Le nuove generazioni PD crescono

settembre 8, 2008

Insieme alla bella Melita Toniolo e al pornoattore Franco Trentalance ci sarà infatti anche Mario Adinolfi. Il giornalista blogger ed esponente del Pd, già candidato alle primarie del partito, ha deciso di partecipare al reality dopo aver annunciato il suo rifiuto.

Mario Adinolfi parteciperà alla Talpa. Ma – ehi – frenate gli animi rivoltosi, lo fa per noi sinistroidi, per il PD, per il futuro che haddavenì:

E prima di andare negli uffici della casa madre del “nemico” vorrei sapere che ne pensate voi, perché io un’idea me la sono fatta, ma ho questo gusto maledetto per il confronto con tutti e allora torno alla domanda: voi, cari (e)lettori democratici, andreste mai a un reality show prodotto da Mediaset? Io sono orientato verso il sì perché mi sono rotto le scatole di pensare che il nostro dialogo con i cittadini si limiti al dibattito attorno all’arguzia dei calembour di Michele Serra, a quanto sarà fico il nuovo programma di Serena Dandini, a quando Nanni Moretti finirà di scrivere il prossimo film. Io sono orientato verso il sì perché mi spunta il gusto di fare qualcosa che la stragrande maggioranza del popolo di centrosinistra considererà un tradimento, mentre secondo me “traditore” è spesso l’epiteto con cui i pavidi etichettano il semplice desiderio di esplorazione di un territorio nuovo. Io sarei orientato per il sì perché le sfide mi tentano sempre, quelle controverse e che espongono al rischio oggettivo di irritare i benpensanti, ancora di più.

Barack, we have a problem. Scherzi a parte, credo che Adinolfi rappresenti un po’ il fallimento totale della sinistra, del Pd, dei fantomatici giovani di sinistra che dovevano cambiare l’Italia. Dove sono?
Dove sono i Mille? Cosa ne pensano? Lo so, Adinolfi non è più con loro da un pezzo, ma sarebbe bello sapere quanti sono rimasti, cosa dicono in merito. E poi, sono ancora mille secondo voi? E il circolo on line di Barack Obama? Si posta, si discute di aria fritta e di belle parole. Questo il cambiamento. Prendendo come emblema il nome di un candidato americano. Giuro, non è uno scherzo.

Massì, parlo di quelli che dovevano cambiare il centro-sinistra e l’Italia; quelli che commentavano in Rete un po’ dappertutto durante la prima fase della loro nascita: per dire, mi ricordo di un Luca Sofri scocciato commentare da Enrico, lì per difendere quello che poi si è rivelato un disastro epocale: il partito democratico.

Usato aziendale che avanza. Ormai è diventato di moda, grazie a Uolter, vendersi e sputtanarsi mettendo le mani avanti con la storia della noia, dell’intellettualoide di sinistra, del “che palle” con ste origini, noi siamo alternativi. Per lui (Adinolfi) “il dialogo coi cittadini” si fa anche partecipando ad un reality show come la Talpa. Con starlette dalla via professionale pressoché inesistente. E poi tornerà qui, sul web, e lì, nel PD, a parlare di politica come se niente fosse.

Sono intorno a noi, in mezzo a noi, in certi casi siamo noi. Qui nessuno è benpensante, nessuno si irrita se Adinolfi va alla Talpa, tanto non la guardavo prima né tantomeno la guarderò ora. Insomma Adinolfi non se lo filava nessuno già politicamente (ricordiamo i catastrofici risultati delle primarie, per dire), figuriamoci ora, con questo exploit. Ecco, l’elettorato berlusconiano un po’ indeciso non lo conquisti facendo queste figuracce.

Lo fa per noi, come Silvio. Fa però tristezza notare che i piddini (yeah, aggiungerei) non abbiano i mezzi politici e culturali per capire. Capire che è un grave autogol; perché così il PD diventa una succursale forzitaliota. Diamine, un candidato alle primarie del PD, presentato da Paola Perego, che va nel confessionale o come cavolo si chiama, il tugurio; ci avreste mai pensato?
E sorridete poi a quelli che fino ad ora han perso tempo attorno all’Adinolfi politico; quelli che lo difendevano in Rete e così via.

