Semini odio e raccogli guerra

ottobre 4, 2008


“Andremo a raderle al suolo, quelle baracche” […]

Sinceramente provo tutto fuorché pietà nei confronti di Daniela Santanché, che ieri – fuori onda – è stata insultata da due persone di colore. Sia chiaro, non giustifico il gesto, perché poi si passa facilmente dalla parte del torto. Però vederla tutta risentita dopo le innumerevoli e vergognose sconcerie che costantemente pronuncia, è ridicolo. Ha fatto una figuraccia, peggio che passare da “La Destra” al PDL (ammiratela in un discorso privo di contenuti) che tanto criticava. Ah, queste donne di destra…

A quanto pare, la colpa sarebbe di Gad Lerner, che ha alzato il tono dello scontro; in effetti lei è quella famosa per i toni pacati, no?

Ho detto “via i clandestini a calci nel sedere” e lo penso ancora oggi

Poi però spiega che bisogna “insegnare ai giovani che non bisogna essere razzisti e sono sempre stata dalla parte degli immigrati regolari facendo anche delle battaglie a favore delle donne musulmane”.
Ah ecco.

Annunci

Livoroso professionale

maggio 15, 2008

Un consiglio ai livorosi professionali: piantatela di cercar di sminuirmi dicendo cazzate che rimarranno confinate in un angusto blog e pronunciate da anonimi. Là fuori c’è un Paese che mi considera, da molti anni, tra i più brillanti giornalisti in circolazione: prendetevela col Paese.

Il commento è di uno “tra i più brillanti giornalisti in circolazione”: Filippo Facci.


Facci un piacere: apriti un blog

maggio 13, 2008

Da Wikipedia scopro di avere qualcosa in comune con Facci: anche io sono nato a Monza.

Filippo Facci (Monza, 11 maggio 1967) è un giornalista italiano.
Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua attività professionale collaborando giovanissimo a L’Unità, a La Repubblica e poi approdando a L’Avanti, quotidiano del Partito Socialista Italiano, dove da “abusivo” si occupò di seguire l’inchiesta su Tangentopoli cercando di fare da contraltare alle notizie che uscivano dalla Procura. Sulla base dei suoi articoli l’Avanti! fu soprannominato “il gazzettino degli avvocati”.
Dal 1994 ha scritto per Il Giornale, per L’Opinione, per Il Tempo sino a tornare a Il Giornale nel 1998 e curando una rubrica quotidiana sulla prima pagina (“Appunto”). Collabora anche con Il Foglio, con Il Riformista e con Grazia. Una sua rubrica su Il Domenicale, settimanale culturale di matrice cattolica edito da Marcello Dell’Utri, è stata soppressa per dissensi con la direzione. Per qualche anno, su Il Giornale e sul Foglio, ha scritto anche critiche e reportage di musica classica poi raccolti in un libro.
Ha partecipato alle trasmissioni Parlamento In, L’antipatico e dal marzo 2008 ha una breve rubrica politica nel programma Mattino Cinque condotto da Claudio Brachino e Barbara D’Urso su Canale 5. È spesso ospite di trasmissioni e talkshow di argomento politico.

Nonostante questo curriculum di tutto rispetto, è proprio Facci che ha scritto il post intitolato “Narco Travaglio” su Macchianera. In cui, in centinaia (probabilmente migliaia) di battute, non riesce minimamente a negare il fatto che Schifani abbia avuto certe frequentazioni. In compenso Leonardo dal suo blog risponde egregiamente a Facci, smentendo completamente il suo post e scomponendolo pezzo per pezzo. Vivamente consigliata la lettura.

Qualcuno dirà “vabbé, è Facci”, ma è sin troppo facile scrivere un post del genere e chiudere i commenti. Cioé già uno che giustifica certe amicizie perché di vecchia data, non può risultare molto credibile. E insomma, come ho scritto ieri, Travaglio non è la giustizia, quindi ci penserà qualcun altro a giudicare, al massimo. Ma la cosa interessante è che nemmeno Facci nega certe frequentazioni. Quindi, come la mettiamo?

