Meglio mai che tardi

ottobre 19, 2008

Ma guarda un po’. L’authority per le comunicazioni si accorge che è il governo a dominare la scena dell’informazione dei nostri telegiornali. “Il predominio è più evidente nei notiziari Mediaset (incluso il Tg5 di Mimun, che insieme a Fede nega…!)“, ma anche il Tg2 non scherza, anzi.
L’Autorità per le Comunicazioni chiede ora alle reti pubbliche e private di riequilibrare.

Ma se ne accorgono solo ora, dico io? La prova dello stato imbarazzante in cui versa l’informazione ormai da troppi anni è dato anche dal fatto che nessun tg, se non quello de la 7, ha parlato di questa notizia. E la carta stampata non è da meno: oltre a Repubblica, solamente il Sole 24 Ore ha diffuso la notizia. Ansa, Corriere, Messaggero, La Stampa e così via, preferiscono parlare di cose “più italiane”.

L’unica verità è che non può esserci democrazia in un paese in cui l’informazione e la conoscenza si trovano nelle mani di pochi, manipolate all’inverosimile.
I dati sono sconcertanti, la disparità è doppia. E se studio aperto in questo periodo si sta occupando principalmente di screditare “l’ambiguo Obama”, come spesso lo definiscono, le altre reti mediaset sono un festival di parassitismo allo stato puro. Che c’è di nuovo, direte voi?

Niente, appunto. Questo è il vero problema.


Paga papa

ottobre 8, 2008

Niente considerazioni. Ma provo un’immane vergogna dinnanzi al mondo intero per le frasi pronunciate da questo strano personaggio:

“Ehi, sono vestito di bianco ed ho un cappello a punta, quindi conosco il volere di Dio!
Quando dovete pagare, nominatelo invano, mettete tutto sul suo conto. Tanto i soldi non hanno valore. Mi raccomando però, ricordatevi dell’otto per mille a giugno.”

I soldi non contano, quindi diamoglieli pure, no?


Com’è umano lei

giugno 8, 2008

Inquisizione

Non riesco a capire come ancora, nel 2008, l’Italia e una bella fetta di umanità possano dipendere o dare ascolto ad un’istituzione che sta al di là di ogni tempo e di ogni spazio. Capisco lo spirito auto-conservativo dell’assurdo, ma qui di controsensi ce n’è davvero troppi.

Fossi un fedele con un minimo di dignità morale, mi sentirei preso in giro fino all’inverosimile, oltre che insultato come essere umano. Qui invece si baciano ancora le mani.

«I termini della questione non sono quelli raccontati: a chi di dovere sono state offerte tutte le motivazioni di una realtà che non dipende nè da discrezionalità nè dall’intenzionalità dei soggetti»: lo si afferma in una nota diffusa oggi dalla curia di Viterbo in merito alla vicenda della giovane coppia alla quale il vescovo ha negato il matrimonio con rito religioso in quanto lo sposo di 26 anni non potrebbe avere rapporti sessuali per i postumi di un incidente stradale che lo ha reso paraplegico. «Tutto è stato fatto nella condivisione sincera della situazione e con ogni attenzione umana e cristiana – si afferma ancora nella nota della curia – Il precetto d’amore di Cristo è per noi, sempre, norma di vita, nell’ordinario e nello straordinario»


Il Virus della Censura su Youtube

ottobre 28, 2007

Sono stati rimossi da Youtube i 5 video sul Virus della Fede, prima che arrivassero all’attenzione dei media o divenissero argomento di dimensione sociale.

Se infatti cliccate sui link diretti, il messaggio che troverete sarà semplicemente “Questo video è stato rimosso a causa della violazione dei termini e condizioni d’uso.”
Fortunatamente la Rete ha meccanismi più complessi ed evoluti, quindi risulta ancora abbastanza facile risalire ad altre fonti in cui visionare il documentario, trovando anche le altre parti mancanti.

Non guarite mai, fate sì che il Virus della Fede non smetta di circolare.

Share:
Technorati icon