Voglio diventare grande

gennaio 28, 2009

Cioé, capiamoci: negli Usa un ragazzo del 1981 ha l’onore di scrivere i discorsi per Barack Obama e non solo, ma per il Corriere della Sera, alla costante caccia della notiziona cliccabile, con tanto di riferimento più o meno velato a tette, figa, culo o quello che preferite, la notizia importante è che lui esce con una ex ragazza copertina (senza contare che, donne, questo pezzo vi ricorda per l’ennesima volta qual è il vostro ruolo in questo paese).

E così, bene o male, fanno gli altri giornali. Se negli altri paesi si cerca di far convergere e interagire carta stampata, internet e nuovi mezzi, magari offrendo servizi qualitativamente migliori (una delle strade forse più percorribili perché nell’interesse di tutti), la mission della classe giornalistica italiana è quella di continuare ad appiattire le menti, rendendoci degli automi totalmente inebetiti da una realtà che nemmeno in un film di fantascienza sarebbe stata così nefasta.

Qui l’interesse importante è quello del padre padrone, sempre e comunque, in ogni contesto. E non importa se da noi a 27 anni, quando va bene, al massimo hai un contratto a progetto sotto i 1.000 euro, sei in casa con i tuoi genitori e sei costretto – se hai due dita di cervello – a fare una vita di merda, di rinunce, di paranoie perché non sai che cosa cazzo sarà di te da qui a 10 minuti e questa cosa ti distrugge, ti consuma dentro, perché tu vorresti ma non puoi cazzo, non puoi. E intanto la vita se ne va, mentre tu capisci che stai perdendo una valanga di tempo che potresti dedicare a progetti, crescite personali, aziendali, della comunità in cui vivi. Ma non puoi, perché vivi in Italia e sei un italiano: il “lei” te lo danno solo perché sono educati e tu sei uno sbarbatello.

La circonvenzione di incapace qui da noi funziona benissimo coi giovani. E’ il conflitto generazionale che ci sta fregando, nessuno capisce l’importanza di questo fattore. E dobbiamo cominciare a lottare per questo. I giovani in Italia non sono rappresentati da nessuno. Non sono nei partiti, nei giornali, nei cda delle aziende, nella classe dirigente. Se ci sono è solo in quanto figli del potente di turno.
Nei fatti quindi, dei giovani non interessa niente a nessuno. Politiche pubbliche per chi ha trentacinque anni, o meno, per la maternità, per l’affitto, per la salute, per la carriera, semplicemente non esistono. Ma quali sono i problemi dell’agenda politica, invece?

Non esiste un cane che parli di welfare, welfare e ancora welfare. Servono decine di ammortizzatori sociali: aiuti sociali per i single e le famiglie, supporti concreti per uscire di casa, per non dipendere dalla sacra famiglia unita. Gli incentivi al digitale terrestre invece non servono a un beneamato cazzo!

E poi? Ci serve un cambiamento culturale nel nostro paese, che non è mai avvenuto e che forse non avverrà mai. Perlomeno con questi incompetenti disonesti che credono di governarci. Deve funzionare il merito al posto delle parentele, il talento al posto del leccaculismo, sdoganato ormai come una pratica di cui vantarsi (“sono amico di, quindi…”). Questa sarebbe la vera ed unica flessibilità.

Per la classe dirigente però, tutto ciò è solo fumo negli occhi: per loro vorrebbe dire essere messi in discussione. Quindi, non dobbiamo più aspettarci un bel niente.
Finchè noi giovani, precari, senza diritti, i più deboli della società in generale, non ci facciamo entrare in questa fottuta testa di arrabbiarci e pretendere seriamente che un futuro migliore possa esistere, sarà impossibile che le cose cambino.

Bisogna cominciare a crescere veramente. Ognuno si prenda le proprie responsabilità e cominci davvero ad essere e sentirsi patriota, non soltanto quando ci prendono giustamente per il culo da un qualsiasi paese estero, ma anche quando quotidianamente, chi ha ancora pochi anni da vivere, continua imperterrito a rubarci i pochi sogni che ancora abbiamo la possibilità di desiderare.