La mettiamo che Facci è in contraddizione totale. Perché insultare Travaglio col fine di difendere Schifani non è un buon modo per smentirlo, anzi. Se poi vai a scrivere che Lirio Abbate dice il vero e Travaglio, che lo cita alla lettera, invece mente, il caos è servito. E scusa se qualcuno ha osato interessarsi al passato della seconda carica dello Stato, visto che fino a ieri era uno dei tanti volti. Anzi, peccato che solo un giornalista abbia osato farlo.

Quello che poi non si capisce è il perché Schifani non smentisca un bel nulla. O non aspiri ad un contraddittorio in cui possa controbattere a Travaglio, visto che è tornato prepotentemente di moda. In campagna elettorale il contraddittorio non è lecito, sia mai, mentre quando fa comodo, il cosiddetto contraddittorio all’italiana ci viene sbattuto in faccia come giustificazione suprema a tutto e tutti. Del resto lo dice pure la Finocchiaro (sto parlando di una candidata in Sicilia che prende le difese, seppur indirettamente, di un personaggio che forse ha avuto frequentazioni mafiose…capito perché si perde, poi?).

Per di più Facci usa dei morti (Montanelli e Biagi): nemmeno loro possono smentire. Noi però possiamo dire che Montanelli lavorava con Travaglio, non con Facci. In più, sviando come fa in tutto il suo post, afferma che non è mai esistita una telefonata tra Mangano e dell’Utri. Ma mente. Esiste un’intervista rilasciata dal magistrato Paolo Borsellino il 19 Maggio 1992 ai giornalisti Jean Pierre Moscardo e Fabrizio Calvi in cui si parla proprio di quella telefonata. Per la cronaca, l’intervista venne registrata quattro giorni prima dell’attentato di Capaci in cui fu ucciso Giovanni Falcone: qui il testo integrale e qui il video sopravvissuto alle varie censure (in Italia non è mai andata in onda se non sul satellite. In un punto di questa intervista si parla di ‘cavalli’. “Giornalista: Perché c’è nell’inchiesta della San Valentino, un’intercettazione fra lui e Marcello Dell’Utri in cui si parla di cavalli. Borsellino: Beh, nella conversazione inserita nel maxi-processo, si parla di cavalli da consegnare in albergo, quindi non credo potesse trattarsi effettivamente di cavalli, se qualcuno mi deve recapitare due cavalli, me li recapita all’ippodromo o comunque al maneggio, non certamente dentro l’albergo.”). Insomma, Facci mente anche qui.

Un altro problemuccio poi sorge quando si scopre che persino El Pais, il noto quotidiano spagnolo, scrive un articolo su Schifani, che riporta le stesse identiche cose (qui la traduzione in italiano):

Su nombre, en cambio, ha sido relacionado por la prensa italiana con la criminalidad organizada siciliana, ya que en los años ochenta fue socio de una compañía en la que también figuraban Nino Mandalà, jefe del clan mafioso de Villabate, y de Benny d’Agostino, empresario ligado al histórico dirigente de la Cosa Nostra, Michele Greco.

Abbiamo capito che la questione è nata perché certe dichiarazioni sono state lette in tv; su Internet bene o male, troviamo tutte le fonti necessarie per risalire alla verità. Verità che non è quella di Facci, che ormai eletto ad avversario per antonomasia di Travaglio, nonostante si giochi un buon repertorio di bassezze, alla fine le “prende sempre”, giornalisticamente parlando.

Insomma, nonostante io probabilmente non abbia le capacità giornalistiche e d’analisi dell’uno o dell’altro, mi sento di dare un consiglio a Facci.
Se vuoi questo benedetto contraddittorio, apriti un blog. Anzi, cambia cognome e apriti un blog. Che ormai tutte le battutine legate al tuo cognome non fanno più ridere nessuno, lo so anche io.
Che se ti apri un blog, c’è il rischio che qualcuno – tu compresocominci a prenderti davvero sul serio.