La sinistra che cambia, nella forma e nel colore. Ecco l’esempio per i giovani di sinistra: la smania di arrivare dell’Adinolfi parte con Generazione U e passa attraverso l’epiteto di “blogger più letto ed autorevole della Rete”. Certo. Quello che vuole fare il democratico usando gli altri, quello che chiede il parere dei suoi lettori sulla decisione dopo aver già firmato il contratto con Mediaset.

Territori nuovi. Il problema non sono i soldi, chissenefrega se Adinolfi guadagnerà tanto. Che ce lo dica però, lavandosi dal ruolo di leader politico farlocco. Perché non è vero, come scrive Adinolfi nel suo post finto-democratico, che per sopravvivere e fare strada in questa fottuta società bisogna per forza vendersi, sputtanarsi: le giustificazioni false si facevano alle superiori.

Quando le devo per il disturbo? Se tu vuoi venderti, sei libero di farlo, ma non vuol dire che sei tu quello che ha capito tutto, il rivoluzionario di sinistra stanco dei vari Michele Serra (che ormai si sarà anche rotto di fare il ruolo della metafora perpetua). Perché in questo modo fai il gioco del cattivo, per capirci: sì, io sono corrotto, vengo intercettato, ecc…, ma tutti sono come me. No.
Questo mi fa imbestialire, non lo accetto. E’ una morale tipicamente cattolica; basta andare dal prete a confessarsi e si è in pace con sé stessi.

Ti dico che lo fa per noi, giuro. Il problema è che ci sono davvero tante persone di sinistra che si bevono tutte le sciocchezze, le giustificazioni di Adinolfi o chi per lui: probabilmente sono uguali ai berlusconiani. Questi sono convinti che in this way un democristiano che finge di essere di sinistra possa passare un bel messaggio alle masse sulla sinistra, che non è più quella di una volta. Sì perché a leggere i commenti dei sostenitori di Adinolfi, questi sono stra-sicuri che lui andrà in Sud-Africa a rivoluzionare il mondo della comunicazione.

Hard-Core. Immaginatevi la scena: Adinolfi parte con un discorsone ragionato sull’ultima interessantissima prova di sopravvivenza e, proprio in quel momento, il regista stacca sulle tette di Melita bagnate dal mare, passando per il costume un po’ abbassato con le natiche un po’ colorate dalla sabbia. Concetto memorizzato. Sono queste le ironiche sfide al sistema di Adinolfi.

Gne, gne, gne. In realtà infatti, pur di non scomparire, siamo di fronte all’ennesimo trionfo del personalismo di un personaggio considerato di sinistra, che ancora una volta ci ricorda che mai potremo vincere, con questa gente al timone. Mai.

Accidenti, la Talpa considerata come mezzo per far passare nuove idee politiche, la nuova stagione. Fermi tutti, spiegatemi che organismi geneticamente modificati sono arrivati a votare PD, questa volta. Qui sta succedendo qualcosa di strano, qualcosa di così grosso che sarebbe da studiare.

Che vuoi fare da grande? Certo, i soldi fanno la loro parte. Ripeto, non sono un problema, ci mancherebbe, a me farebbero molto comodo; però io non sono nessuno. “Fanculo sonounprecario”, se andrà a fare un reality show. Ma finirebbe lì. Invece Adinolfi, già dal tempo de iMille, quando di colpo prende e si candida per le primarie, “era lì per sgomitare e avere visibilità politica, facendo un po’ di baccano su giovani & democrazia diretta”. E ora con la stessa tattica, prova a ritagliarsi altro spazio. Insomma, vuoi fare il politico o andare a Buona Domenica?

Uno con cui “dialogare”. Adinolfi diventerà simbolo “della sinistra che cambia” per le tv, che cambia talmente tanto da passare dall’altra parte. Adinolfi sarà quello intellettuale di uno dei peggiori reality della tv. Adinolfi sarà il capro espiatorio usato dagli esponenti della destra durante le loro non-argomentazioni. Certo, bisogna dire che non è assolutamente fortunato con le nomination e le votazioni, visti gli zero virgola…
Forza Adinolfi, alla conquista del voto della casalinga di Voghera!

