I comunisti guardano ancora Tele+

dicembre 9, 2008

Che viviamo in un paese particolare lo sapevamo da tempo. Ed è un po’ anche per questo motivo che dico la mia sulla questione Iva-Sky in ritardo.
Faccio subito una premessa: non sto scrivendo questo post per schierarmi dall’una o dall’altra parte, anche perché questa la reputo una sorta di guerra tra squali.

Però le cose vanno raccontate per come sono quindi, dopo aver letto svariati post sull’argomento, vorrei provare a fare il punto della situazione, che magari vi siete persi qualche cosa.
Insomma se questa tassa, resa doppiamente sgradevole dal conflitto d’interessi, guarda caso appassiona più dei bonus e delle “social card” varati nel tentativo di sostenere la domanda interna, finanziando con poche decine di euro al mese una (ristretta) fascia di poveri…ci sarà pure un motivo, no? O forse è servita per non parlare di altre cose?

Gli angeli non stanno a SKY. Se dovessi spiegare in poche righe la vicenda vi direi che anche se SKY (facendo pressione sui propri consumatori attraverso uno spot), sta rispondendo agli attacchi scaricando direttamente il problema sull’utenza e non combattendo solo contro il Governo, ci sono alcuni motivi per cui questa storia andrebbe criticata in un certo modo. Ecco, diciamo che “lo spettacolo che stiamo dando come paese non è esaltante“, di questi tempi più del solito.
Perché con questo provvedimento diamo una volta di più l’immagine di un paese in cui esistono società – quelle del presidente del Consiglio – che sono “più uguali” delle altre. E con queste credenziali, più nessuno vorrà investire in Italia. E bisognerebbe storcere il naso soprattutto se liberali, moderati o come cavolo vogliono farsi chiamare.

1984: da Craxi ad Orwell. Smontiamo subito la storia che sarebbe stata la sinistra a dimezzare l’Iva a Sky. Berlusconi e i suoi spin fanno costantemente affidamento sulla memoria corta degli italiani, che bene o male mandano giù tutto alla fin fine. Sì perché, conflitto di interessi (evidente) di Berlusconi a parte, bisognerebbe prima o poi affrontare il problemone della televisione in Italia, che esiste da sempre.
Chi conosce un po’ la storia radio-televisiva italiana (se avete voglia di farvi male consiglio la lettura di questo libro in merito – cioé io me lo son dovuto studiare praticamente a memoria qualche anno fa…ora tocca a voi!) sa infatti che si parla da sempre di un mercato fuori controllo, con regole poco chiare e in cui un personaggio, attraverso amicizie e azioni spesso al di fuori della legge, è riuscito a costruire un impero che gli permette di governare un paese, indirizzare e creare l’opinione pubblica e via dicendo. E dire che gli errori cominciano da quando la Rai si chiamava EIAR…se non prima. E poi le concessioni, le varie leggi che non hanno mai risolto nulla, per arrivare al decreto Berlusconi firmato in fretta e fuoria da Craxi, quello della “guerra dei puffi” (non vi dico perché è stata chiamata così per decenza), fino alla Mammì, per concludere con la Gasparri.

Quando si chiamava Telepiù. Come spiegato sul blog di Gilioli, l’Espresso ci ha ricordato che il primo nome della tv a pagamento (fondata dal gruppo Fininvest) era Telepiù, ceduta successivamente ad una cordata di imprenditori amici, poi ai francesi di Canal Plus e infine nel 2002 a Murdoch che le darà il nome del suo gruppo: Sky.
Si scopre così che l’Iva agevolata sugli abbonamenti della pay-tv italiana è stata un trattamento di favore risalente al 1991 fatto dal ministero retto dal socialista Rino Formica e dal governo Andreotti a Silvio Berlusconi in persona. Non solo: dietro questo favore, secondo la Procura di Milano, c’era persino stato un tentativo di corruzione. Ma questo è un altro discorso. Anche perché la sinistra, quando ha avuto l’occasione, non è mai stata capace di risolvere il benedetto problema del conflitto di interessi; per informazioni citofonare a D’Alema.