Point of view

maggio 10, 2008

Travaglio mi fa “impazzire”. Come fa a riportare e a raccontare i fatti in modo così geniale e ironico mantenendo quella faccina li, che a chi si riferisce fa più male della giustizia?
Dai, non puoi rimanere serio mentre dici “scoreggia fritta”. A meno che sei Sgarbi.


Sgarbi quotidiani

maggio 5, 2008

Giovedì scorso purtroppo mi sono perso la puntata di Anno Zero in diretta. Saprete tutti bene o male cos’è accaduto. L’invitato Sgarbi ha dato l’ennesima prova della sua proverbiale intelligenza, educazione, pacatezza.

L’Italia è l’unico paese dove un “critico d’arte” può permettersi di parlare di politica usando certi toni, raccontando balle colossali, insultando in prima serata e sbraitando in faccia a chiunque osi esporre un fatto o un pensiero diverso dal suo.

Ma chi è davvero Vittorio Sgarbi? Sgarbi, prendendo spunto dalla sua pagina su Wikipedia, da giovane ha partecipato alle contestazioni sessantottine tra le fila degli anarchici; nell’89 venne incriminato per “interessi privati in atti d’ufficio”; nel ’90 si candidò per il Partito Comunista Italiano, poi coi socialisti; nel ’92 invece diventò sindaco di San Severino Marche sostenuto dalla DC e dall’MSI. E così via, passando per i liberali, i radicali, un’accusa decisamente assurda a Caselli (che gli costò una condanna per diffamazione poi prescritta), sino all’arrivo in famiglia, a Forza Italia, nel 1999. Infine nel 2005 abbandona la cdl per tuffarsi nell’Unione ma nel 2006 si candiderà per la lista dei consumatori, senza successo.

Ora è assessore alla cultura di Milano, ma diciamo che lo conosciamo per essere stato protagonista di alcuni tra i più roboanti litigi televisivi italiani. Insomma, Sgarbi è ancora uno che fa fare ascolti. Ma l’altra sera signori abbiamo avuto prova del concetto di libertà e democrazia che hanno queste persone.

Cioé, lui può gridare e sbraitare in faccia a chi vuole e se solo osi ricordargli che la realtà dei fatti non è quella, lui inizia a ripeterti all’infinito che non è vero, o al massimo di insulta, dicendoti che sei un “pezzo di merda”. Ma l’offeso è lui a quanto pare; dice che Travaglio ha fatto gravi affermazioni e che forse lo querelerà per queste frasi degne di un “regime stalinista”. E io sorrido contento.

Mi sembrava di assistere ad uno spettacolo alquanto grottesco, non pensavo fosse vero. Travaglio è un “pezzo di merda” perché non dice “frasi ma stronzate”, la trasmissione è una cazzata (ma allora perché ci va?), sono tutti idioti insomma. E certo, solo lui dice la verità, no? Come non credere ad uno così affidabile? Sinceramente non so come Travaglio abbia fatto a rimanere praticamente impassibile, come un signore; al massimo ha risposto con delle battute satiriche.

A questo punto non ho idea nemmeno sul perché Sgarbi possa essere definito un grande critico d’arte visto che non so se effettivamente abbia pubblicazioni in lingua inglese sulle riviste internazinali di settore, volumi editi in più lingue, se tenga conferenze a Cambridge/UCLA/Harvard… In realtà Sgarbi è semplicemente diventato famoso tramite il Maurizio Costanzo Show. E in Italia basta e avanza per fare politica. Male che vada vai a fare “l’opinionista” (cioé il moralizzatore) nelle trasmissioni trash pomeridiane.

