Alieni tra noi

settembre 2, 2007

Pensavo ad una definizione di “persona strana”: ci sono arrivato.

Un gay che vota repubblicano è una persona davvero strana (e qui c’è una citazione da un telefilm).
Un “onorevole” cristiano-moderato-antigay-profamiglia che dopo una cosa del genere non osa dimettersi ma si fa fotografare tra i suoi compaesani su un settimanale mentre stringe mani e viene perdonato è davvero strano (non qua da noi, ok).
Che una notizia del genere non faccia scandalo in Italia è davvero strano. Forse perché sono tutti concentrati sul papa evasore a Loreto.

«il Policlinico non è così alla frutta da dover accettare sangue anche dai gay»

Ho quindi pensato di chiudere il post con un filmato molto esemplificativo dei Griffin, che mi vengono sempre in soccorso nei momenti difficili, sull’idea che fanno passare in Italia sui gay. Ricordo anche che l’omosessualità esiste in 1500 specie animali, giusto per far capire che non è una malattia o una cosa che si sceglie ma semplicemente un qualcosa “previsto dalla natura” (esistono anche ermafroditi, ecc…).

Share:
Technorati icon

Annunci

Ici, che dici? Boh!

giugno 26, 2007

C’è poco da fare quando “una campagna di disinformazione viene orchestrata“. Ho infatti scovato nell’archivio del sito dell’Avvenire, un comunicato del 3 dicembre 2005 che recitava:

Il 6 ottobre è iniziata in Italia una incredibile campagna di stampa tesa ad accreditare l’ipotesi, del tutto infondata, che la Chiesa cattolica non pagherà più l’Ici per i suoi beni e che ciò, oltre ad essere discriminatorio nei confronti delle altre confessioni religiose, determinerà un grave danno alle finanze dei comuni. Le cose non stanno ovviamente così: le esenzioni sono applicate fin dal 1992 – ovvero quando l’Ici è stata istituita dal governo Amato – e riconosce la funziona pubblica dei beni ecclesiastici e peraltro si applica a tutte le confessioni religiose che abbiano concluso l’intesa con lo Stato. Il decreto dell’attuale governo è “interpretativo”, in quanto la Cassazione l’anno scorso aveva negato la legittimità di alcune esenzioni. Proponiamo dagli articoli di Avvenire lo sviluppo di questa orchestrata campagna di disinformazione.

Insomma, te lo dicono in faccia che pur non pagando l’Ici non sono dei privilegiati. Per di più, sulla destra sono presenti moltissimi link di approfondimento alla questione, tra cui una tabella che indica gli immobili esentati da Ici. Prodi spiegava che la allora conferma dell’esenzione dell’Ici era un’estenuante ricerca di voti da parte del governo Berlusconi, mentre un senatore della Margherita invece si impegnava a raccontarci che alla chiesa non veniva fatto mai nessun regalo.

Fino ad oggi, quando il regalo ce l’ha fatto l’Unione Europea. E ora preghiamo insieme affinché anche la chiesa tiri fuori davvero qualche euro. Al massimo un Bagnasco qualunque darà del terrorista a tutta Europa.

Share:
Technorati icon


“Date al papa ciò che è del papa”

giugno 25, 2007

da www.anarca-bolo.ch

Se è la UE a rendere noto all’Italia che l’epoca dei privilegi a tutti i costi dovrebbe finire, per il bene dello Stato e dei cittadini, è evidente ci sono tante cose che non vanno.

C’E’ CHI in Italia è abituato a ottenere privilegi da qualsiasi governo e autorizzato a non pagare il fisco, ma sul quale nessuno osa moraleggiare. Pena l’accusa di anticlericalismo.

Sto ovviamente parlando di una di quelle cose che difficilmente sentirete al telegiornale.

Varato nel ’92, bocciato da una sentenza della Consulta nel 2004, resuscitato da un miracolo di Berlusconi con decreto del 2005, quindi decaduto e ancora recuperato dalla Finanziaria 2006 come omaggio elettorale, il regalo dell’Ici alla Chiesa è stato in teoria abolito dai decreti Bersani dell’anno scorso.

In realtà, tutto ciò che è chiesa (addirittura anche tutte quelle Onlus che sono sorte come i funghi e che spesso si rivelano delle truffe da record) continua a non pagare l’Ici, accrescendo a dismisura le ricchezze clericali (e di conseguenza gli immobili). Per lo Stato la perdita annuale sarebbe di circa 400 milioni di euro, senza contare tutti gli anni arretrati.

da claudiocaprara.it

Come un condono perenne, questa è una delle tante offese ai cittadini. Le tasse aumentano perché gran parte dei lavoratori autonomi ne paga pochissime (evasione) e perché lo Stato ha un enorme debito e pochi soldi; chi ci rimette siamo Noi pezzenti, con buona pace di chi la domenica va in chiesa felice.
Sì, perché se tutti quanti pagassero le tasse in modo coretto ed equo, chiesa compresa, la pressione fiscale scenderebbe probabilmente sotto il 40%; ma come sappiamo è evidente che, a parte i noti privilegi, la mentalità comune italiana è quella dell'”aspetta che ti frego io che sono intelligente” (e pago meno tasse). Poi però ci lamentiamo della sanità, dei trasporti, della scuola…e delle mezze stagioni.

Questa volta però, con qualche anno di ritardo, la furbata made in Italy non è piaciuta a Bruxelles: il ministro dell’economia italiano invece ha subito rassicurato che andava tutto bene; per l’Italia infatti cose del genere sono ordinaria routine.

L’Italia dei monopoli, dei privilegi e delle caste è già buona ultima in Europa per l’applicazione delle norme sulla concorrenza e naviga in un gruppo di nazioni africane per quanto riguarda la trasparenza fiscale. Quale che sia la decisione dell’Ue, i governi italiani, di destra e di sinistra, troveranno sempre modi di garantire un paradiso fiscale assai poco mistico alla Chiesa cattolica all’interno dei nostri confini. Magari tagliando ancora sulla ricerca e sulla scuola pubblica.

La cosa triste, come si legge in conclusione dell’articolo, è che nel 2007 in l’Italia, senza le pressioni di Bruxelles e la lotta di una minoranza laicista indigena, l’opinione pubblica (per lo meno qui su Internet) non avrebbe neppure saputo che gli enti religiosi continuano a non pagare l’Ici almeno al 90%.
E’ qui che si fa la figuraccia; come un padre stufo di un figlio che nonostante i continui rimproveri va avanti imperterrito per la strada sbagliata (o di comodo), così lo schifoso ceto politico italiano (in questo caso di sinistra soprattutto) non ha ancora avuto il coraggio di difendere le proprie scelte, laiche ma soprattutto di sinistra.

Quindi chi vuole dia al papa e al clero ciò che è e interessa la chiesa: il denaro e il consenso. Però glielo dia volontariamente, senza obblighi, 8×1000 o privilegi politici.
Ora infine ditemi, in Italia, chi sono i veri comunisti.

Share:
Technorati icon