Io non sono un bamboccione

ottobre 5, 2007

//vistidalontano.blogosfere.it

Ho 24 anni.
Sono laureato. E non è che sono deficiente soltanto perché ho scelto di fare un test per 250 posti (su 2000 presenti) valido per una facoltà solo perché volevo buttare 3 anni, come luogo comune insegna su scienze della comunicazione. Perché ci sono università e università, facoltà e facoltà.
Durante il triennio universitario lavoravo la sera e non solo; qualsiasi cosa potessi fare l’ho fatta, a qualsiasi ora.
Ho appena cominciato la laurea magistrale, la cosa si fa ancora più seria. Qui i posti disponibili erano 110. Passato anche questo, forse davvero non sono così pirla. E lavoro anche ora, perché non sono mai stato un mammone e non voglio pesare sulle spalle di nessuno.
La macchina usata, sudata, del ’99 che ne ha sempre una (ora devo pure rifare la frizione porc…!), il biglietto del treno, il biglietto per la metropolitana, il pasto fuori casa, la benzina, uscire, spendere poco e praticamente solo il weekend, gli imprevisti, ecc… Con nemmeno 500 euro al mese. Ma scusate, dove cazzo volete che vada ad abitare? L’idea di una tenda al parco di Monza mi è già venuta, ma devo escogitare un modo per non morire assiderato tra dicembre e gennaio. Per il resto il campeggio mi piace.
Da queste party (la ipsilon è voluta, sì), un affitto a meno di 500 euro (e sono pochi, credetemi) non lo trovi; ah, se lo trovi sei stato truffato. E poi le spese condominiali, le bollette, il cibo, l’assicurazione e…l’imprevisto. Ma il bamboccione mammone giuggiolone sono io, cazzo. Va bene, parliamo dei mammoni come problema sociale, ma prima verifichiamo che cazzo stiamo dicendo, caro il mio povero TPS. Che l’attuale Governo non sapesse comunicare né tantomeno esprimersi l’avevamo capito, ma delle uscite infelici ne abbiamo abbastanza piene le palle; esigo rispetto, soprattutto verso chi non è andato in una scuola privata, non frequenta lo Iulm e l’unico problema che ha è come chiedere i soldi al papà per comprarsi la striscia di coca che si farà la sera con gli amici. Sono stufo di vedere uno spento Sircana qualunque dietro Prodi o chi per lui ripetere con la bocca, in silenzio, quello che dovrebbe dire Prodi ai giornalisti, verificando che uno, non dica troppe minchiate e due, che non si addormenti mentre gesticola.

 

//gallery.panorama.it/

Che tutele hanno i precari? Porca vacca, mi piacerebbe moltissimo potermi permettere e fare una mia vita, essere indipendente, scapparmene di casa, per vari motivi…ma fa**ulo, non posso farlo; cosa credete, che mi faccia piacere rimanere ancora alle dipendenze della mamma? E ho ancora 24 anni.
Parliamo, caro TPS, anche del fatto che non si fanno più figli, che quando si fa il primo le donne hanno più di 30 anni e i problemi legati alle malformazioni sono in aumento, così come le primipare attempateusando termine old style e benevolo – per definire quelle che hanno i figli sopra i 40 anni. TPS chiediti perché!!! Brutto vecchio con un piede nella fossa! Sì, ti chiamo come tu chiami me. E qui concordo con Veltroni.

 

Ma andiamo a vedere nel dettaglio quali sono i grandi incentivi a cui si riferisce TPS:

Il governo ha introdotto in Finanziaria la possibilità per i giovani, in un’età compresa tra i 20 e i 30 anni, di usufruire di detrazioni fiscali sugli affitti, sempre che la casa non sia l’abitazione principale dei genitori. La nuova detrazione varia dai 495,8 euro in tre anni se il reddito complessivo supera i 15.493,71 euro ma non i 30.987,41 euro, ai 991,6 euro (sempre in tre anni) se il reddito non supera i 15.493,71 euro.

