“Scuole” di pensiero

marzo 31, 2007

(ANSA) “MILANO, 29 MAR – Renato Farina, l’ex vicedirettore del quotidiano ‘Libero’ diretto da Vittorio Feltri, e’ stato radiato oggi dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti per essersi ‘arruolato’ nel Sismi con il nome di ‘Betulla’.”

Per una volta l’ordine dei giornalisti ha fatto qualcosa di sensato; il moderato Farina finalmente radiato…ultimamente lavorava per il moderato, neutrale-non scheriato ed equlibrato Feltri. Questo era il tipico giornalista italiano, quello che sta dietro il potente, quello della destra che per amministrare il proprio volere deve controllare, censurare e riunire tutto nelle mani di uno solo, giusto per rispecchiare il pluralismo (ebbene sì, oggi ce l’ho con la “destra” italiana).

Ma l’unico commento degno di nota resta quello dell’autorevolissima deputata di FI (mioddio ma con quale coraggio in Italia gente come lei può essere in un partito, guarda a caso FI? Le hanno messe tutti li a fare bella presenza..!), Gabriella Carlucci.
(APCom) – Forza Italia deve fondare una propria scuola di giornalismo e nominare Farina rettore perché è un giornalista vero e un modello per i giovani“. “L’incomprensibile decisione di un Ordine – sostiene Carlucci – non può cancellare decenni di vita professionale al servizio dei lettori e della libertà (questo è Farina, ripeto). Farina si era già dimesso ed ora arriva questa radiazione che, oltre ad avere gravi vizi di forma (QUALI, SPECIFICA!), sembra provenire da periodi storici che pensavamo passati (E DAJE CON STO ROSSO!)“.

Innanzitutto, perché una così ha voce in capitolo? Siamo ai livelli della Gardini. Non si rende nemmeno conto di quello che dice. Sarà l’abitudine ad un giornalismo controllato probabilmente. Una deputata che non arriva a comprendere che il giornalismo dovrebbe essere indipendente da ogni tipo di influenza politica. Invece no, per lei addirittura un partito dovrebbe fondare una scuola di giornalismo con Farina capo supremo…!!!!

“Un modello per i giovani”: so io quali giovani…ma qui torniamo a parlare di un altro post…

Ragazzi, facciamo davvero ridere i polli è incredibile. Concludo con le domande che rivolge suzukimaruti sul suo blog: ma davvero credete che questa porcheria di cui sentite parlare si debba chiamare destra?

E io che stimavo un po’ di più i destrorsi.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.