Il Valhalla de’ noantri

novembre 20, 2007

E mentre c’è chi lavora ad una possibile carta dei diritti del web, c’è chi si suicida a 13 anni per uno scherzo crudele e di cattivo gusto architettato da adulti.
Nel periodo in cui vanno di moda omicidi annunciati su youtube, pezzi di Bruno Vespa su Internet, blog e meccanismi della Rete viene sollevato il dibattito sulla regolamentazione di Internet, dei social media e parallelamente si parla dei pericoli derivanti dall’uso e dalle influenze del web o delle persone che si hanno la possibilità di incontrare e conoscere. A farne le spese ovviamente sino ad ora sono le persone più fragili.

Credo che, come nella realtà, per colpa di pochi pazzi squilibrati o mitomani possano andarci di mezzo tutti quanti, meccanismo figlio di un ragionamento facilissimo da traslare nella Rete, luogo virtuale dove sarebbe molto semplice punire o “chiudere i rubinetti”. Temo quindi per il futuro anche per le possibili limitazioni che potranno inserire nell’uso dei servizi 2.0: pensiamo soltanto alla registrazione ad un sito qualsiasi che ora richiede pochi minuti e domani invece chissà se servirà un’approvazione, un feedback da casa. E se anche uno come Vespa poi comincia ad occuparsi di blog e ne parla come se fosse uno che blogga e partecipa alle dinamiche della blogosfera da anni ho paura. Molta paura.

Share:
Technorati icon

Annunci

Vittime del precariato

ottobre 23, 2007

Sempre più spesso mi chiedo, riflettendo tra me e me, fino a che punto arriveremo, fino a dove saremo disposti a sopportare e ad andare avanti in questo modo, in questo sistema.

La vita delle persone non è un gioco.

Bisogna quindi stabilire il punto in cui nessuno è più disposto a giocare o ad subire una vita che non solo non si è scelto di vivere, ma che per moltissimi risulta più che insostenibile, ai limiti della decenza etica, morale e fisica. C’è chi si suicida impiccandosi al lavoro, c’è chi tenta il suicidio perché non ha nemmeno i soldi per fare un regalo di compleanno alla figlia e c’è chi fa politica, pur non avendone facoltà, usando la scusa dei precari ma c’è anche Mastella.

Tutto questo in Italia, nel 2007. E speriamo che la vera fame non arrivi mai.

Share:
Technorati icon


Harakiri

maggio 29, 2007

Oggi è stato trovato impiccato il ministro giapponese dell’Agricoltura, Toshikatsu Matsuoka. Era infatti immischiato in vari scandali finanziari e ha quindi preferito togliersi di mezzo nel vero senso della parola. Del resto il Giappone non è nuovo per questi casi; ricordo un episodio in cui dei banchieri chiesero scusa pubblicamente per un crack finanziario che costò molti risparmi ai propri clienti. Cose che le banche italiane fanno all’ordine del giorno insomma, senza porsi tanti freni inibitori.

Detto questo pensavo…ma una cosa del genere in Italia potrebbe mai succedere? No ovviamente. Non incito al suicidio, per carità…ma qui non si ha nemmeno la decenza di mettersi da parte o dimettersi. Abbiamo pluri-condannati seduti in parlamento che invece stanno benissimo e la notte dormono tranquilli, con la coscienza pulita.

Una curiosità: è normale che l’articolo di Repubblica sia uguale identico (un copia e incolla dalla seconda parte in poi) e spiaccicato in ogni sua parola a quello apparso sull’Ansa?

Share:
Technorati icon


Cei-boys

aprile 5, 2007

La fonte è presente nel link dell'immagine stessa

Un ragazzo di 16 anni a Torino si è suicidato perché i compagni di scuola lo tormentavano ogni giorno, apostrofandolo di essere “gay”. Ora, non voglio accusare i compagni, per carità…nessuno può immaginare certe conseguenze.

Il fatto è che, subdolamente e subliminalmente, ogni santo giorno i ragazzi-teledipendenti si sentono riversar dalla televisione un sacco di pattume (e fin qui nulla di strano): cardinali, cei, papa, ecclesiastici pieni d’oro vari che ordinano e spiegano, magari aiutati da Andreotti, come sia una malattia il fatto di avere altri gusti sessuali. Vengono su così i cei-boys, secondo i migliori principi di indottrinamento religiosi (vecchi volponi, li non hanno nulla da invidiare al silvio). Come se fosse una scelta essere gay o etero. Perché tutti voi avete scelto di amare femminucce o maschietti; perché tutti voi avete ascoltato la tv o i cardinali per fare sesso la prima volta. Non è stato qualcosa di naturale; parlo con chi odia gli omosessuali a prescindere, per qualche strano motivo, si professa cattolico ma fa sesso prima del matrimonio per esempio.

Prendo in prestito alcune considerazioni da un post di suzukimaruti: “[…] in che senso la creazione di unioni civili è un “attacco alla famiglia”? Cioè, a me regolarmente sposato cosa succede di spiacevole se concediamo ai cittadini di regolarizzare le unioni al di fuori del matrimonio?

Secondo dubbio:
Mettiamo caso che chi avversa i dico non voglia dare diritti alle coppie omosessuali perché avversa/odia i gay. La domanda è: cosa punta ad ottenere?
Cioè se i gay non si uniscono civilmente cosa sperano succeda? Magari che i gay, disperati per non potersi unire, si “convertono”?
E ancora: qual è l’obiettivo di fondo? Togliere diritti ai gay? Se la risposta è sì, ecco due altre domande:
1 – come si concilia tutto ciò con quel capitoletto trascurabile della costituzione che sancisce uguali diritti per i cittadini indipendentemente dal credo, colore, sesso, ecc.?
2 – qualcuno pensa che togliendo diritti ai gay prima o poi finiscano i presunti “mali” che i suddetti gay fanno alla società? E se sì, come?”.
E soprattutto quali mali?

Tagliando corto: credo che chi provi odio verso qualcuno diverso da lui sia semplicemente un poveretto, un razzista, uno xenofobo con gravi problemi di demenza. E penso anche che alla lunga risulti pericoloso (il caso di Torino potrebbe essere una testimonianza) il continuo bombardamento mediatico riguardo alle dichiarazioni della cei, di Ruini, del papa…basta, sarebbe ora di finirla, ci sono problemi più importanti a cui dare spazio. Siamo nel 2007 e invece di risultare più indipendente e moderno, lo Stato torna indietro, mette in discussione l’ingerenza della religione in ogni questione politica.

Sto solo aspettando il momento in cui la cei dovrà precisare di non dover partecipare ad una manifestazione di forza italia.