Ehi, ma è grandioso! In 3 anni avrò la detrazione, nota bene, sull’affitto, di ben 495,8 euro o 991,6 euro se sono ai limiti della povertà (badate che si ragiona sempre in lordo); sei un genio TPS, meno male che ci hai pensato tu! Ho un affitto di 600 euro mensili e tu mi detrai facciamo…l’80% di una mensilità in 3 anni! Ma non ti vergogni? Ti preferivo quando parlavi di tasse.

Poi verficia quest’altra cosa. In tutta Europa, le persone si laureano soltanto una volta, in 4 anni; E BASTA! Se poi vogliono andare avanti a fare dottorati, master, ecc…possono farlo, ma dopo i famigerati 4 anni sono a posto, hanno finito. Insomma, tra i 22 e i 24 anni in media sono già liberi di cercarsi un lavoro e vivere, visto che di vita ne abbiamo soltanto una. Noi italiani no invece, siamo sempre diversi, siamo stati creati per soffrire. Qui si pensava brillantemente che 3+2 facesse sempre 4. Ma ahinoi, non era così: ora se ti va di culo ti laurei in 3 anni giusti, se riesci a trovare un professore che non debba seguire altre 8 mila tesi e se riesci a districarsi nella disorganizzazione universitaria italiana. Altrimenti ti laurei in ritardo. Per fortuna io ho ritardato solo di 3 mesi, avendo finito gli esami ben prima, attendendo l’appello di laurea successivo e non dovendo pagare nessuna tassa in più. Ok, facciamo che in media uno si laurei in 4 anni (è così), dopo di che va a fare la laurea magistrale. Al diavolo, devo laurearmi 2 volte?! Ma per che cosa??? In questo dannato paese fai fatica ad avere un colloquio o ad essere pagato umanamente! Sì, però devi farti un altro percorso di studi, e poi metterci almeno 6-8 mesi (di principio) per la tesi, perché –dicono i professori– «è così e basta». Tutto questo per 10 minuti di spiegazione davanti ad una commissione che manco ti ascolta. Se va bene hai 26 anni e magari non hai mai avuto esperienze concrete di lavoro, se non fare uno stage non pagato di qualche mese dove hai imparato a fare delle bellissime fotocopie e a mandare i fax bene come nessun altro. Fantastico. Come questo pezzo femminista-delirante a tratti, di cui vifornisco solo un breve estratto:

Ora vediamo come andrà. Se le agevolazioni ci saranno poi, funzioneranno, qui da noi, più che per bisogno di autonomia per il richiamo degli ormoni. Per capirlo basta sentire i racconti dei giovani dell’hinterland milanese sul loro San Valentino. Si mettono a migliaia in auto e in coda (spesso coi panini) fuori dai motel intorno alla Tangenziale per fare sesso tranquilli, in una feriale notte degli innamorati, almeno per due ore. Ragazzi, così è tristissimo. Vediamo se ce la farà il ministro, se si potrà finalmente vivere «da grandi», liberi di fare quel che si vuole e pazienza se la casa non è lustra. È molto meglio quello, francamente, di una macchina o di un motel. 

E ci sono tantissimi altri aspetti e/o fattori che non ho considerato. Come ad esempio l’incompetenza e l’arroganza dimostrata ogni santo giorno di questa schifosa e vergognosa classe politica.

Share:
Technorati icon


L’ultima di Fioroni

luglio 27, 2007

Il tandem d’attacco Fioroni-Mussi spara l’ultima.

