Facci un piacere: apriti un blog

Mag 13, 2008

Da Wikipedia scopro di avere qualcosa in comune con Facci: anche io sono nato a Monza.

Filippo Facci (Monza, 11 maggio 1967) è un giornalista italiano.
Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua attività professionale collaborando giovanissimo a L’Unità, a La Repubblica e poi approdando a L’Avanti, quotidiano del Partito Socialista Italiano, dove da “abusivo” si occupò di seguire l’inchiesta su Tangentopoli cercando di fare da contraltare alle notizie che uscivano dalla Procura. Sulla base dei suoi articoli l’Avanti! fu soprannominato “il gazzettino degli avvocati”.
Dal 1994 ha scritto per Il Giornale, per L’Opinione, per Il Tempo sino a tornare a Il Giornale nel 1998 e curando una rubrica quotidiana sulla prima pagina (“Appunto”). Collabora anche con Il Foglio, con Il Riformista e con Grazia. Una sua rubrica su Il Domenicale, settimanale culturale di matrice cattolica edito da Marcello Dell’Utri, è stata soppressa per dissensi con la direzione. Per qualche anno, su Il Giornale e sul Foglio, ha scritto anche critiche e reportage di musica classica poi raccolti in un libro.
Ha partecipato alle trasmissioni Parlamento In, L’antipatico e dal marzo 2008 ha una breve rubrica politica nel programma Mattino Cinque condotto da Claudio Brachino e Barbara D’Urso su Canale 5. È spesso ospite di trasmissioni e talkshow di argomento politico.

Nonostante questo curriculum di tutto rispetto, è proprio Facci che ha scritto il post intitolato “Narco Travaglio” su Macchianera. In cui, in centinaia (probabilmente migliaia) di battute, non riesce minimamente a negare il fatto che Schifani abbia avuto certe frequentazioni. In compenso Leonardo dal suo blog risponde egregiamente a Facci, smentendo completamente il suo post e scomponendolo pezzo per pezzo. Vivamente consigliata la lettura.

Qualcuno dirà “vabbé, è Facci”, ma è sin troppo facile scrivere un post del genere e chiudere i commenti. Cioé già uno che giustifica certe amicizie perché di vecchia data, non può risultare molto credibile. E insomma, come ho scritto ieri, Travaglio non è la giustizia, quindi ci penserà qualcun altro a giudicare, al massimo. Ma la cosa interessante è che nemmeno Facci nega certe frequentazioni. Quindi, come la mettiamo?

La mettiamo che Facci è in contraddizione totale. Perché insultare Travaglio col fine di difendere Schifani non è un buon modo per smentirlo, anzi. Se poi vai a scrivere che Lirio Abbate dice il vero e Travaglio, che lo cita alla lettera, invece mente, il caos è servito. E scusa se qualcuno ha osato interessarsi al passato della seconda carica dello Stato, visto che fino a ieri era uno dei tanti volti. Anzi, peccato che solo un giornalista abbia osato farlo.

Quello che poi non si capisce è il perché Schifani non smentisca un bel nulla. O non aspiri ad un contraddittorio in cui possa controbattere a Travaglio, visto che è tornato prepotentemente di moda. In campagna elettorale il contraddittorio non è lecito, sia mai, mentre quando fa comodo, il cosiddetto contraddittorio all’italiana ci viene sbattuto in faccia come giustificazione suprema a tutto e tutti. Del resto lo dice pure la Finocchiaro (sto parlando di una candidata in Sicilia che prende le difese, seppur indirettamente, di un personaggio che forse ha avuto frequentazioni mafiose…capito perché si perde, poi?).

