Italia, il nuovo paese dell’Est: [Ep.2] Non ci resta che piangere

marzo 24, 2007

Da piazzaaldrovandi19.org. La fonte si trova nel link dell'immagine stessa

Ora, non vorrei indurvi al suicidio di massa.

Non vorrei rovinarmi il weekend, tra una corrida, un buona domenica e l’altro.

Ma dopo aver letto questo articolo mi viene in mente che:

  • se il futuro dell’Italia dipende dai giovani non c’è da stare tranquilli (come ci rimproverava acidamente la prof.di lettere al Liceo per ricordare che tra qualche tempo saremo “Noi” la classe “dirigente”)
  • la popolazione invecchierà, ci saranno più vecchi che giovani e saremo sempre più ultimi nelle classifiche UE
  • il livello di scolarizzazione è uno dei più bassi nei paesi “sviluppati”
  • la disoccupazione e la precarietà italiane devastano quelle poche certezze e quelle poche conquiste ottenute con tanti sforzi (anche vite umane) dai nostri genitori (qui si manifesta se ce lo dice la tv o se una società di calcio viene mandata in serie B)
  • le competenze informatiche sono ridicole: la maggior parte dei giovani se ne fotte, è priva di interessi “concreti” che possano aiutarli anche domani e appena 55 giovani su 100 utilizzano Internet almeno una volta alla settimana (peggio di Lituania e Lettoniamanco a calcio tra poco li batteremo, c’è poco da stare allegri)

Mi sorge quindi molto spontanea una domanda, che rinnovo: ma i nostri cosiddetti politici, di che diavolo discutono in Parlamento????? Del loro presente? Evidentemente è così. L’importante è che continui ad andarci bene; ci lamentiamo e stop, non abbiamo il coraggio di fare…qualcosa. Ci si lamenta, ma quando in tv vediamo orde di asini applaudire il politico di turno ci autoconvinciamo che dopo tutto è una moda italiana lagnarsi.

E che tutto sommato va tutto bene: la nazionale l’anno scorso ha vinto i Mondiali!

Stiamo rapidamente trasformandoci in un paese allo sbando, allo sfascio e senza futuro, un posto da cui scappare e in cui chi ci governa e dovrebbe dare speranza preferisce occuparsi di un cazzo di fotografo, di destra e sinistra, di frasi elettorali…

Mi piacerebbe sapere una cosa: …ma voi che cosa ne pensate? Per lo meno ogni tanto riflettete riguardo al mondo in cui vivranno i vostri figli o…in cui vivrete voi stessi?

Annunci

Dare i numeri

marzo 21, 2007

Leggo la notizia riportata sia da corriere.it che da repubblica.it secondo la quale la disoccupazione sarebbe ai minimi storici dal ’93. Ma“quali minimi storici”?

la fonte è presente nel link stesso

Il mio consiglio è quello di frenare gli entusiami: il merito sarebbe degli stranieri e soprattutto del gran numero di assunzioni a tempo determinato.

Tradotto in parole spicce, è merito di questo fottutissimo contratto a progetto se molti politici di turno possono riempirsi la bocca con “…posti di lavoro…”; io stesso vengo assunto e riassunto una settimana sì e due no. Con questo contratto possiamo contare e ricontare le assunzioni quante volte vogliamo. Chiunque può essere assunto (e fare numero). Anche solo per 5 giorni. Tenterò di recuperare un mio contratto che durava qualche giorno (se lo trovo) per dimostrarvi che essere assunti per fare un qualsiasi lavoro va bene; soprattutto se stranieri o extracomunitari (che non è una brutta parola, ma vuol dire semplicemente “non facente parte della comunità europea”), quindi sottopagati.

Quindi lavoratori a progetto.

Per cui possono dirvi e darvi le cifre che vogliono, ma certe cazzate andrebbero spiegate. Siamo alle solite.