Giovani idee precarie

gennaio 4, 2007

..le ipotesi sono due: o sono disperati e non sanno più cosa inventarsi per sistemare alcune cosucce oppure provano a dare una sorta di “contentino speranzoso” ai giovani, che ancora una volta…arrivano fino a 35 anni. Giovani…

Il titolo del concorso è “Giovani idee cambiano l’Italia“, ed è coordinato dalla Presidenza del Consiglio dei ministri (dal Dipartimento per le Politiche giovanili e le attività sportive). Premessa: come già annunciato, non mi va giu che facciano passare il concetto che a 35 anni si è ancora “giovani”, inteso come precari nella vita, nel lavoro, ecc… Insomma, ci vogliono far capire che è giusto a 30-35 anni essere ancora in casa in cerca di uno straccio di lavoro, senza possibilità di acquistare una casa, ecc… Negli altri paesi europei non è così e lo sappiamo bene: l’Università dura meno e i “mammoni” hanno vita breve.

Detto questo, se vi interessa, leggetevi il bando: vi sono aree tematiche specifiche ed ai vincitori, verranno assegnati contributi fino a un massimo di 35 mila euro… Le aree di interesse sembrano alquanto interessanti, quindi perché no, se non sapete cosa fare e avete qualche idea brillante potreste provarci. Oltre al “premio”, il finanziamento al progetto vincitore insomma, qualche vantaggio. Per esempio “(comma 318, “Detrazioni per i giovani creativi”) la disposizione che prevede, a beneficio di chi ha fino a 35 anni, “che per i redditi derivanti dall’utilizzazione economica di opere dell’ingegno, di brevetti industriali e di processi, formule o informazioni relativi a esperienze acquisite in campo industriale, commerciale o scientifico, la riduzione a titolo di deduzione forfettaria delle spese passi dal 25% al 40%”.”

“Una sola idea per un progetto è più che sufficiente” (Castiglioni).

Un po’ di fiducia…non guasta mai. Giovani, precari…ma non tutti scemi.

Annunci