Un’opposizione che non si opposiziona. Già quell’opposizione che anche questa volta non è stata capace di dare qualche stoccata, se non facendo qualche imbarazzante dichiarazione più contro Berlusconi in generale che inerente al problema. Insomma si poteva far notare che Sky è forse l’unico forte competitor italiano di Mediaset (pensate al calcio, ai film, ecc…) e che comunque sia, Sky se vorrà continuare a pubblicizzare i suoi prodotti dovrà passare da una concessionaria (Publitalia ’80) nelle mani di chi sappiamo noi; perché non pensate che ora ne guadagnerà l’informazione, con Sky tutta risentita con un ritardo decennale. Perché il 10% in più di Iva a Sky interessa solo quella pay-tv, appunto. Non so, si poteva prendere la palla al balzo per dire che il Governo aveva promesso di non alzare le tasse per favorire i consumi, invece l’ha fatto; si poteva riportare in auge con forza il conflitto di interessi, spiegando che un personaggio che da solo si fa l’ennesima legge per penalizzare grandemente un concorrente di una delle sue aziende, forse non è la miglior persona per governare.

Va bene Sky, ma i problemi sono altri. Partire da Sky per arrivare agli sgravi fiscali sugli interventi energetici che sono scomparsi (quando gente come la Merkel e Obama indicano la via della fonte alternativa come una delle più percorribili per uscire dalla crisi). Persone, famiglie e aziende che a causa di un assurdo provvedimento del governo, rischiano di perdere migliaia di euro investiti in interventi di risparmio energetico o produzione di energia rinnovabile.
E invece che ha fatto il PD di Veltroni? Si sono tirati solo ed esclusivamente i capelli per un possibile aumento di pochi euro al mese di abbonamento Sky, che tra l’altro interessa poche persone. Ma a parte questo, quello che mi fa incazzare è il modo con cui i pidini lo fanno. Semplicemente patetici. Per inciso poi, non dovrebbe risultare così automatico che se il Governo non dovesse ritirare il provvedimento, allora l’abbonamento Sky aumenterà di conseguenza. Altrimenti le pubblicità parlerebbero di offerte al netto più Iva, ma non l’hanno mai fatto.

Dalla parte di Internet. Sinceramente non mi interessa poi così tanto come finirà questa storia perché non sono abbonato Sky e mi guardo bene dal versare soldi a Murdoch, per ora. Anche se lui non si è mai candidato né tantomeno ha fatto editti bulgari. Se però – come probabilmente accadrà – vincerà Mediaset, allora faremo un altro passo indietro verso il canale unico, la voce unica, l’opinione pubblica autoritaria. Sky, che lo vogliate o no, rimane l’unico competitor di Mediaset, seppur su un altro campo.
Ci rimane come sempre Internet, anche se a stare a sentire alle ultime dichiarazioni di Berlusconi e Maroni, non c’è affatto da star tranquilli. Anche perché non hanno la minima idea di cosa stiano parlando.

Qualche modo per aggirarli e fregarli, rimanendo liberi, lo troveremo sempre spero. Obama, il suo staff e l’America più in generale, se ne sono accorti dell’importanza di Internet. La sinistra ha un’occasione straordinaria e se saprà coglierla e sfruttarla al meglio, ci potrebbero essere delle interessanti sorprese.
Ma se continuerà ad arrancarsi su posizioni elitarie, comprensibili soltanto a qualche nostalgico, allora saranno guai (se qualcuno ha ascoltato Norma Rangeri ad Anno Zero giovedì scorso, capisce di cosa sto parlando).

Tanto, peggio di così, cosa può succedere? Berlusconi è già al governo, e lo sarà ancora per molto tempo.


We can’t change

novembre 27, 2008

Giusto una settimana fa mi trovavo – come ogni giovedì – alla lezione di marketing politico tenuta dal Professor Marco Cacciotto. Potete facilmente intuire, visti gli argomenti trattati, quanto mi interessi questa materia: si parla in modo approfondito di campagne elettorali presenti e passate, si analizzano i vari elettorati e via dicendo, senza ovviamente dimenticare l’ultima campagna di Barack Obama. Una campagna che molto probabilmente, per molti versi, farà scuola e verrà ripresa (per non dire ricopiata) da molti altri leader politici mondiali.

Ochei, vengo subito al dunque, che magari non a tutti interessa approfondire la materia, che in realtà è molto più ampia. Quel giorno però c’era un ospite, Maurizio Martina, Segretario Regionale del PD in Lombardia. È venuto a raccontare principalmente la sua esperienza vissuta in America, dove ha seguito la campagna elettorale svolta dai Democratici. Dall’interno, dai quartieri generali, da alcune città, a contatto con giovani, vecchi, saggi e volontari dell’ultima ora.

