Brianza Air

marzo 20, 2008

La notizia di Berlusconi che lancia una cordata di famiglia per l’acquisizione di Alitalia mi fa arrabbiare. Anzi, mi fa incazzare.
Non basta accettare il fatto che dopo Telecom, dopo le autostrade vendute a Benetton, ecc…un’altra compagnia di Stato finanziata con soldi pubblici finirà nelle mani di qualche privato. C’è il rischio che finisca nelle mani della solita famiglia, del solito furbetto; quello che incentivava buttando milioni di euro il digitale terrestre di sua proprietà con gli apparecchi prodotti dal fratello quando era al Governo, quello che spediva a casa gli opuscoli pagati sempre coi nostri soldi, quello alleato con Bossi.

Perché, tirando due righe, la flotta potrebbe essere messa a disposizione dal gentile Silvio alla futura Federazione Padana. Del resto Roma rimane sempre ladrona, come ha ricordato qualche giorno fa Calderoli, e a quanto pare ai romani e co. va tanto bene ritornare ad essere governati anche dai leghisti uniti ai nazionalisti di An.

Annunci

Ma dove sono i napoletani?

ottobre 1, 2007

Da corriere.it

Vedere certe foto non mi fa schifo; mi fa vomitare merda. Quello che è accaduto a Cassano Magnago è l’ennesima testimonianza che l’antipolitica, la non-politica, ha la residenza da un’altra parte.
Basta guardare su un qualsiasi tg che compare sulla tv italiana ed ascoltare le parole dei membri della cdl: loro non fanno politica, non sanno farla, non hanno né capacità né sufficienti basi culturali per capire; non fanno proposte, non fanno critiche mirate proponendo qualcos’altro. Loro sanno solo dire che “la sinistra cadrà”, che “si tornerà alle elezioni”, che “si tornerà a votare”… Ma cribbio, secondo voi, persone che «dal 1994 insistete a votare per un mafioso, per i cascami del pentapartito più disonesto e per i loro alleati che fino al 1993 erano due partiti estremisti tenuti giustamente ai margini della vita democratica» questo è fare politica? Ma che cos’è per voi la politica? Gestire un’azienda e fare soldi? Se volete possiamo giocare ad “Hotel”. Guardate invece un’intervista ad un Veltroni per esempio; ascoltatelo parlare e notate le sottili differenze: nessuno ha bisogno di gridare al razzismo, di combattere contro i terroni, di spaccare tutto e pulirsi il culo con il tricolore che tanto amate, persone di questa destra “moderata” orribile che ha nei suoi valori un partito nazionalista con la fiamma tricolore unito ad un partito come la lega.

Dove sono i napoletani che acclamano Berlusconi come il nuovo duce? È lo stesso che va a Cassano Magnago avvolto nella bandiera della Lega e sorride ascoltando Bossi che incita alla violenza per “liberare i popoli del nord”. Ma come fate ad essere così ciechi ed ignoranti? Va bene che ormai la tv italiana ci aggiorna ed educa ogni giorno su cosa fa Michela Brambilla, su come stanno le sue gambe e i suoi animali; ci manipolano come vogliono. E io che nutrivo ancora piccole speranze negli italiani. In realtà invece la penso come Enrico quando dice che «questo paese è pieno di ignoranti, incompetenti, cialtroni, pigri, stupidi, ecc. e tutto il male espresso da queste persone va neutralizzato in qualche modo, contando che siamo in balia dei media, dei manipolatori, dei potenti, del marketing. La democrazia rappresentativa serve a questo: impedire al tamarro con la Punto taroccata coi neon – o a quelli che comprano le Crocs, o a quelli che hanno il mullet – di decidere per me. Sì, le istituzioni democratiche servono – parafrasando Hobbes – perché ci temiamo l’un l’altro ed è sano che esistano. Eleggere rappresentanti democratici smussa la follia, i facili entusiasmi, la violenza, la manipolabilità e l’incoerenza delle masse».

Sapete chi ha pronunciato, tra le tante, questa frase (il 13 aprile del 1999)?

Le sue televisioni sono contro la Costituzione. Bisogna portargliele via. Ci troviamo in una situazione di incostituzionalità gravissima, da Sudamerica. Un uomo ha ottenuto dallo Stato la concessione delle frequenze tv per condizionare la gente e orientarla al voto. Non accade in nessuna parte del mondo. E’ ora di mettere fine a questa vergogna.

È stato Bossi, proprio così. E ne ha dette molte altre, peggiori, su Berlusconi e Forza Italia; ed ora che è mezzo andato ma è stato finanziato lo osanna. «Se non ci fosse Berlusconi, se non fosse questa destra schifosa fatta da gente orribile, la politica italiana – e soprattutto la sinistra – sarebbe sicuramente migliore e non avremmo estremisti in parlamento. E forse avremmo una destra civile, come nel resto d’Europa».

Se decido di liberarmi definitivamente di qualcuno, so già dove andare. Mi basta fare un chilometro e mezzo e suonare il citofono.

Share:
Technorati icon


Reality federalista

luglio 10, 2007

(ANSA) – PONTIDA, 10 LUG – L’isola dei famosi si trasferisce in Padania. La trasmissione, su indicazione di Calderoli, sarà presentata da un Druido. Secondo le voci dei collaboratori vicini al senatùr, gli opinionisti in studio saranno lo stesso Umberto Bossi e Sabina Negri, mentre l’inviato sul “campo di battaglia” sarà Borghezio. Obiettivo di quest’anno per i partecipanti – tra cui si vocifera la presenza di Marco Balestri – non sarà sopravvivere, ma scovare e cacciare extracomunitari, cioé tutti coloro che risiedono al di sotto della linea gotica o che stando al sole scuriscono. “La giusta ricompensa dopo anni di dure lotte politiche”, ha dichiarato Maroni dopo la quotidiana seduta nel Parlamento.

 

N.B.= tutto quello che ho scritto è ovviamente frutto di pura fantasia, a parte la notizia del Corriere.

Share:
Technorati icon


La Padania si annette Lampedusa

maggio 15, 2007

La nuova provincia della Padania click per ingrandire

L’Italia è davvero un paese strano. Unico, originale, incomprensibile. Insomma, dopo una cosa del genere non ci capisco più niente.

Dove sono finiti i sani e virili uomini del sud? Dove sono gli orgogliosi meridionali che scattano d’ira quando si sentono chiamare “terùn”? E dov’erano quando per 5 anni sono stati governati anche da un partito come la lega nord (ebbene sì, c’è una parola, cioé “nord” che vuol dire che tutto quello che sta sotto quella linea non viene considerato da questo partito, se non come feccia) insieme ad un partito nazionalista come AN? Capisco la questione clandestini e via discorrendo…ma davvero non mi capacito su una cosa, e rivolgo la domanda a chi nel Sud vive: avevate davvero bisogno di votare una leghista candidata a Lampedusa (che secondo me ha un concetto strano di geografia) per risolvere i vostri problemi?

Così fate solo il loro gioco, date ragione a un partito più che razzista e di conseguenza…vi arrendete (e sempre secondo me), dimostrandovi deboli.