Per di più Facci usa dei morti (Montanelli e Biagi): nemmeno loro possono smentire. Noi però possiamo dire che Montanelli lavorava con Travaglio, non con Facci. In più, sviando come fa in tutto il suo post, afferma che non è mai esistita una telefonata tra Mangano e dell’Utri. Ma mente. Esiste un’intervista rilasciata dal magistrato Paolo Borsellino il 19 Maggio 1992 ai giornalisti Jean Pierre Moscardo e Fabrizio Calvi in cui si parla proprio di quella telefonata. Per la cronaca, l’intervista venne registrata quattro giorni prima dell’attentato di Capaci in cui fu ucciso Giovanni Falcone: qui il testo integrale e qui il video sopravvissuto alle varie censure (in Italia non è mai andata in onda se non sul satellite. In un punto di questa intervista si parla di ‘cavalli’. “Giornalista: Perché c’è nell’inchiesta della San Valentino, un’intercettazione fra lui e Marcello Dell’Utri in cui si parla di cavalli. Borsellino: Beh, nella conversazione inserita nel maxi-processo, si parla di cavalli da consegnare in albergo, quindi non credo potesse trattarsi effettivamente di cavalli, se qualcuno mi deve recapitare due cavalli, me li recapita all’ippodromo o comunque al maneggio, non certamente dentro l’albergo.”). Insomma, Facci mente anche qui.

Un altro problemuccio poi sorge quando si scopre che persino El Pais, il noto quotidiano spagnolo, scrive un articolo su Schifani, che riporta le stesse identiche cose (qui la traduzione in italiano):

Su nombre, en cambio, ha sido relacionado por la prensa italiana con la criminalidad organizada siciliana, ya que en los años ochenta fue socio de una compañía en la que también figuraban Nino Mandalà, jefe del clan mafioso de Villabate, y de Benny d’Agostino, empresario ligado al histórico dirigente de la Cosa Nostra, Michele Greco.

Abbiamo capito che la questione è nata perché certe dichiarazioni sono state lette in tv; su Internet bene o male, troviamo tutte le fonti necessarie per risalire alla verità. Verità che non è quella di Facci, che ormai eletto ad avversario per antonomasia di Travaglio, nonostante si giochi un buon repertorio di bassezze, alla fine le “prende sempre”, giornalisticamente parlando.

Insomma, nonostante io probabilmente non abbia le capacità giornalistiche e d’analisi dell’uno o dell’altro, mi sento di dare un consiglio a Facci.
Se vuoi questo benedetto contraddittorio, apriti un blog. Anzi, cambia cognome e apriti un blog. Che ormai tutte le battutine legate al tuo cognome non fanno più ridere nessuno, lo so anche io.
Che se ti apri un blog, c’è il rischio che qualcuno – tu compresocominci a prenderti davvero sul serio.


Sono Strano ma non sono Gay

gennaio 27, 2008

Questa intervista al senatore Strano di AN è una delle letture più incredibili dell’ultimo periodo, sintesi di questo paese pieno di contraddizioni e assurdità incredibili.

“Esteta fottuto, amico di travestiti, troie e gay
“Vorrei essere lieve e soave, vorrei vivere la politica come una passeggiata su una spiaggia della Normandia“.
Senatore: i suoi gusti sessuali sono liberi e anticonformisti. E’ credente ma ama i dannati dalla Chiesa. Anche il travestimento personale, le piume.
“Travestimento no” (le piume sì quindi, ndr).
I maschi.
“Mi squaglio davanti a una creatura di marmo. Ma non ho avuto mai un rapporto sessuale con una persona del mio stesso genere”.
Frequenta soltanto.
“Frequento con enorme piacere i locali dove ogni desiderio è possibile e praticabile. Le mie donne sono sempre con me”.
Frequenta ma non consuma.
“Mi fermo un attimo prima”.
Costringe ad approfondire.
“Stamane ho fatto all’amore. Terminato alle 12,15”.
Ah!
“Con una donna, la mia donna. Ho avuto un figlio da un’altra”.
S’è chiesto cosa ci faccia in Alleanza Nazionale?
“Bella domanda”.

Questa persona è in Senato ma non sa perché è in AN. È un personaggio particolare che oltre tutto ha avuto un figlio da un’altra ed ha una condotta di vita alquanto libertina, ma risiede dalla parte dei paladini della famiglia.
Personalmente, in generale, non mi fiderei mai di un omosessuale di destra. Gli alieni esistono e già ci governano.


