Piatto Ricca mi ci ficco

luglio 12, 2007

Piero Ricca non molla e riapre uno spazio web qui.
In prima pagina compare un comunicato in cui Ricca spiega l’accaduto, filo per segno, e cosa probabilmente intenderà fare. Credo sia un’occasione in più per capire come blog e blogosfera possano influire in futuro e in che modo, in casi analoghi, i blogger possano essere tutelati.

Sarò lieto di farmi processare un’altra volta per aver espresso opinioni condivise dalle persone che stimo. Com’è mia abitudine rispetterò le procedure e mi assumerò le mie responsabilità, difendendomi nel processo e non dal processo (come qualcuno di nostra conoscenza fa –ndr – aggiungo io).

Mi chiedo soltanto perché tutti i casi di censura, di oscuramenti e di tentativi di zittire addirittura dei blog su Internet vengano dalla stessa parte politica.
Evidentemente gli interessati dimostrano di avere davvero qualcosa da nascondere e proprio non vogliono che certe abitudini del pensare libero si diffondano. Fortuna che in questo modo, non si fa che amplificare l’evento stesso, ottenendo nella maggior parte dei casi l’effetto contrario agli scopi del querelante.

Share:
Technorati icon

Annunci

“Luca a Volonté”

luglio 5, 2007

da molleindustria.org

Hanno hackato il sito di Luca Volonté. No, non è vero, è solo una fantastica provocazione

Cercherò di non ridere perché le modifiche si notano in varie sezioni, rispetto al sito originale, e sono davvero geniali.

La storia ci insegna che. Il sito di Molleindustria ha rischiato di venire oscurato dalla polizia postale a causa di un bellissimo gioco in flash dal contenuco altamente satirico e provocatorio intitolato “Pretofilia”. Quando infatti una cosa è troppo intelligente o colpisce nel segno, subito in Italia i moralizzatori alzano la voce fieri, anche se si tratta di un gioco o finzione, visto che a quanto pare non hanno niente di meglio da fare. Quelli di molleindustria hanno comunque trovato un’alternativa per evitare provvedimenti stupidi.

Precisazioni virtuali. Molleindustria tiene a precisare che “Operazione: Pretofilia è da considerare pura fiction, che il Vaticano non è dotato di elicotteri gialli e che la lettera che introduce il gioco non è veramente opera di Benedetto XVI anche se la firma in calce poteva trarre facilmente in inganno”. Tra l’altro fanno sapere che su un totale di 300.000 giocatori, solo 2 hanno mandato una lettera di critiche, “segno che forse i cattolici sono più tolleranti e perspicaci dei loro rappresentati alla Camera. O forse che preferiscono navigare su altri siti”.

Ultime Notizie. Se avete 5 minuti di tempo, vi consiglio di vistare il sito defacciato perché è davvero uno spasso; basta leggere le ultime notizie in cui si troveranno cose di questo genere:

25/06/2007 – 18:03
CDL: VOLONTE’, ARRIVA VELTRONI BISOGNA GENUFLETTERSI

E’ ormai evidente che ogni riferimento a fatti reali non è più concepito. Ma tutto questo limita fortemente la libertà di pensiero ed espressione. Fortuna che c’è la blogosfera.

Share:
Technorati icon


Censurato, con “La Stampa” sei censuratissimo

aprile 13, 2007

Da GettyImages.com; la fonte si trova nel link del file stesso

Il sito de “la Stampa”, Stampa.it, ha oscurato letteralmente alcuni blog…semplicemente perché in alcuni di questi blog censurati c’erano segnalate alcune irregolarità riguardo ad un concorso Fiat.

Ovviamente il quotidiano torinese, secondo un gusto retrò-fascista, per ricordare con una citazione che anche gli Agnelli sono stati finanziatori torinesi all’epoca del ventennio, non avrebbe mai potuto affermare, anche solo lontanamente o permettere insinuazioni sulla Fiat. E’ consuetudine insomma.

Gli oscuramenti si sono succeduti a catena, in puro stile giornalistico-editoriale italiano, che sempre più spesso trova riscontri maggiori anche nel web. Che provino, che continuino a fare i giornalisti dell’Ordine fino a dove possono.

Ma qui, nella Blogosfera, sui nostri blog, non potranno fermare il passaparola.