Famolo strano

aprile 11, 2008

Questa sera, in occasione della puntatona di Matrix delle ore 21 in cui gli ospiti saranno Berlusconi e Veltroni, insieme ad altri blogger commenterò il dibattito in tempo reale, con un esorbitante live blogging unificato.

La piattaforma che ci ospiterà sarà coveritlive e se vorrete seguirci, rispondere ai nostri in-teres-san-tis-simi sondaggi in diretta e commentare le nostre mirabolanti uscite, vi basterà farlo su Coveritlive cercando l’evento “Berlusconi e Veltroni a Matrix per le politiche 2008” oppure andare direttamente su uno dei blog coinvolti. Purtroppo wordpress non permette l’integrazione degli iframe, quindi non ho potuto inserire anche io la piattaforma incriminata.

Comunque sia, i blogger coinvolti saranno: Anonimo Italiano, Antonio Vergara, Biagio Raucci, La Privata Repubblica, Liberamente, Kagliostro e Terzo Occhio.
È gradito un dress-code adeguato, quindi mettetevi la cravattina della domenica; se poi avete i pop corn e la birra meglio ancora, ma il mio consiglio è quello di tenere al vostro fianco un pacchetto di fazzoletti…

Annunci

Asilo nido

marzo 28, 2008

Da corriere.it

Le polemiche di questi giorni sull’ipotetico dibattito in tv tra Berlusconi e Veltroni mi suggeriscono una cosa: Berlusconi ha una fottuta paura di confrontarsi con Veltroni perché è forse il primo uomo di sinistra che in un faccia a faccia potrebbe stracciarlo su ogni piano. Non è difficile battere Berlusconi in un confronto: basterebbe rispondergli con dei dati di fatto e andare a scavare sotto quello che dice; perché non c’è niente, se vai a fondo l’ologramma svanisce.

«il sospetto che Berlusconi non gradisca partecipare a trasmissioni televisive con giornalisti scomodi e non assoggettabili, come dimostrò nel 2006 andandosene in diretta tv proprio dalla trasmissione della Annunziata»

Anche se l’idea di vedere tutti i candidati insieme, con un grembiulino, pronti a scannarsi, sarebbe molto simpatica.


Il Valhalla de’ noantri

novembre 20, 2007

E mentre c’è chi lavora ad una possibile carta dei diritti del web, c’è chi si suicida a 13 anni per uno scherzo crudele e di cattivo gusto architettato da adulti.
Nel periodo in cui vanno di moda omicidi annunciati su youtube, pezzi di Bruno Vespa su Internet, blog e meccanismi della Rete viene sollevato il dibattito sulla regolamentazione di Internet, dei social media e parallelamente si parla dei pericoli derivanti dall’uso e dalle influenze del web o delle persone che si hanno la possibilità di incontrare e conoscere. A farne le spese ovviamente sino ad ora sono le persone più fragili.

Credo che, come nella realtà, per colpa di pochi pazzi squilibrati o mitomani possano andarci di mezzo tutti quanti, meccanismo figlio di un ragionamento facilissimo da traslare nella Rete, luogo virtuale dove sarebbe molto semplice punire o “chiudere i rubinetti”. Temo quindi per il futuro anche per le possibili limitazioni che potranno inserire nell’uso dei servizi 2.0: pensiamo soltanto alla registrazione ad un sito qualsiasi che ora richiede pochi minuti e domani invece chissà se servirà un’approvazione, un feedback da casa. E se anche uno come Vespa poi comincia ad occuparsi di blog e ne parla come se fosse uno che blogga e partecipa alle dinamiche della blogosfera da anni ho paura. Molta paura.

Share:
Technorati icon