“Cri-cri” fanno i pecoroni italiani

gennaio 10, 2008
Ieri ho letto il post di Gilioli sul tentativo di intervista a Grillo non riuscita, in quanto il comico genovese non ha voluto rispondere ed abbassarsi ad un confronto una volta di più quindi. Ci ho ragionato su un bel po’ e dopo aver letto centinaia di deliranti commenti di Groupie di Grillo ho deciso di commentare il post di Gilioli, che tutti questi insulti non se li merita. Sarebbe bastato semplicemente leggere il suo blog per capire che alcune persone il giornalista lo sanno ancora fare, e lui è una di queste.
Per farvi capire il mio pensiero mi limiterò autobiograficamente a riportarvi il commento che ho lasciato sul suo blog; fortunatamente vedo che la mia idea è condivisa anche da tante altre persone che, evidentemente, un cervello per pensare ce l’hanno ancora e non delegano più a nessuno l’arte del decidere per conto terzi. Prendetela come una lettera aperta, se volete.

«Leggo il blog di Beppe Grillo tutti i giorni. Ho visto tutti i suoi ultimi spettacoli. Lo seguo perché a prescindere da tutto quanto, gli spunti di riflessione che può dare sono tanti. Sono anche stato al V-Day, ho fatto la coda e ho firmato. Ve lo dico perché almeno, mettendo il discorso sul vostro stesso piano, potete capire che ho la giustificazione per dirvi quello che sto per dire. Patetico, no?

Mi rattrista molto però leggere tutti questi commenti di persone che fino ad oggi (o ieri) questo blog (quello di Gilioli, ndr) non l’hanno mai letto. Perché se aveste letto il blog di Gilioli almeno una volta vi sareste accorti che è uno dei pochissimi giornalisti “dalla nostra parte” (parola brutta, ok), cioé dalla parte di chi ha un pensiero libero e senza preconcetti. Avreste potuto leggere il suo post sull’aborto, su Ferrara o i tanti altri sui vari tipi di censura, su De Gregorio, su Mastella, ma siete talmente inebetiti e pecoroni che senza manco finire di leggere il post attaccate. Guardate cosa siete diventati, totalmente rincoglioniti. Se domani Grillo vi dicesse che gli asini volano sareste qua a motivare tutto quanto, dicendo che tutti sono contro Grillo a prescindere. Non sapete più pensare con la vostra testa, come sempre – da buoni italiani di merda – delegate qualcuno per farlo al posto vostro. Quindi sì, ci meritiamo questa casta che tanto usate come motivazione per tutto al governo.

Siete peggio dei berlusconiani quando qualcuno osa pronunciare un pensiero diverso dal loro, è incredibile: insulti, supposizioni, “eh gilioli, le tue domande erano faziose, sicuramente hai riportato certi virgolettati, sicuramente avreste censurato qui e la” o ancora “fabbrica del consenso”, “casta”… Siete allucinanti. Davanti all’evidenza rispondete usando le stesse parolone che manco conoscete, in un pessimo italiano, tra le altre cose. Ve lo ripeto, siete come i berlusconiani che parlano come il capo, come la tv gli ha insegnato: loro usano la parola “comunisti” per ricondurre ogni cosa ad un modello mentale che conoscono; certo, gli hanno insegnato così. E voi siete diventati uguali identici.

Queste erano semplicemente delle DOMANDE serie che nessuno ha mai avuto il coraggio di fargli; Grillo aveva carta bianca, poteva rispondere quel cacchio che voleva (il blog di Gilioli è un blog libero se avete intuito, altrimenti i commenti sarebbero moderati come accade sul blog di Mastella ad esempio), poteva essere un’occasione per ribadire una volta di più i suoi concetti, ma così non è stato. E vi rode dentro, quindi la colpa dev’essere di Gilioli, che scrive per l’Espresso (non per il Giornale, sveglia!!!), è uno dei pochissimi giornalisti che cura un blog serio e addirittura vi permette di commentare questo post con una miriade di cazzate. Ma guardatevi : scrivete tutti quanti le stesse cose, non vi sembra di esservi trasformati in organismi berlusconiani geneticamente modificati? Sono anche questi gli effetti del berlusconismo, al contrario (o per contrappasso se volete).

