Tutti gli uomini del Presente

gennaio 19, 2008

//www.bloo.it//gallery.panorama.it///sthfree.files.wordpress.com/

Il periodo quotato qui sotto, detto in un altro paese, basterebbe per allontanare da tutto ciò che è cosa pubblica la persona che lo ha pronunciato. In Italia invece, se è un piduista a dirlo, viene riportato dai media mainstream.

Ieri Mastella, oggi Cuffaro”, ha commentato Silvio Berlusconi, ribadendo che serve “un risanamento di tutto l’ambito giudiziario”. “Credo che gli italiani esprimano già con i numeri dei sondaggi – ha aggiunto – che siamo nella piena patologia e che c’è da fare un risanamento di tutto l’ambito giudiziario molto in profondità.

Collusi, ma non mafiosi. Mafiosi, ma non collusi. I loro metodi e le loro parole sono ciò che più anti-democratico ci sia, però non si capisce.
Non si capisce perché indagati, processati e non, condannati…in carcere non ci finiscano. E ci si chiede come possano arrivare i quotidiani a scrivere giochi di parole che suonano di presa per il culo come “il presidente della Sicilia riconosciuto colpevole di favoreggiamento ma non di aver avvantaggiato Cosa Nostra”. Sì, Cosa Nostra con le lettere maiuscole, come se fosse una s.p.a., un’istituzione, un made in Italy di cui fregiarsi. Probabilmente è proprio perché è “made in Italy” che è “cosa nostra”.

Sono tutti uguali, sono nati, cresciuti e caduti dalla stessa pianta. Da Cuffaro che afferma, autoconvincendosi soltanto dopo una sentenza dei giudici che fino al giorno prima insultava, “sono confortato, non sono colluso con la mafia e per questo resto presidente della Regione. Da domani torno al lavoro”. Lui rimane li, votato da tantissimi siciliani mentalmente collusi come lui; se lo voti sei complice. Il partito dei difensori della famiglia – l’UDC – è orgoglioso, per questo si limita a non dire niente.

Poi c’è Mastella, per cui le “raccomandazioni” sono più che lecite (basta ascoltare le interviste sdoganate in questi giorni ai compaesani dell’ex-ministro per rendersi conto di cosa parlo): se eri cugino della nuora della figlia della bisnonna di quarto grado, sicuramente eri un dirigente Udeur insomma. Ma a lui tutto è permesso, perché “sceglie la famiglia” e perché “è un uomo di fede”. E poi trovare le copie de “Il Foglio” dopo questi duri attacchi laicisti è sempre dura.

Infine viene Berlusconi, l’eroe di mille battaglie, che alla notizia di essere stato rinviato a giudizio ha risposto con un sondaggio, ricordando per la 1.389a volta che questo governo (prima o poi..) cadrà e che si andrà a votare presto. Quindi non ha risposto, se non per spiegarci come il piano di rinascita piduista dovrebbe venire attuato sulla magistratura e non solo.

A quanto sembra, la nostra depressione (ci arrabbiamo e ci incazziamo, ma alla fine non facciamo un bel cazzo per non fargli fare queste cose) potrebbe “essere risollevata solo da una vittoria agli Europei di calcio”. O, aggiungo io, dall vittoria della Coppa Campioni da parte dell’Inter (sono interista, capitemi).
Siamo senza speranze. A meno che avete voglia di abbandonare la nave quando è da anni che sta affondando negli infiniti abissi della disumanità.