« [Gli elettori veneti] Sono dei deficienti. Egoisti. Stronzi. Destrorsi. Unti. Razzisti. Evasori. Hanno scelto la Lega? Complimenti. Risultato: si ritrovano a essere governati dai meridionali democristiani e dai comunisti. (…) Voglio fare un’Antilega al Sud, incitando i meridionali a non comprare più prodotti veneti. Questi qui ormai coltivano il razzismo puro. Questa gente non è stupida. È peggio: ignorante e plebea. Il concetto di fondo è: questi elettori sono tutti delle teste di cazzo»

Questo era Sgarbi nel 96, dopo aver perso le elezioni nella circoscrizione del Veneto. Questo è Sgarbi oggi. The show must go on.


in questo video vengono spiegate le bugie dette da Sgarbi


Fino all’esasperazione ed oltre

febbraio 10, 2008


prima parte

Oscar ci rappresenta. Oscar rappresenta un po’ tutti quanti noi e non importa se usa un linguaggio poco consono, se forse sbaglia il modo in cui porsi e se le sue parole portano in sé una praticità d’effetto molto forte.
Oscar trasmette tutta l’esasperazione che oggi è insita in molti strati della nostra società. E fa niente se per farlo tira fuori argomenti un po’ demagogici, perché sono le cose che ogni Italiano guarda prima di ogni altra. Perché la cosa incredibile in questo paese è che gli italiani siano indignati per il primo livello delle cose, cioé lo stipendio dei parlamentari e poche altre qualuquistiche cose. Sono pochi quelli che finiscono al secondo livello, quello della crisi di ogni tipo di valore politico e sociale.

La testimonianza di quello che dico è presente nella seconda parte del video, quello in cui sia Franceschini che la povera Prestigiacomo, non essendo abituata a rispondere ad una domanda che presupponga una recita mnemonica, cercano di dare una risposta ad una persona che sta vedendo morire, ad uno ad uno, tutti gli amici senza che nessuno muova un dito.
Intendo dire che, Franceschini a parte – che oltre a inquadrare il problema sociale fa un bel distinguo tra la politica di chi ti ditrugge il futuro senza immaginarselo, fottendosene dei veri problemi della gente, e la politica di chi prova ad usare le mani senza sporcarsele, tra chi pensa ai cazzi suoi in barba alla gente e chi purtroppo ha dovuto fare certe cose molto impopolari – c’è una persona come la Prestigiacomo. Una che crede davvero di rappresentare le donne, senza aver fatto niente per loro, in uno dei governi che storicamente ha avuto il minor numero di donne; lei non si rende conto nemmeno dopo esserselo sentito dire con parolacce che la gente è stufa di quel modo di fare. E’ stufa delle risposte che risposte non sono, “dell’indignarsi” per chissà cosa, del dare addosso al Santoro di turno alzando di colpo la voce per poter evitare il confronto e dimostrare che non si ha una sufficiente cultura politica pur essendo in parlamento. E poco importa se poi Santoro si fa scappare la battuta “che ci pensa già lei a rendersi ridicola da sola”, per poi scusarsi. Quello che preme dire alla Prestigiacomo è il fatto che lei si è beluscomicamente fatta da sola e si fa un culo così dal mattino alla sera, quindi “tu non hai alcun diritto” di dirle niente. “Chi cazzo sei tu”, insomma.

Il cambiamento non è mai stato come ora nelle nostre mani e dire che destra e sinistra sono uguali e tutti fanno troppo schifo è come starsene li seduti in poltrona a dire parolacce contro la tv. E’ inutile. Quindi facciamo attenzione, smettiamo di dire ovvietà e cominciamo ad usare occhi e menti critiche prima di aprile. Perché votando o l’una o l’altra parte non è vero che non cambia niente. Va bene, sono di parte, ma – per dirlo alla Oscar – nel culo l’ho già preso troppe volte per colpa di qualcun altro forse esageratamente superficiale.

seconda parte