Se già prima era davvero ridicolo dare un peso alto al voto di maturità, ora sarà ancora peggio. Ai test universitari infatti si presentano moltissimi candidati che arrivano da scuole private con voti gonfiatissimi, quasi dopati. Del resto è noto il giochino del “non vai bene alla scuola pubblica?” Se paga papà vai alla privata e di colpo diventi un genio con media dell’8: altrimenti che vantaggio avrei ad andare in una scuola privata? Problema risolto. E no, perché in questo modo, seppur indirettamente, vengono parificate le scuole superiori private a quelle pubbliche. E non è giusto.
Se c’è un test di ingresso per una facoltà, basta quello per misurare le capacità dei candidati. Se ora il voto pesava tra il 5 e il 15% del punteggio complessivo del test, ora sarà decisivo. Quindi a parità, tra due candidati passerà quello col voto di maturità più alto, che magari ha fatto una scuola più semplice di un liceo o, appunto, arriva da una scuola privata in cui ha bivaccato. Vi pare logico?
Di questa cosa tra gli studenti si è sempre parlato: ricordo il test di ingresso della mia facoltà in cui i candidati erano circa 1700 e i posti disponibili erano 250. Nonostante il mio voto di maturità non fosse eccelso (sono uno di quei cazzoni che al liceo scientifico si limitavano a sbattersi solo per attestarsi sulla linea della sufficienza e poco più, a parte le materie che più mi piacevano – preferivo fare altro, è evidente) e parlando con chi avevo intorno mi ritrovavo studenti con voti nettamente superiori ai miei, il test l’ho passato. E questi altri no. Sarà un caso, ma ogni anno nelle prove di ingresso accade questo. Perché conta la logica, la cultura generale, ecc… Non quanti soldi hai per pagarti un voto. È ovvio che i più bravi, se davvero sono bravi, il test lo passeranno; il mio 70 (supponiamo) magari non equivale ad un 70 di un altra scuola. E così via.

Insomma, si corre il rischio di vedere all’Università soltanto chi ha più soldi da spendere, una elite di fortunati figli di papà, insieme sì, ai super-bravi. E non è giusto, perché la conoscenza e la possibilità di riscattarsi socialmente andando all’Università deve esserci per tutti, anche per chi è più povero e magari non è uscito con 100 dalle superiori e per chi, invece di sniffare cocaina alla privata (tanto i controlli li fanno praticamente solo in quelle pubbliche) preferisce, più sobriamente ed economicamente, fumarsi una canna.

Share:
Technorati icon


Basta compenso fisso, solo “incentivi”

Mag 14, 2007

Da un paio di settimane, nel mio call center, l’azienda ha deciso (da sola, le persone che dovrebbero fare rappresentanza sindacale sono inquadrate e totalmente inutili) che non saremo più pagati 6 euro lordi fissi l’ora, ma solo con incentivi.

Le motivazioni addotte sono state, usando testuali parole: “il legislatore ci impone di metterci al pari con gli altri call center, vi dobbiamo assumere così, è legge”. Stronzate. Il legislatore infatti dovrebbe imporre di assumere i lavoratori inbound, che sono a tutti gli effetti subordinati; stop. In realtà, anche noi outbound saremmo subordinati (abbiamo un superiore, sottostiamo ad un preciso orario, ecc…) ma le cose non vengono mai dette fino in fondo.

Sta di fatto in realtà che l’azienda non ha più soldi (non sono problemi nostri, e non sono fatti nostri se ci lavorano imbecilli che non hanno le capacità per gestire l’azienda stessa ma si preoccupano soltanto se torni con qualche secondo di ritardo oppure corrono per far vedere che lavorano molto per rispondere e portare un cordless che suona al capo menomato), e la cosa viene mascherata in questo modo: ha chiuso infatti anche una sala (del 187 telecom) piena di persone (molte lasciate a casa, altre trasferite), un’altra sala in cui si lavoravano editoriali (abbonamenti vari per esempio) e nella mia sala stessa (dove si lavora per tim) sono presenti molte persone in meno