Annunci

Diversamente Occupati

luglio 30, 2008

Ho ricevuto via mail due vignette molto carine disegnate e pensate da Arnald. Come potete vedere qui sotto, tutti i personaggi hanno un sacchetto di carta in faccia, giusto per ricordarci che non siamo degni di poterci permettere un po’ di dignità, almeno non in questo paese.

Andate a fare un giro sul suo blog, che ci sono tante strips molto divertenti ma che fanno riflettere.
Che non avete mai tempo, lo so, e piuttosto che fermarvi 5 minuti a leggere preferite guardare.


Il consorzio dei precari

aprile 5, 2008

Via gtalk ieri Daniele Salamina mi ha passato un articolo interessante di Giuseppe Cubasia su Punto Informatico.

Sostanzialmente Cubasia si chiede cosa si possa fare per cambiare la realtà del lavoro in Italia, non solo nel settore dell’IT, aggiungerei io. Come uscire dal fantastico mondo degli assunti a tempo in-determinato (nel senso che oggi sei assunto e domani non si sa, cosa avevate capito?!) o dalle miserissime paghe degli 800-1000 euro (quando va bene)?

Torniamo indietro nel tempo per un istante: quante volte ho detto che la soluzione a tutto potremmo e dovremmo essere Noi? Lo so, ormai vi avrò fatto venire la nausea ripetendolo. Ma dentro quella frase ci sono innumerevoli sfaccettature, quindi vi prego, andate oltre, scavate un po’ filosoficamente, semioticamente, ecc…tra i vari livelli del significato (faceva molto Sgarbi dirlo, quindi l’ho detto). Come “Noi” ad esempio, intendo noi insieme, uniti, roba da cambiare radicalmente la mentalità ed il pensiero comune che è uno dei più corti a livello mondiale; se potessimo misurare la lunghezza del raggio dei nostri pensieri il pi-greco per calcolarlo andrebbe rivisto verso il basso: noi italiani infatti ci limitiamo a guardare al nostro cerchiolino, al nostro spazietto che ci interessa, salvo poi lamentarsi se qualcuno con noi non usa nemmeno la vaselina.

La soluzione quindi potrebbe anche essere quella di consorziarsi, per poter avere potere decisionale e – perché no – contrattuale. Io lo chiamerei patto generazionale, quella sorta di accordo comune non scritto che proponga un fermo “no” alle paghe misere. Facciamo un esempio: un’azienda propone a Giovanni uno stage pagato 400 euro al mese e Giovanni si rifiuta; a questo punto l’azienda propone questo stage anche a Marco che si rifiuta, e così via con tutti gli altri. Poi però arriva Luca che accetta, tanto “sta bene di famiglia” e i suoi lo mantengono fino a quando vuole. Ecco, per assurdo è anche colpa nostra in questo senso, ci abbassiamo e ci siamo abbassati, abbiamo insomma accettato che facessero la legge 30 e ci sfruttassero sottopagandoci a piacimento.

Proviamo ora ad immaginare, nel nostro ipotetico percorso, che l’azienda X non trovi più nessuno stagista che faccia sporchi lavori a 400 euro al mese, ma trova solo Giovanni, Marco e co. che ne chiedono giustamente almeno 1000-1200. “Dopotutto abbiamo studiato e ci siamo laureati, non siamo mica alla festa del pirla”, pensano. Cosa accadrebbe? Accadrebbe che tutti i giovani, “consorziati” logicamente ma magari in modo inconsapevole, avrebbero la certezza che nessuno sarebbe più disposto a svendersi abbassando il prezzo del proprio lavoro, rischiando la fame.

Questo meccanismo accade bene o male in ogni categoria professionale (con le dovute eccezioni nate con i nuovi tipi di lavori legati ad Internet, in cui definire un compenso risulta ancora difficile per vari fattori), ma non coi giovani che anche per cause di forza maggiore, mancanza di aiuti e di tutele varie, sono spesso costretti ad accettare lavori dal compenso irrisorio: per uno che si rifiuta ce n’è altri 50 felici di farsi sfruttare.

Se però – ipoteticamente – su un milione di giovani precari italiani, 500.000 si rifiutassero di lavorare a carte condizioni, rendendo praticamente impossibile per un’azienda trovare nella sua zona qualcuno che accetti condizioni ai limiti della schiavitù moderna, allora sì potremmo invertire i meccanismi. Perché 500.000 persone in meno significano «per le aziende progetti falliti, penali da pagare, interessi con le banche, fornitori da saldare. Insomma, si mette una ditta con le spalle al muro, esattamente come ora vivono i precari». Diciamo che comincieremmo ad avere potere di mercato, perché influenzeremmo vari equilibri nelle economie di molte città; e soprattutto non verremmo considerati soltanto come dei bambocci con cui giocare.

