Fate “Ciao” con la manina: salutate (e dimenticate) l’iPhone

ottobre 16, 2007

 

Apple so owned. Fate anche voi “Ciao” con la manina. L’S60 touch sta arrivando, probabilmente nel corso del 2008. L’ho detto io che era meglio aspettare e qualcun altro vi aveva avvisato che i telefoni è meglio comprarli da chi li sa fare da un po’ più di tempo.

 

Per ora da Nokia non si sa molto riguardo a tutte le caratteristiche, ma già in partenza l’iPhone è superato: «existing S60 3rd Edition apps will run on touch-enabled devices unmodified (but can be further enhanced, natch); generic proximity and light sensors supported; a UI Accelerator Toolkit enables “impressive” graphical effects; and Flash Video will be supported in the S60 web browser».

 

So solo che se dovrò scegliere tra comprare un telefono chiuso e poco personalizzabile e un altro totalmente open in cui, come da tradizione Nokia, posso decidere di installare tutte le applicazioni aggiuntive che voglio, personalizzando il telefono a mio piacimento e magari (tra le tante altre cose) aumentando anche la capacità di memoria no, non avrò nessun dubbio: Nokia tutta la vita.

 

*** EDIT 17-10-07: Greenpeace avrebbe bocciato l’iPhone in quanto conterrebbe dei composti chimici pericolosi a base di bromo. “David Santillo, coordinatore della ricerca, afferma che due degli ftalati trovati ad alti livelli di concentrazione nel cavo dell’auricolare sono tossici per la riproduzione: è nota la loro capacità di interferire con lo sviluppo sessuale dei mammiferi e, per questo motivo, sono banditi in tutti i giocattoli e articoli per l’infanzia venduti in Europa”.

Share:
Technorati icon

Annunci

Chiamare con un Blyk

settembre 26, 2007

//www.dialaphone.co.uk

Cos’è Blyk? È il primo operatore mobile completamente gratuito rivolto ad un pubblico molto giovane, tra i 16 e i 24 anni. La novità è dettata dal fatto che si basa solo ed esclusivamente su finanziamenti pubblicitari; per questo il target deve forzatamente essere così giovanile, visto che in genere giovani e precari di soldi non ne hanno molti e chiamare, seppur per pochi minuti, o mandare sms gratuitamente non fa schifo a nessuno, anche se per farlo dovremo sorbirci qualche banner pubblicitario.
Purtroppo Blyk per ora vive solo in Gran Bretagna ma gli sviluppatori del progetto (Antti Öhrling, che viene dal mondo del marketing e della pubblicità, e Pekka Ala-Pietilä, che è stato presidente di Nokia) hanno promesso che nei prossimi mesi, tramite accordi con gli operatori locali, si estenderanno, raggiungendo 40 milioni di potenziali giovani consumatori. Ogni mese infatti con Blyk hai a disposizione 217 sms e 43 minuti di chiamate nazionali e in cambio ricevi fino a 6 messaggi multimediali pubblicitari al giorno di brands che “piacciono ai giovani”; ovviamente c’è anche la possibilità di acquistare del traffico prepagato aggiuntivo. Ah, c’è anche il blog ufficiale.

In attesa del sogno WiMax grazie al quale tutti potremo chiamare gratuitamente su Internet, cominciano a sorgere questi esperimenti. Certo, c’è il pericolo di vedersi riempiti e saturati di pubblicità ovunque; è infatti di pochi giorni fa la notizia che Google ha lanciato la versione mobile di AdSense. E anche altri operatori stranieri faranno cose analoghe, in cambio di minuti gratis.

Per ora sono tranquillo, non temo super-intasamenti pubblicitari; piuttosto la mia unica preoccupazione è data dal fatto che la fascia prevista arrivi fino ai 24 anni, ahimé. L’anno prossimo infatti ne avrò 24+1…volete dire che sto diventando vecchio o semplicemente non potrò più usufruire di Blyk?

Share:
Technorati icon