Raccontava in modo abbastanza entusiasta come, innanzitutto, i Democratici americani non abbiano una struttura costruita in modo analogo al modello dei nostri partiti. “Fortunatamente”, pensavo io. Quelli dell’Illinois poi, sono davvero amici di molti democratici del PD italiano.

Ma la vera differenza parte dall’organizzazione territoriale del partito democratico americano, che reduce da due sconfitte consecutive ha decisamente cambiato rotta. Loro sono solidi territorio per territorio, in modo diretto, senza troppi giri strani; sono anche organizzati ottimamente sulle stesse scansioni elettorali; il coordinamento è funzionale alla Rete del partito. Per citarvi il caso italiano invece, qui in ogni ambito istituzionale (dal quartiere alla circoscrizione e dalla provincia alla regione) c’è un presidente, uno che alla fin fine decide per conto suo, ma ufficialmente come PD.

Insomma, se prima i Repubblicani facevano man bassa nei piccoli territori, nei paesi e via discorrendo, ora i Democratici li hanno stracciati, conquistando molte roccaforti nemiche. Questo però è stato possibile solo grazie ad un cambio epocale di passo partito dalla stessa base del partito. Fondamentale, spiegava Maurizio Martina, è stato il ruolo di Howard Dean, che dopo aver perso nelle primarie 2003 contro Carry, è diventato presidente nazionale dei democratici.

Con lui infatti i democratici americani sono tornati a ragionare sul territorio: fino alle ultime politiche vincevano solo la rappresentanza territoriale difendendo i territori forti di provenienza, mantenevano le grandi aree metropolitane ma lasciavano ai repubblicani tutto il resto. Sostanzialmente veniva accentuata molto la frattura città/campagna. Uno degli errori strategici che anche il PD italiano continua a commettere (pensate alle elezioni 2006, dove la campagna di Prodi fu incentrata solo ed esclusivamente a mantenere un vantaggio che in realtà vantaggio non era; basta vedere i dati delle regionali 2005 per capirlo).

Ovviamente fondamentale – come sempre – è risultato coinvolgere e convincere gli indecisi, cioé quelli che alla fine ti fanno vincere le elezioni. Dean ha cominciato un nuovo ragionamento di radicamento territoriale, soprattutto nei luoghi in cui i democratici erano più deboli. Semplice ma efficace.

Certo, il fatto di avere Obama, un vero leader quindi, aiuta molto. Ma la vittoria si è giocata molto anche sui temi, sulle cosiddette economic issues (la crisi in America è già ben altra cosa) che hanno prevalso sulle security issues, dove ancora i democratici hanno qualcosa da imparare evidentemente.

Per la prima volta poi mi sono stupito nel sentire Martina che spiegava come il web abbia avuto un ruolo importantissimo, anche se al web associava principalmente i volontari. Basti pensare solo a quanti soldi sono stati raccolti via Internet da Obama, per dire.
C’è un altro fattore però: per la prima volta non era presente alcun particolare orgoglio razziale che poteva dividere e creare strani controsenti; questa volta in campo c’era l’America e gli americani.

Questa volta insomma, tutti i giovani hanno votato per Obama, specialmente gli ispanici. Bisogna ringraziare le centinaia di volontari di Obama, perché erano inquadrati in una cornice organizzativa più che notevole. Essi hanno così saputo “mappare” correttamente il territorio, fattore che ha scavato una notevole differenza coi repubblicani.

Il Segretario però, precisava anche che non bisogna avere una visione “romantica” di Internet: non è che Obama ha vinto solo grazie al web. E fin qui siamo tutti d’accordo. Dall’altro lato però, il cambio di direzione partito dal web, la mobilitazione totalmente orizzontale e la rivoluzione dei contenuti politici e della campagna sono stati vitali per il trionfo di Obama.

Ed è proprio quando ho sentito “cambio di contenuti” che mi è cominciata a frullare per la testa una domanda fastidiosa da fare al Segretario (stimolato anche da Roberto Felter via twitter). Perché ok, la campagna americana, Obama e tutto il resto sono davvero delle cose interessantissime, stimolanti e sarebbe fantastico vederle in Italia. Ma è qui che sta il dubbio.