Annunci

I have a dream

dicembre 12, 2007

[Premessa, questo post non sarà per deboli di udito, sarò volgare ed incazzato; mi scuso in anticipo e sono disposto a perdere un po’ di credibilità ma questo post viene fatto di getto] Il fatto che Berlusconi sia stato beccato per l’ennesima volta è una cosa gravissima; è ancora più grave che abbia cercato di corrompere e comprare dei senatori per fare cadere un governo. Ma cosa pensate che interessi ad una persona che offre ad un’altra milioni di euro, poltrone e chi più ne ha più ne metta, per far cadere un governo e provocare una crisi di cui risentirebbe tutto un paese, dell’Italia? Un bel cazzo! Cari blogger destrorsi che continuate a difenderlo a spada tratta, cari giornalisti parassiti servi della merda che cammina, cosa avete ancora da dire questa volta? Se Berlusconi fosse stato capace di fare sul serio politica, avrebbe cercato altri modi per convincere esponenti dell’opposizione; se gli interessasse davvero il futuro di questo cazzo di paese non sarebbe entrato in politica; se sapesse cos’è la politica, lui e i suoi scagnozzi con la lingua marrone non ripeterebbero le stesse frasi da anni. Altro che Chile di Pinochet, vergognatevi tutti voi suoi elettori o persone che vi dichiarate di questa destra. È soprattutto colpa vostra se l’Italia è un posto schifoso in cui ogni giorno spuntano fuori scandali, intercettazioni e per farsi strada, per esempio, bisogna o fare pompini o dare il culo. Preciso: se siete donne è così. Sì, perché nello scoop compaiono anche nomi di ragazze che misteriosamente hanno avuto spazio nelle tv del padrone.

Eccola l’Italia che vuole Silvio:

“Socialmente – dice Berlusconi – mi sento come il Papa: tutti mi amano. Politicamente, mi sento uno zero… e dunque per sollevare il morale del Capo, mi devi fare un favore. Vedi se puoi aiutare…”. Il Cavaliere fa quattro nomi di candidate attrici: Elena Russo, Evelina Manna, Antonella Troise, Camilla Ferranti (secondo un testimone, il produttore di Incantesimo Guido De Angelis, è la figliola di un medico molto vicino al Cavaliere). Sai, spiega Berlusconi a Saccà, non sono tutte affar mio perché “la Evelina Manni mi è stata segnalata da un senatore del centro-sinistra che mi può essere utile per far cadere il governo”. Promette Berlusconi a Saccà: saprò ricompensarla quando lei sarà un libero imprenditore come mi auguro avvenga presto…

Questa è la notizia che campeggia sull’home page del corriere. Ma vi rendete conto di come danno la notizia? Non è incredibile? Un bel titoletto con quello che vuole dire Berlusconi, una breve descrizione di una sua frase, una stronzata detta da Bonaiuti, Randazzo che sembra fottersene e uno dei vari sondaggi sul nuovo partito preso in giro anche da Fini e Casini. Incredibile vedere a che livello sono arrivate Corriere ed RCS. Sono anche stufo di scrivere la parola vergogna. E in questo modo, uno legge senza sapere che cavolo è successo ma viene già a sapere l’opinione del diretto interessato; complimenti, pagliacci.

Randazzo è scosso da quelle proposte. […] Come d’incanto, come apparso dal nulla, si ritrova accanto un imprenditore australiano, Nick Scavi. L’uomo lo apostrofa così: “Voglio offrirti la possibilità di diventare milionario. Ti darò un assegno in bianco che potrai riempire fino a due milioni di euro”. Randazzo rifiuta l’avance. […] Come Nick Scavi, anche Berlusconi non cede dinanzi al primo rifiuto di Randazzo. Per superare le incertezze, il Cavaliere rassicura il senatore: “Caro Randazzo, le farò un vero e proprio contratto…”. […] Il senatore conferma durante l’interrogatorio: “E’ vero, Berlusconi mi chiamò e mi disse: lei ci ha pensato bene, le carte sono pronte, deve solo venirle a firmarle. Mi basta anche soltanto una piccola assenza”. Al Senato un’assenza, con l’esigua maggioranza del centro-sinistra, ha il valore di un voto contrario. “Una piccola assenza” è sufficiente perché, dice Berlusconi, “ho con me Dini e i suoi – che non dovrebbero tradire – e tre dei senatori eletti all’estero”.

Quante belle cose che sono venute fuori da quando al governo non c’è più Berlusconi, da una parte e dall’altra; quante cose sono uscite dei sistemi su cui è solito basarsi questo paese. Quanto è bello essere italiani.

Share:
Technorati icon


Un paese allo sbando

ottobre 25, 2007

Share:
Technorati icon