Peace and Love

novembre 27, 2007

Gli italiani che fanno la spesa sui viali preferiscono le prostitute dell’Est non solo perché costano meno delle italiane, ma perché con loro soddisfano il «bisogno di affetto e di comprensione». Tipico, siamo dei mammoni anche quando andiamo a pu**ane.

«Gli italiani vogliono sesso, il buon, caro, sano, vecchio sesso. E magari anche un briciolo di affetto, vero o immaginario, che non guasta mai»

Vai da una prostituta e cerchi affetto? Mi sembra un po’ strana come cosa; comprati un cane o un gatto se vuoi affetto. Ti lamenti di una donna che si prostituisce perché non ti da affetto?! Ma sei scemo?

«Con il sesso molti cercano anche affetto e un rapporto con la donna in generale, spesso l’atto vero e proprio passa in secondo piano»

Ah ok, è vero che le donne ci vogliono romantici; voi che pagate delle donne per fare sesso siete così originali, così sentimentali. Però, secondo lo studio fatto da Transcrime (nome quanto mai infelice…) emerge che a questi clienti non interessa la tragedia che spesso si nasconde dietro una prostituta “(per loro infatti «la tratta non esiste» o al massimo coinvolge poche persone e le «vittime» della prostituzione sono proprio i clienti «sfruttati a causa del naturale bisogno di sesso tipico del maschio»)”. Anzi, preferiscono le donne dell’Europa orientale o le cinesi proprio perché provengono da Paesi in cui vi è il «dovuto rispetto» per il maschio e quindi manifestano remissività anche nei confronti dei clienti italiani. Ah ecco, ora i conti cominciano a tornare…altro che affetto, secondo me è più un gioco di ruolo in cui il maschietto di turno pensa di tramutare il desiderio delle sue aspettative su una donna-oggetto che per soldi, è disposta a diventare una proiezione qualsiasi della mente di questi stessi clienti. Che dimostrano un malessere ed un’insofferenza di fondo verso le loro donne italiane, pur accampando scuse alquanto ridicole.
E veniamo quindi al dunque: parlando delle compagne o delle mogli infatti gli intervistati affermano che «ti costringono ad andare in cerca di sesso a pagamento perché quando ti sposano ti promettono che farai sesso tutte le volte che ne avrai voglia (e sennò chi si sposerebbe?), poi usano il sesso come una risorsa, un’arma, uno strumento per ottenere quello che vogliono». È vero che noi uomini abbiamo un naturale e fisiologico bisogno di fare sesso (lo so, è brutto da dire ma è così e le donne non potranno mai capirlo, lo dico ingenuamente e spassionatamente, senza voler dare colpe a nessuno) ma è altrettanto vero che da una ricerca come questa e da tantissimi altri studi, sondaggi, ecc…non fa altro che emergere un elemento: il matrimonio non è mai stato in crisi come ora e lo sarà sempre di più. Non scopro l’acqua calda e non voglio mettermi a parlare d’Amore, non è il caso, ma oltre al matrimonio è sicuramente in crisi anche la coppia normale, quella classica con le sue istituzioni e il precariato e la mancanza ulteriore di minime certezze non farà altro che accentuare tutto questo. Probabilmente è in crisi l’Amore tradizionale stesso e tutti quei princìpi che pensavamo fissi e immutabili e che in teoria contribuiscono alla durata di un rapporto stesso: si è infatti sempre parlato di fedeltà, sincerità e che è impossibile amare più di una persona contemporaneamente per esempio; forse sono tutte cazzate che appartengono ormai ad un’altra era o forse no, sta di fatto che per rimettere in moto tutto quanto e per rimettere in moto tutti quanti a tutti serve tanto Amore. Pensate come sarebbe bello vivere nel perenne stato della prima fase di un innamoramento, con usi, costumi e consumi (anche economici) derivati, diciamolo senza paura. È un’ovvietà, peggio di un pensierino di seconda elementare ma non si usa più parlare d’Amore, fateci caso.