Ecco, arriva il momento delle domande finali, quindi gliela faccio. Gli spiego subito che la mia è più una domanda politica.
Gli dico, testualmente:

“lei non crede che una campagna fatta in un paese in cui, per un amante ci si dimette; se un parlamentare usa un aereo di stato viene arestato, così come se si fa falso in bilancio (etc.), non vada bene per un paese dove si viene eletti ministri con favori sessuali o dove, per citarle un episodio dell’altro ieri, un esponente del suo stesso partito consiglia la risposta ad un altro dell’opposizione? Crede che la popolazione italiana sia davvero pronta per un certo tipo di cambio di contenuti, di cui ha parlato anche lei?”

Speravo che almeno in una piccola aula universitaria un giovane del PD di buone speranze confermasse certe cose, esponendosi magari. In realtà, come mi aspettavo, la risposta è stata abbastanza elusiva. Per carità, Martina non ha negato niente, ma più che altro ha improntato la risposta sul ricambio generazionale, che ci vogliono nuovi giovani, nuove facce, un vero cambiamento. Al che gli ho fatto notare che l’esempio dovrebbe venire da loro per prima.

E anche qui era d’accordo, che ci vuole una mossa comune, anche da parte di chi è vecchio e non vuole scollarsi dalle poltrone comode di partito. A quel punto ho capito cosa voleva dirmi, quindi l’ho tradotto, dicendoglielo: “insomma, ci manca un leader, no?” “Sì è vero”, mi ha risposto.

Piccola parentesi. Il Segretario ha anche voluto precisare che si dissociava dal comportamento di Latorre (ricordate la storia del pizzino?) e che non era d’accordo con lui. E io avrei voluto fargli notare che non è tanto normale che in un partito ognuno faccia quel cavolo che vuole, e che ognuno la pensi in modo diverso dall’atro. Cioé, a voi pare normale?!

Parliamoci chiaro: Maurizio Martina e tanti altri come lui interni al PD, sanno bene che esistono certe usanze tristi e antiquate che continueranno a far perdere le elezioni a questa strana sinistra, che poi sinistra non è.
Solo che in questo modo, il partito che doveva rivoluzionare l’Italia, il cambio epocale e via dicendo, si sta sgretolando in modo imbarazzante. Tra gente che si dimette, gente che se ne frega degli ordini di colui che dovrebbe essere il leader e “si diverte”, eccetera eccetera.

Del resto, da tutto questo Veltroni si nasconde. Non c’è, come se non esistesse. Non una parola, mai una volta. Solo apparizioni misteriose.
Come fa un leader a non rispondere ad una disperata lettera di dimissioni come questa? Certo, il popolo italiano non è in grado di comprendere nemmeno uno dei motivi addotti dalla Tinagli, non è in grado di analizzarli e porsi davanti a loro con un atteggiamento critico.

Ma dove sono iMille? I democratici che volevano cambiare? Dov’è finito il “Yes, we can”? Cosa è cambiato? Niente. Siamo ancora in balia della Binetti, di un democristiano e di tanti strani personaggi che in società mature, al massimo raccoglierebbero pomodori. Con tutto il rispetto per i pomodori.

Se ci sarà mai un democratico che passerà di qui, mi ascolti: non è possibile cambiare senza cambiare.


Da grande voglio fare lo Spin Doctor di Gesù

agosto 28, 2008

Gesù
“…vi indicherò la strada giusta.”

Alla fine delle aziende che hanno gente brava e capace di comunicare e fare relazioni pubbliche in senso moderno ci sono. E io che pensavo che la ricerca da parte delle grandi compagnie di professionisti del settore fosse un po’ grossolana; di solito l’errore più comune commesso dai vertici aziendali è infatti quello di ritenere che chiunque possa gestire un qualsiasi tipo di crisi, sia essa piccola o grande.

Siccome il 90% delle persone in Italia non concepisce il significato delle scienze della comunicazione, di sicuro il corso di laurea dev’essere una minchiata colossale, per analfabeti, ebeti, falliti o giù di li. Però poi Vanna Marchi riceveva molte telefonate per i suoi prodotti, così come Media Shupping ora, ma questo è un altro discorso.