Parlando del compenso, ogni nostra chiamata sarebbe pagata tra i 19 e gli 80 centesimi (cioé 0,19 e 0,80). Diciamo che le chiamate “nella media” però si attestano tra i 20 e i 45 centesimi. Un vero e proprio sfruttamento, probabilmente illegale, schiavistico e coperto dall’azienda. Mi chiedo a questo punto dove diavolo sono e a cosa servono i sindacati. Calcoli alla mano, due ragazzi già assunti con questo contratto (il mio e quello degli altri scadrà il 31 maggio, fino a quel giorno sono “tranquillo”) guadagnano poco più della metà rispetto a quello che guadagnavano prima. Sempre al lordo. Per farvi capire quanto è la metà vi mostro l’esempio: noi operatori guadagnamo 6 euro lordi l’ora. Moltiplicati per 3 ore di lavoro serale fanno 18 euro lordi. Ok, ora fate la metà e aggiungeteci qualche centesimo. In questo modo tra l’altro l’azienda spinge ancora di più a lavorare “a cottimo” e malissimo, puntando sulla quantità e non sulla qualità. Insomma, chi ci rimetterebbe sarebbe il cliente. Non possiamo sempre e solo essere noi operatori sottopagati ad avere buonsenso…! Non avete idea della mole di chiamate che una persona dovrebbe fare per guadagnare COME prima (almeno il doppio, cosa pressoché impossibile, a meno di dire “pronto…arrivederci”!).

Abbiamo quindi intenzione di muoverci, sentire i sindacati, informandoci tra la rete sociale di nostra conoscenza… Secondo voi cosa dovre/dovremmo fare? Vi sembra una cosa sensata? Qualcuno può darci una mano?

Il signoraggio continua.

P.S.= il nome del call center incriminato è “Televoice”. Stategli il più lontano possibile.


All’appello i “prof” non rispondono

aprile 24, 2007

L’insegnante non c’è? E’ malato? E’ assenteista? Nessuno lo sostituisce. I presidi non hanno soldi, la scuola tanto meno; piuttosto che formare le nuove generazioni o migliorare un servizio utile a far crescere tutti (per coloro che hanno voglia) si sprecano soldi per incentivare cose come il digitale terrestre, oppure si parla di “tesoretto”, così, per giochicchiare un po’ col futuro della gente.

Sarà capitato a molti bambini o ragazzi di vedere assente il proprio insegnante (con gioia e gaudio) per qualche tempo ma non vederlo sostituito. E così i precari rimangono a casa. O, se vengono chiamati, non vengono pagati (si avete capito bene, nella scuola funziona ancora così: dopo 20 anni e passa non è cambiato niente)…e se saranno pagati, raggiungeranno questo status dopo qualche mese o anno se sei fortunato. Intanto vivi di speranze.

E i sindacati? Arricchiscono il repertorio delle barzellette italiane. Se la prendono coi presidi, che non hanno soldi, ma non sanno che molti presidi fanno già i salti mortali per mantenere in uno stato di decenza la scuola che dirigono. Non sono mica i presidi che decidono il budget di cui disporre. Che se la prendano col ministero, col Governo. No, denunciano i presidi. I sindacati italiani sono sempre originali, si distinguono da tutti gli altri, perché nessuno sa bene che cazzo servono a fare.

Quindi viva la Francia, paese da cui storicamente partono tutti i rivolgimenti sociali: avremmo molto da imparare da loro (il contratto di primo impiego è stato un esempio calzante, qui invece la legge biagi esiste ancora, anzi sta benissimo), anche ora dalle loro elezioni: guardate l’età dei candidati, ascoltate i problemi che trattano e verificate l’affluenza record francese.

Capito? Qui i sindacati minacciano i presidi. Dalle altre parti si sciopera ad oltranza, TUTTI. Non si lavora, la gente tira fuori le palle, ma non solo quando non funziona la tessera per vedere la partita su mediaset premium e allora chiami il call center per insultare l’operatore. La si va avanti fino a che non si ottiene un risultato concreto.