Critichiamo, giustamente, il 99% dei giornalisti che fanno informazione sui media tradizionali, però quando fanno domande più ragionate a Grillo o chi per lui vi incazzate. Incazzatevi con chi vuole rispondere (e mi ha molto deluso) con un monologo; è come se ad un esame universitario dico al professore che do il mio meglio se la domanda me la faccio da solo…! Ditemi che state scherzando, perché lo ripeto, ci meritiamo tutto questo schifo. Siete di una tristezza incredibile. Provate a pensare perché abbiamo avuto bisogno di Beppe Grillo per smuovere qualcosa: da soli non siamo capaci di fare niente, quindi se il nostro paese è una schifezza è anche (e soprattutto) colpa nostra che l’abbiamo permesso e ancora lo permettiamo.

Mi fermo qui che poi divento noioso. Ma se ancora avete un briciolo di neurone nel vostro cervello ragionate, e pensate anche a perché Grillo non risponde mai ai commenti, non si rapporta con nessuno in Rete o nella Blogosfera.
Se avete le palle, ragionateci su. Perché se Gilioli fosse stato contro il V-Day o Grillo a prescindere, su di lui non avrebbe scritto un bel niente, ignorandolo (perché sapeva a cosa andava incontro, i vostri commenti lo testimoniano).
E’ comodo tirare fuori la storia del comico quando serve. Gilioli è semplicemente deluso, come me e come tanti altri che fortunatamente e ancora un cervello per pensare (magari sbagliando, per carità) ce l’hanno.
Siete tutti uguali, per questo fate tanto schifo e me ne dispiaccio; quindi prima di giudicare una persona, magari, leggete altri post. Perché la figuraccia, cari miei pecoroni, la fate sempre e soltanto voi.
Il sistema Italia così non si cambia affatto. Perché voi usate gli stessi metodi usati da quelli che tanto critichiamo: consenso e culto della personalità oltre ogni modo e indipendentemente da tutto quanto.
Siete penosi, vergognatevi.»


Grassi che colano

dicembre 11, 2007

//blog.terrorpilot.com/

Quando leggo certi pezzi firmati da gente che solo quando fa comodo si ricorda di certe altre persone sorrido. Sorrido e mi incazzo. Sì, perché se ne stanno dicendo e sentendo di tutti i colori su Luttazzi e La7 e molti forse tralasciano vari aspetti che probabilmente andrebbero considerati. Ad esempio Grasso, «prima inizia facendo il deluso, comoda retorica per non sembrare cattivi. Poi fa una breve storia della carriera di Daniele, in cui dimostra di conoscerlo e prende la spinta per poter dire le scemenze finali. Addirittura arriva a dare ragione a Berlusconi e alla frase “uso criminoso” mediante la quale ha praticamente ammazzato la carriera di alcuni tra cui Enzo Biagi».

