Squillo 2.0

febbraio 11, 2008

Secondo questo delirante e pittoresco articolo, essere giovane, laureata, colta e precaria ed essere costretta a fare la puttana è ormai una cosa da considerare ‘normale’. Quindi “Squillo sì, ma colte e informate. Anche l’Italia da l’addio alle prostitute da marciapiede, mestiere sempre più appannaggio delle extracomunitarie. Ora si fanno largo le «squillo digitali»”.

Quindi via con una bella foto dal gusto osé nell’articolo, identikit, programmi preferiti, hobby e magari racconto del lavoro che le squillo 2.0 fanno nella vita. Il dialogo con la zia che non vedi da tanto tempo, cara universitaria, verrà formalizzato in questo modo:

Zia: …Allora, come va l’Università?
Ragazza: Bene, solite cose
Z: E per pagarti un po’ gli studi che lavoretto fai?
R: La squillo, cioé la prostituta.
Z: Ah ottimo, sono proprio cambiati i tempi…ma riesci a conciliare tutti i tuoi impegni col lavoro? Avessi io la tua età…!
R: Zia ma su che pianeta vivi? Oggi, c’è il web 2.0!

Noi ai problemi “ci sputiamo negli occhi” e “ci camminiamo sopra”. E’ così bello essere italiani!

Annunci