E ora rimaniamo qui, in attesa della vittoria di McCain e della conferenza stampa in cui Obama dichiarerà la sua partecipazione, da sconfitto, ad un reality show.

Annunci

W-Day

ottobre 15, 2007

Dal FlickR di Estragon

La foto del giorno: Walter Veltroni stravince le primarie, come volevasi dimostrare. Dall’altro lato un silenzioso 0,1% che ancora mi fa tanto ridere.
Non mi aspetto niente, non faccio proclami, non ho molte speranze. Le aspettative erano ben altre e voglio vedere quale sarà la prima mossa di Veltroni dopo questo mini-periodo elettorale in cui faceva il Berlusconi di turno, quello che stava in mezzo a un gran casino.

Ora che succederà? Davvero credete che questo sistema italiano possa venire cambiato radicalmente?

Share:
Technorati icon


Cinque candidati e una specie di partito

ottobre 9, 2007

Domenica qualcuno andrà a votare? Se sì chi e perché?
Se invece non andrete a votare, mi spiegate il motivo?

Ho bisogno di conoscere tante opinioni, perché sinceramente non mi sono ancora deciso. Grazie.

Share:
Technorati icon


Abolitela

settembre 30, 2007

Per una volta la chiamerò con il suo nome: Legge Maroni. Giusto per evitare scontati teatrini sul nome di Marco Biagi.
Repubblica ha lanciato vari sondaggi sulle primarie del Partito Democratico e tra questi, settimana scorsa è comparso quello sul lavoro, nota dolente per la sinistra moderna. Infatti, alla domanda «cosa differenzia, oggi, il lavoro flessibile e precario, secondo Lei? Cosa pensa debba fare il PD per evitare che (soprattutto per i giovani) il primo scivoli nel secondo? A questo proposito, qual è il suo giudizio sulla legge 30?», hanno risposto i 6 noti candidati (Veltroni, Bindi, Letta, Adinolfi, Gavronski e Schettini).
Tutti hanno detto in breve la loro sulla “famigerata legge 30”, affermando cose più o meno sensate, ci mancherebbe. La Bindi parla di correzioni, ammortizzatori sociali, reinserimento e termine massimo entro il quale stabilizzare il contratto (domanda da profano: ma se ti lascio a casa una settimana prima della scadenza?!); Letta punta sul riscatto della laurea a costi bassi, sulla totalizzazione dei contributi, sui contributi figurativi; Veltroni ne parla più in generale, mediando come in un discorso elettorale. Dice che «la legge Biagi non ha creato la precarietà, né ha impedito la crescita dell’occupazione a tempo indeterminato», che può essere rivista […]» e che bisogna «dare tutele a chi oggi non ne ha». Che scoperta; ma non sono d’accordo nel dire che la Legge 30 non abbia dilatato il fenomeno della precarietà. È come dire che l’indulto non ha rimesso in libertà dei delinquenti.
Adinolfi invece per una volta mi stupisce e mi vede abbastanza d’accordo, forse perché – parole sue – la precarietà l’ha vissuta sulle spalle: «sono disponibile a entrare in un’azienda da precario, ma con il passare del tempo devo vedere i diritti, fino alla stabilizzazione in un arco di tempo certo. Altra modifica decisiva: i precari rischiano molto e allora quel rischio deve essere monetizzato. Devono guadagnare di più. L’azienda che se ne serve può mandarli via a fine contratto, ma mentre lavorano deve remunerarli maggiormente». Infine, Gavronski e Schettini fanno accenno ai correttivi e alla effettiva chiusura unita al nepotismo del mercato del lavoro.

Pensieri, parole, modifiche e correzioni; chi più ne ha, più ne metta. La legge 30 era ed è un punto fisso del programma dell’attuale governo e a parte tante chiacchiere, non si è ancora arrivati a niente. Perché, mi chiedo io?
Una cosa ho purtroppo riscontrato in tutte le dichiarazioni dei candidati alla guida del PD: nessuno ha mai parlato di abolire la legge Maroni. Le promesse elettorali di abolizione sono quasi scomparse. E giunti a questo punto, arrivare ad abolire la legge vergogna è praticamente impossibile. È sempre troppo tardi.

Share:
Technorati icon