Gusti d’elite. In giro si sentono cose come “a me la battuta non ha fatto ridere”, “era una cosa di cattivo gusto, volgare”, ecc…magari da gente che fino a l’altro ieri Luttazzi non l’aveva mai guardato o forse non l’aveva mai seguito nei suoi spettacoli teatrali o ancora non conosce i suoi pensieri riguardo alla satira. I gusti di qualcuno non giustificano in nessun modo la chiusura di un programma che registrava il sabato sera, a mezzanotte, punte di 2 milioni e 700 mila spettatori. Probabilmente troppi anni di bagaglino, di Zelig (che spesso guardo e mi fa ridere, lo ammetto tranquillamente) e di Reality Show vari hanno distrutto le poche capacità intellettive rimaste nei cervelli della gens italica; tutto è lecito infatti se Vespa viene considerato un grande giornalista, se Mastella è alla giustizia e se Tremonti (uno che voleva vendere le spiagge!!!) è stato ministro dell’economia. Perché la satira vera è quella di Luttazzi, un purista, non quella di Striscia la Notizia, e se a me non piace la coprolalia delle sue battute cambio canale; se a Ferrara non è andata giu una battuta peraltro già fatta altre volte e riprodotta in replica lo dice pubblicamente o al massimo querela Luttazzi; se a Dall’Orto è venuto il quarto d’ora doveva pensarci prima di ingaggiare Luttazzi, prima di aver promesso libertà assoluta all’ora in cui i bambini fanno la nanna e nessuno rompe le scatole più di tanto. Cosa vuol dire dare carta bianca e promettere al pubblico per poi chiudere baracca e bottega in questo modo? La satira non deve chiedere ed esigere rispetto se è libera. E soprattutto un autore come Luttazzi non può risparmiare nessuno.

Cacca, puzza, pipì, popò, merda. Detto questo, la frase pronunciata da Luttazzi era composta da 2 parti: una vera, tragicamente vera, sulla guerra in Iraq e una seconda immaginaria ed alquanto fantasiosa, probabilmente di cattivo gusto che però secondo me è meno disgustosa rispetto alle bombe al fosforo. Immaginarmi circa 60 milioni di italiani scandalizzati per una battuta su pupù e pipì mi fa sorridere, pensando a quello cui sono soliti guardare sui canali RaiSet. Personalmente, per fare un esempio, ritengo più scandaloso e di cattivo gusto sentire il papa che dice di salvare i bambini dopo che proprio lui e la sua chiesa hanno protetto e lasciato liberi di fare i loro porci comodi chissà quanti preti pedofili, mandandoli nelle zone più povere del pianeta, salvo poi rimborsare i parenti delle vittime con un bel po’ di dollaroni. Non ne sono sicuro, ma forse per scandalizzarsi ed inibirsi bastava guardare altri programmi su La7; ad esempio nella trasmissione di Daria Bignardi (“Le invasioni barbariche”) in cui Fabio Volo era ospite si è parlato di merda per lunghi periodi, con piccole divagazioni in cui si parlava di vibratori “a uovo” telecomandati dal proprio uomo da inserire nella vagina.

Spe’..si salvi chi può. E ancora, siamo sicuri che la trasmissione sia stata chiusa per questa battuta? La puntata infatti è andata in onda per ben due volte senza che nessuno si accorgesse di nulla (ora invece tutti hanno ben in testa la fantastica scena nella vasca) ma soltanto sabato è stata interrotta durante la registrazione della puntata riguardante l’ultima enciclica del papa, la Spe’ Salvi. Ora, non vorrei insinuare niente, però il metodo dei funzionari in stile Fahrenheit 451 è alquanto strano e inconcepibile, perché la stragrande maggioranza delle censure è per me ingiustificabile. E nel frattempo Giuliano Ferrara scrive una lettera a Repubblica, ma prima di arrivare a lui aprirò una parentesi; in giro leggo di gente che si chiede perché nella blogosfera non si parli d’altro che di Luttazzi nel giorno degli operai morti. A parte che non è vero, ma la libertà d’espressione è un argomento che dovrebbe riguardare tutti quanti, specialmente noi blogger, sempre all’erta dopo aver assistito a particolari proposte di legge dell’ultimo minuto. Oggi Luttazzi, Biagi, Santoro, domani il tuo blog, dopodomani Internet.

