Alegher, alegher, ch’el bùs de’l cùl l’è negher

ottobre 3, 2008

“Ma gli elettori leghisti, quelli che Roma ladrona e bla bla, non dicono manco una parola sui 640 milioni di euro che il loro governo ha appena stanziato per tappare i buchi di Roma e Catania? No, dico, non si sentono un pochino fessi?”

No, non si sentiranno mai fessi. Non con questa destra; gli elettori della lega non si faranno mai queste domande, anzi.
Questi episodi ottengono l’effetto opposto da queste parti, credetemi.

I famosi e stereotipati – ma non troppo, perché purtroppo nella maggior parte dei casi è vero – vecchietti lumbart o giù di lì, a sentirli di questi tempi, hanno il dente più che avvelenato nei confronti dello straniero.

Per caso stamattina sono capitato su telelombardia, scanalando durante la colazione; ero curioso di ascoltare: arrivano chiamate in studio di lombardi che vogliono dire la loro su tutto e tutti. Su 10 chiamate, 6 sono donne anziane, 3 sono uomini anziani e uno non si rende conto di essere in diretta.

Di questi 9, a occhio e croce, l’80% esordisce con un “l’è ura de finila, ostia, con sti estracomunitari chi” (trad., “è ora di finirla con questi extracomunitari”), “che ci portan via il lavoro e…poi li difendono sempre, a casa nostra! Noi non abbiamo soldi, a loro invece danno la casa e tutto il resto!”; ma no, io non sono razzista, che ho figli, nipoti, faccio beneficenza, ecc…e per me non c’è colore di pelle che tenga, che non si dica eh.”

Il restante 20% infarcisce il concetto con frasi su romani o meridionali, dicendo che “sti comunisti hanno rotto le palle”. Vox populi si direbbe; un popolo che pensa davvero di avercelo duro. Ma in realtà ha paura, una paura fottuta di svegliarsi e rendersi conto che tutto quello in cui credono – la superiorità assoluta della razza padana, per dire – si regge su un castello di credenze fasulle. Che spesso finiscono con bancarotte, falsificazioni di bilanci, tangenti, divorzi, scandali a sfondo sessuale e così via.

Poi vabbé, i padani si sono dimenticati anche della questione Malpensa, figuriamoci se badano a certi finanziamenti figli del precedente governo Berlusconi, che promise all’amministrazione di Catania prestiti per costruire infrastrutture, poi mai pagati.

Per questo la Lega continuerà a guadagnare voti. E in coppia con Berlusconi a farne le spese sarà tutta Italia; mentre scrivo queste parole infatti, il Governo ha approvato il federalismo fiscale. E anche la colpa di tutto questo sarà di qualche “negro”.

Annunci

Dialoghi sui massimi sistemi

luglio 20, 2008

Poi Bossi sale sul palco e arringa i delegati. Il primo affondo, accompagnato da un inequivocabile dito medio alzato, è contro l’inno di Mameli: “”Non dobbiamo più essere schiavi di Roma. L’Inno dice che ‘l’Italia è schiava di Roma…’, toh! dico io”. Secondo affondo contro lo Stato “fascista”: “E’ arrivato il momento, fratelli, di farla finita”.

Al congresso della Liga Veneta-Lega Nord Bossi arringa la folla con alcuni cavalli di battaglia: Inno di Mameli, Roma ladrona, eccetera eccetera. Romani, dove siete?

“Capitolo scuola. Per Bossi è ora di dire basta “al far martoriare i nostri figli da gente che non viene dal Nord. Un nostro ragazzo è stato ‘bastonato’ agli esami perché aveva portato una tesina su Carlo Cattaneo”.

Stranamente poi non giunge nessuna menzione per il miracolo napoletano: è da un paio di giorni infatti che le tv si affannano a spiegare che Berlusconi ha salvato Napoli, riportandola alla civiltà. Poi invece vai a vedere come stanno le cose, fortuna che c’è Internet, e scopri che la realtà è ben altra: napoletani, dove siete?

“Quindi Bossi chiama al suo fianco la parlamentare leghista Paola Goisis, della commissione Cultura della Camera, che rilancia: “Gli studenti italiani sanno tutti i sette re di Roma ma non sanno neppure un nome di un doge della Repubblica Serenissima”.

Se per questo conosco gente che non sa nemmeno le tabelline, tipo che se gli chiedi 7×9 risponde con qualche difficoltà. Certe cose spiegano anche il perché alcune persone possano governarci: rispecchiano il livello del paese dopotutto.
Italiani, dove siamo?


L’inciucio

giugno 4, 2007

//www.societacivile.it/focus/articoli_focus/massoni/p2.html da societacivile.it

Qualcuno ce lo aveva già spiegato. Qualcun altro ancora non conosce bene il significato di inciucio (nella politica italiana). Altri ancora non hanno mai sentito parlare di P2, degli illustri iscritti che ancora sono in politica (come Berlusconi) o del piano di rinascita democratica che da 30 anni ormai procede pressoché indisturbato.

Poteri occulti che influiscono, influenzano e in realtà comandano e spostano gli equilibri delle vite di questa accozzaglia di persone diversissime che compone l’Italia.

A scuola quando si studia storia, difficilmente si arriva a quella dei giorni nostri, se non in modo frettoloso e quindi approssimativo. Prendete l’Italia berlusconiana, «la peggiore delle Italie che ho mai visto, per volgarità e bassezza. Il berlusconismo è la feccia che risale il pozzo. Gli italiani dovranno vedere chi è questo signore. Berlusconi è una malattia che si cura soltanto con il vaccino, con una bella iniezione di Berlusconi a Palazzo Chigi, al Quirinale, al Vaticano, dove vuole. Soltanto dopo saremo immuni.» (frase di Indro Montanelli del 26 marzo 2001 – pensiero di uno di destra, ma quella vera). Per completarvi il quadro basta anche ricordare alcune delle tante cosiddette modifiche costituzionali, quelle dimenticate, che fatte in un colpo solo sarebbero state equiparabili ad un golpe, ma che fatte in 5 anni vengono spacciate come riforme: la legge 30, il conflitto d’interessi, il falso in bilancio, il federalismo, la Gasparri, la Fini, la Bossi-Fini, la Cirami, la Cirielli, lo Scudo fiscale…le finanziarie di Tremonti, i vari tentativi di mettersi sopra, davanti a chi giudica, e confrontateli leggendo il piano di rinascita democratica della P2. Silenzio.

Prendiamo invece l’Italia di adesso, quella dell’a-carismatico Prodi (in teoria), riassumibile in due righe delineate da Luca De Biase:

An article […] shows how a secret private service has built such an amount of information to be able to influence – and even control – the very highest of Italian political power. With no distinction between Left and Right. The only difference between now and the previous government’s period is in the opportunity for Italians to read about all of it

Un Italia in cui non c’è distinzione tra sinistra e destra. La sola differenza tra questo e il precedente governo è data dall’opportunità che ora gli italiani hanno di poter leggere e sapere tutto riguardo a quello che realmente accade.

Per questo ora gli italiani medi si sono accorti che tutto va male: forse, come abbiamo meritato un Mussolini, ci meritiamo poprio un Berlusconi.

 

Share:
Technorati icon