Giornalismi possibili?

aprile 27, 2007

La fonte è presente nel link dell'immagine stessa  from http://tech.zamwi.com/2006/09/19/personal-journalism/

I giornali della tradizione guardano al web, offrono possibilità per osservare e tenere d’occhio il citizen journalism, l’influenza dei blog. Addirittura alcuni, sempre non in Italia, intuiscono l’importanza che può avere su un problema come lo spreco della carta leggere le rassegne stampa on line, informandosi in modo rispettoso anche per la natura.

Invece qui ogni tanto qualcuno se ne ricorda, ma solo riportando esempi degli altri, sottointendendo quanto sono avanti: di proporre idee o tentare esperimenti interessanti, culturalmente parlando ed in modo partecipativo, non se ne parla, meglio mantenere il segreto e rimanere belli statici, conservatori e identici a 1 secolo e passa fa. Il livello dell’informazione credo si misuri anche nella capacità di sapersi rinnovare e aprirsi non solo alle nuove tecnologie, ma anche alle nuove vie per produrre informazione e fare contenuti, attivamente. Per questo che i pochi esempi decenti di giornalisti-blogger o articoli aperti ai commenti, ecc…sono relegati al solo ambito, ristretto, della blogosfera italiana.

Annunci

Times 2.0

aprile 9, 2007

Se anche il Times prossimamente darà spazio ai contenuti che vengono dal basso, se anche il Times darà spazio alla blogosfera, se anche il Times comprende l’importanza della socializzazione e della futura diffusione dei contenuti attraverso i blog allora è proprio vero: negli Usa queste cose le capiscono prima. E questa cosa mi fa arrabbiare.

Secondo voi quando Repubblica.it (che comunque comincia ad offrire qualche blog ai propri giornalisti, spesso con risultati un po’ discutibili), Corriere.it, ecc…si accorgeranno che qualcosa sta cambiando?

Quando capiranno che i blog sono uno strumento incredibile per capire i gusti (ma non solo) dei lettori (attivi, che vorranno partecipare sempre di più nei processi informativi) del futuro?

Forse quando aboliranno l’Ordine (negli Usa i giornalisti sono freelance, quindi equiparabili a blogger). Intanto, tenete d’occhio tutti questi esperimenti illuminati.