No Luttazziani, no party. No, non sono d’accordo né con Sofri né con Suzukimaruti su molti aspetti: «Cioè se domani il tizio che legge le previsioni del tempo su La7 lo fa ruttando, la rete ha tutto il diritto di prenderlo da parte e dirgli due paroline». Ma infatti Daniele Luttazzi non ha fatto nulla di tutto questo ma anzi, a me ha fatto molto ridere perché apprezzo questo tipo di satira; ripeto, se non ti piace vai a letto, cambi canale o ti fai una scopata, per dirla alla Luttazzi. E poi si arriva a citare Pasolini, quel Pasolini che fece scandalo anche nel 1971 con il film Decameron, appunto; certo, lui si batteva per la non-omologazione della società ad un modello unico passato dai mass-media, lottava per la liberalizzazione dei costumi sessuali degli italiani; e che attori usava Pasolini? Gente comune, presa dalla strada, dai ceti più bassi, facce a cui la gente non era abituata, che suggerivano un’idea sporca, volgare e a volte ripugnante, come se a Pasolini piacesse mostrare il brutto e il repellente, proiettati – in questo caso – nel sesso. E Luttazzi per cosa si batte? Ha sempre parlato di verità e giustizia, non ha mai fatto populismo, ed anche lui lotta contro questa società italiana e così come Pasolini rivela un forte senso di colpa derivante dalla componente religiosa, da una rigida educazione cattolica ricevuta, che spesso non manca di ricordare. Ma Luttazzi non è Pasolini perché non c’è spazio per un Pasolini nella società (italiana) di oggi, non avrebbe molto senso; per questo forse, ai molti, le sue scene risultano soltanto di un livello demenziale o vengono esclusivamente ridotte ad un attacco alla destra che lo ha “epurato”. In realtà non è così ma il pensiero comune diffuso è questo, cioé “Luttazzi vs. Berlusconi” in ogni modo, anche se poi in pochi si accorgono degli attacchi a D’Alema, Fassino, Mastella, ecc…

Le religioni dei nostri tempi. Insomma, abbiamo scomodato quel Pasolini (per chiudere la parentesti ed arrivare al Giulianone) che nel 1992 Giuliano Ferrara andò a ripescare per la trasmissione “Lezioni D’Amore”, fatta insieme alla moglie, incentrata sul sesso ed ispirata, appunto, a “Comizi d’Amore” di Pasolini che altro non era che un documentario in cui, girando per l’Italia, faceva agli italiani domande sul sesso, delineando un ritratto a dir poco sconcertante ed arretrato riguardo all’idea che avevano gli italiani sulla sessualità. Per la cronaca, la trasmissione venne chiusa su pressione di alcuni deputati democristiani. Ma Ferrara nel tempo è stranamente cambiato: dal PCI al PSI di Craxi, da Forza Italia al Foglio e ora invece si diverte facendo crociate contro l’uso del preservativo per esempio, che secondo lui riduce la cosa più bella ad un “amore con l’air bag”, un “amore con la gomma”, ad un “sesso tecnico”, attribuendo al preservativo stupri, solitudine, violenza e indifferenza di “queste donne moderne sull’orlo di una crisi di coscienza” [che sia invidia? “Di certo, nel partito torinese la vita privata di Giuliano è fonte di qualche malizioso pettegolezzo, dovuto al fatto che non lo si vede mai in compagnia femminile” (Pino Nicotri “L’arcitaliano Ferrara Giuliano” – pag 49 a proposito del decennio torinese: 1973-83)].

Un po’ di qualunquismo. Un paese che ha paura di una battuta mal riuscita ma se ne fotte di un presidente della Repubblica che richiama contro intercettazioni pubblicate in maniera del tutto legale sulla casta e sta zitto nel giorno della strage degli operai, una nazione che permette ad una persona di controllare tutti i mezzi di comunicazione e in cui la gente è disposta a scendere in piazza perché la squadra viene retrocessa, ma quando si tratta di chiedere maggiori norme sulla sicurezza nel lavoro magari sta a casa perché su “Matrix” o a “Porta a Porta” fanno l’ennesimo speciale su Cogne beh, non è un paese credibile e quindi non ha la facoltà di pronunciarsi sulla libertà d’espressione e sulla satira che gli italiani, in primis, non hanno mai voluto difendere.
Il problema più grande è che in quella vasca non c’è Giuliano Ferrara, ma semplicemente questo paese di merda.