La realtà però, ahivoi, è un’altra. Specialmente all’estero, dove in genere non si dà nulla per scontato. Perché ormai conversare e rapportarsi con gli stakeholders o semplicemente con le persone, potenziali clienti o consumatori, è diventato fondamentale per qualsiasi organizzazione. E non tutti sanno farlo, anzi.

Ogni giorno infatti grandi aziende, organi di governo, portavoce di politici si trovano a dover fronteggiare qualsiasi tipo di “emergenza”. Prendiamo l’Italia, con le recenti gaffes (se così possiamo chiamarle, ma lasciamo perdere le reali motivazioni di fondo che lo portano a fare certe dichiarazioni…) di Alemanno sulla turista violentata o il caso Berlusconi, con le decine di dichiarazioni fasulle, ritrattate, ecc… Insomma quando controlli mezzi di comunicazione di massa è facile stoppare sul nascere le uscite più infelici. Ma se sei una grossa catena di supermercati e dentro ai surgelati trovano un topo morto, qualche dichiarazione, prima o poi, dovrai pur farla.

Se invece sei un senatore del PD sei fottuto. In ogni caso. Perché affidarsi a dei professionisti per comunicare quando…basta stare zitti e fermi per auto-distruggersi? Appunto.
Perché far sapere alla gente, magari con vie alternative e più economiche, le poche cose buone fatte, piuttosto che farsi prendere quotidianamente a male parole? Perché sono masochisti e gay passivi, quindi ci godono. Eccetera eccetera.

Fatte delle doverose promesse per farvi capire di cosa sto parlando (perché sicuramente non interesserà a molti), ho deciso – quasi definitivamente – ieri sera che cosa vorrei fare da grande. Diciamo in una percentuale che va dall’80 al 90%; cioé l’intervallo sembra ancora ampio, ma in realtà lascio ancora le restanti possibilità ad un’ipotetica vincità al super enalotto o, che so io, al benefattore miliardario di turno che mi telefona per confessarmi che sono il suo unico figlio, erede di non avete idea quanti soldi.

Vabbé. Comunque sia ero a Milano e – sniff, sniff – ho sentito aria, uno strano profumo di crisi. Ho incontrato Mauro (c’erano anche quelle sciacquette di Marilù, Aurora e Pippa Wilson…) e gli ho decisamente rotto le scatole facendogli un po’ di domande sul suo mestiere, usando il suo iphone come lampada da interrogatorio, giusto per metterlo un po’ sotto torchio.

Capite? No, lo so. A voi sembrerà una cagata micidiale tutto quello che sto scrivendo, ma il lavoro pensato, ragionato, un po’ creativo che mi sa di sfida è quello del relatore pubblico. Che non c’entra niente col PR della discoteca che vi fa entrare in lista, porca vacca. In Italia bisogna stare attenti e dire “RP”, perché la confusione è massima.

E ci ho pure pensato per qualche tempo. Non mi soddisfava appieno limitarmi a fare il pubblicitario per poi farvi spendere un sacco di soldi in prodotti in cui magari non credevo. Io voglio “massaggiare il messaggio”, dare la curva che voglio alla realtà. Mettere il mantello, una maschera e modificare anche lo spazio e il tempo con le parole. Un super-eroe della comunicazione moderna. Ma attenzione, tutto in modo obiettivo ed etico, ci mancherebbe; io non parlerei di bugie, al massimo di differenti punti di vista.

Volete un esempio analogo in merito? Allora vi racconto una breve storiella. C’era una volta un geek che stava giocando a Tiger Woods PGA TOUR 08, un videogioco di golf; ad un certo punto si accorge che c’è un glitch, un piccolo inconveniente nel gioco: Tiger Woods sembra colpire la pallina camminando sulle acque. In preda ad orgasmi social-medici, il geek mette on line il video prova su youtube. La cosa non è bella per la casa produttrice, che alla fine il gioco dovrà pur venderlo.

E allora cosa fa la EA? Mette on line un altro video con il vero Tiger Woods, decisamente ironico, che porta il messaggio e la comunicazione su un altro piano, per di più dimostrando attenzione per social media e community.

Quindi è ufficiale, voglio fare il consulente, un fastidiosissimo consulente.
Intanto consigliatemi, ditemi se per voi sono grave, se dovrei farmi curare. In caso contrario mi riterrò libero di propormi come consulente politico di Walter Veltroni. Sono pur sempre una faccia…nuova su cui scommettere, no?