Peace and love, beli beli.

Share:
Technorati icon

Annunci

Puttane, lavavetri, mode che vanno e mode che vengono

settembre 4, 2007

Cresce la voglia di tolleranza zero

Come se si parlasse di acqua fresca. E’ da qualche giorno che impazza la nuova moda del dichiarare fino all’esasperazione che lavavetri e puttane sono i due problemi più gravi di questo luccicante paese. Persino studio aperto da più di una edizione non grida al caldo record e non ci ricorda per la milletrecenoottantanovesima volta che l’estate al Nord è finita.

Caproni. E’ una moda che parte da Firenze e investe ogni parte d’Italia: il giornalista si affianca ad un automobilista, gli lava il vetro, e gli pianta in bocca il microfono che porta ad un ovvio commento del tipo “sì, sono davvero fastidiosi” oppure “non ne possiamo più, sono arroganti”. In effetti uno con in mano un tergivetro non può che risultare antipatico, maleducato e minaccioso. E via così con altre 4-5 impressioni di altri automobilisti, in genere donne se avete notato. È anche così che si crea un’opinione pubblica, oltre che coi titoloni dei sondaggi; ci si omologa a quella parte che viene fatta passare come maggioranza: se questi la pensano così, io la penserò in questo modo di conseguenza, altrimenti il mio atteggiamento alla lunga potrebbe risultare amorale.
Dimenticate di colpo tutte le altre questioni che affliggono pesantemente il paese.

Incredibile dictu. Grazie ai lavavetri, ai giornalisti ed ai politici locali che di colpo di sono ricordati che su molte strade di sera esistono le prostitute, da qualche tempo a questa parte non sentiamo più in tv rumeni che violentano donne, animali, alberi e cose. Come se nessuno più, per ora, molestasse qualcun altro. Grazie lavavetri. Ma soprattutto grazie alle prostitute, perché ancora una volta dimostrano quanto bigotta e stolta è la mentalità di questo paese; secondo voi perché molti paesi europei hanno regolarizzato “il sesso a pagamento”? Forse perché le entrate sono enormi ed aiutano enormemente le finanze di ogni stato. Perché nessuno vuole togliere dalla strada le mignotte? Ma è ovvio, perché fanno comodo a tutti. Tanti vanno a puttane, in tutti i sensi (politici, vip, persone normali, ecc…) e in un paese medievale come il nostro farlo alla luce del giorno sarebbe una tragggedia (enfatizzo, sì). E allora di che ci lamentiamo? Perché ci scandalizziamo se sul viale sotto casa troviamo ragazzine semi-nude che battono? Se esistono donne disposte a fare “il mestiere più vecchio del mondo” (alcune addirittura gratuitamente!), non ci possiamo fare niente; ok, mi direte che “fino a quando ci sono uomini disposti a pagare per fare certe cose…ci saranno sempre le prostitute”, ma è un cane che si morde la coda. E poi scusate, secondo voi non esistono donne (sposate, di buona famiglia, ecc…) che pagano per farsi accompagnare o farsi dare qualche colpo?

Lega, legalisation. Riapriamo le case chiuse, sull’esempio tedesco degli scorsi mondiali di calcio. Visite mediche, tasse pagate (e che tasse!), lo stato che distrugge la concorrenza sui viali e tanti uomini più felici di far girare l’economia. Certo, non è così facile, ma tentar non nuoce; va bene, c’è anche il vaticano. Ma “chissenefrega” direi, se fossimo un paese laico. In realtà siamo soltanto pagliacci ammaestrati.

La parola d’ordine è una sola. Altro che “punire le prostitute” o chipaga il pizzo“; forse bisognerebbe colpire i magnacci e i mafiosi. E il sistema Italia, dove tutto va lamentosamente al contrario, per una originalissima legge del contrappasso tutta spaghetti-pizza-mandolino style.

Share:
Technorati icon