Share:
Technorati icon


Show mediatico

ottobre 17, 2007

Ieri Berlusconi ha inaugurato un nuovo modo di fare politica: questi due sono gli screenshot del Corriere e della Gazzetta dello Sport delle 17.50 di ieri.

 

Non vi nascondo il mio stupore nel notare “come cacchio stiamo messi” per dirlo volgarmente. Il livello della nostra informazione è più che patetico; ogni settimana infatti su gazzetta.it c’è una videochat, ma non è mai successo che la Gazzetta si tingesse a mo’ di “edizione straordinaria”. Le videochat della gazzetta funzionano così: tu puoi fare una domanda, il moderatore modera escludendo insulti e parolacce…e chi porta avanti il dibattito con l’ospite di turno sceglie gli interventi. Ecco, ieri nessuna delle mie domande (erano sportive, giuro…!) è passata, nossignori. Sono piùcchepassate però moltissime domande politiche o battute su Prodi e co.: “presidente a quale giocatore di calcio paragonerebbe Prodi e perché?”. Sì, dalla Gazzetta dello Sport. E mentre Berlusconi sventolava fiero il suo famoso foglio carico di statistiche inventate al momento (ricordate al dibattito pre-elettorale con Prodi?), giungevano domande cosmiche, come “presidente, tra vincere coppa dei campioni, coppa del mondo di club, scudetto e coppa italia o mandare a casa il Governo Prodi entro giugno, cosa sceglierebbe? (Risposta: “non si confonde mai il sacro, che è il calcio, con il profano, che è la politica”). Ma non dimentichiamo anche la chiacchierata sull’apertura al dialogo con Veltroni, e le solite affermazioni sul malgoverno condite dagli immancabili e collaudati insulti (che coraggio dopo i suoi 5 anni), citando statistiche che solo lui conosce e può riferire (soltanto 2 italiani su 10 vogliono che rimanga questo governo”…! Fate il calcolo). E poi chi fa il teatrino sono gli altri.

Non è da tutti fare politica dalla sede della Gazzetta dello Sport, usando il Milan, con foto sorridenti, pose garbate e volontà e potere di dire quel cavolo che si vuole (non parlo delle sciocchezze ed inesattezze uscite). Eppure in Italia è possibile e non è la prima volta che accade.

Share:
Technorati icon


Vatican-Ga-y-te

ottobre 14, 2007

Da repubblica.it

Tra gli uomini di chiesa il gay va di moda e il colletto fa tendenza. Un sondaggio condotto dal sito Gay.it ha infatti rivelato che «il 26% dei gay ha subito un approccio sessuale da uomini di chiesa, dall’apprezzamento esplicito alla vera e propria violenza carnale».
E non è tutto qui:

 

«Sono stato insieme con un ragazzo siciliano per un anno. Se due uomini si vogliono bene, non conta se porti la tonaca oppure no». […] «Portando il colletto si attira tanto. Tu faresti l’amore con me?».

No, io non farei l’amore con te, ma qualcun altro probabilmente sì, molto volentieri. Eh sì, il pasticcio arriva proprio quando a fare certe rivelazioni è uno dei piani alti. tra le tante, una cosa che mi fa sorridere è che questa gente ti confessa, ti sposa, ti moralizza e ti chiede l’offerta; poi però quando da le spalle… Ma Padre Tommaso Stenico, come volevasi dimostrare ha scherzato. Non era outing ma solo una simpatica burla per smascherare quegli altri, quelli che la chiesa definisce malati, pervertiti, deviati, da escludere dalla società, emarginare.

Si sa come finirà il tutto, perché la chiesa «con noi fa come l’esercito americano: io non ti chiedo niente, ma tu non devi dire niente. Copre, insabbia, ma così non cresce». Viva il papa, urbi et orbi.

Share:
Technorati icon