoratori scioperano, si astengono dal lavoro e creano giustamente disagi. Addetti ai trasporti pubblici che portano a ripercussioni soprattutto sui lavoratori pendolari, statali, studenti ed altre categorie che si fermeranno nei prossimi giorni scendono in piazza ma non solo una mattinata o un giorno. Questa volta infatti l’hanno fatto per 9 giorni.
Bene, si lotta compatti per ottenere lo scopo o non ottenerlo, ma intanto ci provano e si fanno sentire, eccome. Protestano contro molte riforme che sta proponendo Sarkozy tra cui soprattutto quella sui regimi speciali di pensione, tanto che oggi la Sorbona di Parigi è stata chiusa.
Non c’è niente da fare, i francesi hanno bene in mente il concetto di democrazia e di lotta per mantenerla: non a caso molte rivolte sociali sono partite da loro. Ricordate la protesta per il contratto di primo impiego? Sì, il contratto che era migliore della nostra legge Maroni del contratto a progetto e che nella versione francese è stato immediatamente cancellato. Qui da noi no, si fanno manifestazioni goliardiche con le magliette, giusto per dare da mangiare a quelli di studio aperto, di sabato con la scusa di una parola, senza considerare più di tanto cosa c’è dietro a quel “bamboccioni”, coinvolgendo poi parti politiche che hanno contribuito a creare e firmare nei 5 anni precedenti la legge vergogna che ha ridotto sul lastrico intere generazioni. Tanto per fare un po’ di caciara.

Dall’altra parte delle Alpi abbiamo invece i francesi, che sono furbi ed hanno delle specie di “casse comuni” alimentate ogni mese con piccole quote dai lavoratori stessi, a cui attingono nei periodi di sciopero. In questo modo sì che lo sciopero è un’arma vera e propria, altrimenti si riduce il diritto allo sciopero e alla piazza ad una baggianata a cui si ricorre soltanto quando ce lo suggerisce la tv, magari per andare a votare in alcuni gazebo. Noi infatti non possiamo permetterci di avere sindacati che ci difendono, istituzioni giuste, lavoratori coalizzati. Questo semplicemente perché il sistema è rotto e lo sappiamo bene o male tutti ma evidentemente ci va bene così.

Share:
Technorati icon

Annunci

Abolitela

settembre 30, 2007

Per una volta la chiamerò con il suo nome: Legge Maroni. Giusto per evitare scontati teatrini sul nome di Marco Biagi.
Repubblica ha lanciato vari sondaggi sulle primarie del Partito Democratico e tra questi, settimana scorsa è comparso quello sul lavoro, nota dolente per la sinistra moderna. Infatti, alla domanda «cosa differenzia, oggi, il lavoro flessibile e precario, secondo Lei? Cosa pensa debba fare il PD per evitare che (soprattutto per i giovani) il primo scivoli nel secondo? A questo proposito, qual è il suo giudizio sulla legge 30?», hanno risposto i 6 noti candidati (Veltroni, Bindi, Letta, Adinolfi, Gavronski e Schettini).
Tutti hanno detto in breve la loro sulla “famigerata legge 30”, affermando cose più o meno sensate, ci mancherebbe. La Bindi parla di correzioni, ammortizzatori sociali, reinserimento e termine massimo entro il quale stabilizzare il contratto (domanda da profano: ma se ti lascio a casa una settimana prima della scadenza?!); Letta punta sul riscatto della laurea a costi bassi, sulla totalizzazione dei contributi, sui contributi figurativi; Veltroni ne parla più in generale, mediando come in un discorso elettorale. Dice che «la legge Biagi non ha creato la precarietà, né ha impedito la crescita dell’occupazione a tempo indeterminato», che può essere rivista […]» e che bisogna «dare tutele a chi oggi non ne ha». Che scoperta; ma non sono d’accordo nel dire che la Legge 30 non abbia dilatato il fenomeno della precarietà. È come dire che l’indulto non ha rimesso in libertà dei delinquenti.
Adinolfi invece per una volta mi stupisce e mi vede abbastanza d’accordo, forse perché – parole sue – la precarietà l’ha vissuta sulle spalle: «sono disponibile a entrare in un’azienda da precario, ma con il passare del tempo devo vedere i diritti, fino alla stabilizzazione in un arco di tempo certo. Altra modifica decisiva: i precari rischiano molto e allora quel rischio deve essere monetizzato. Devono guadagnare di più. L’azienda che se ne serve può mandarli via a fine contratto, ma mentre lavorano deve remunerarli maggiormente». Infine, Gavronski e Schettini fanno accenno ai correttivi e alla effettiva chiusura unita al nepotismo del mercato del lavoro.

Pensieri, parole, modifiche e correzioni; chi più ne ha, più ne metta. La legge 30 era ed è un punto fisso del programma dell’attuale governo e a parte tante chiacchiere, non si è ancora arrivati a niente. Perché, mi chiedo io?
Una cosa ho purtroppo riscontrato in tutte le dichiarazioni dei candidati alla guida del PD: nessuno ha mai parlato di abolire la legge Maroni. Le promesse elettorali di abolizione sono quasi scomparse. E giunti a questo punto, arrivare ad abolire la legge vergogna è praticamente impossibile. È sempre troppo tardi.

Share:
Technorati icon