Ne guadagnerebbe anche la qualità del lavoro, stimolando la cosiddetta meritocrazia tanto bistrattata in Italia. Perché facendo crescere il costo dei giovani sul mercato, «crescerà anche l’esigenza sulla qualità della stessa»: sostanzialmente l’azienda, dovendo pagare qualcuno non tanto, ma giustamente, sceglierà davvero qualcuno tra i più bravi, visto che i più economici tenderanno a sparire (il ragionamento spendo meno oggi non funziona più, chi lo fa ha perso in partenza).

Questa cosa andrebbe spiegata a tutte le centinaia di migliaia di giovani sparsi in tutta Italia, anche se gran parte di noi se ne sbatte bellamente di tutto ciò che lo circonda, convinto che prima o poi qualcuno penserà a lui e lo sistemerà, chiedendogli semplicemente un voto. È un cane che si morde la coda, lo so, ma provarci non costa nulla.
Certo, se esistesse anche qualcuno pronto a tutelare gli interessi delle fasce più deboli da colpire, sarebbe bello. In questo senso non ho ancora capito a cosa servano i sindacati in Italia se non a far fallire Alitalia o a tutelare gli interessi dei vecchi; se il segnale non arriva dalle istituzioni, se nessuno cancella la legge Maroni (quella del contratto a progetto, Biagi c’entra poco), tocca a noi. Svegliamoci, non solo quando dobbiamo parlare di moviola in campo.

Se le aziende italiane sono così messe male ed incapaci da offrire soltanto un lavoro a progetto, allora esigiamo un compenso più che adeguato per la Nostra Vita.
Perché, come ha scritto Giuseppe Cubasia nel suo articolo, «esiste una sola vita, come esiste un solo progetto importante: Noi stessi».


Incapaci

aprile 3, 2008

Non solo abbiamo i peggiori politici, non solo abbiamo capito definitivamente che i sindacati, coloro che dovrebbero tutelarci migliorando il nostro welfare e i nostri diritti sociali, sono totalmente incapaci. Abbiamo da anni anche la peggior specie di manager, geneticamente modificata in una variante puramente italiana. Questi manager guadagnano più di ogni manager europeo (e spesso mondiale) nonostante siano a capo di aziende in rosso anche per centinaia di milioni; e i loro stipendi crescono ogni anno, per la legge meritocratica italiana.

I loro gruppi e le loro aziende crollano in borsa e licenziano, ma non importa: del resto potrei aver fatto il master all’Insead, quindi non c’è “Napoletone” che tenga, devo guadagnare tanto. E se dico “cazzo” sul palco passeggiando, lo faccio perché da questo si capisce che sono un tipo tosto, yeah.
Se poi per sbaglio ci sono degli utili, perché reinvestirli? Si distribuiscono tra gli azionisti di maggioranza e via, perché in Italia sono tutti furbi, anzi furbissimi.

E noi che stiamo qui a parlare di Telecom, telco, bollette, soldi e stato della Rete nel nostro paese. Che fiducia possiamo avere nel futuro se siamo costretti a sottostare alle decisioni di questa gente?


Italia, il nuovo paese dell’Est: [Ep. 5] In qualche modo il frigo lo riempiremo

marzo 12, 2008

Secondo una stima fin troppo ottimistica dell’OCSE i nostri salari sarebbero tra i peggiori d’Europa, dietro Spagna e Grecia addirittura.

Siamo nel G8, ma i salari degli italiani sono al ventitreesimo posto tra i paesi più sviluppati: da quando è arrivato l’euro insomma, non solo è crollato il nostro potere d’acquisto e i prezzi si sono raddoppiati, ma anche gli stipendi non sono cresciuti, anzi. In compenso sono aumentate le tasse e la vita è diventata più precaria e ancora più difficile da costruire. La gente questo peso se lo sente sulle spalle, ma probabilmente non ha né voglia, né tempo, né speranza, né conoscenze o capacità critica per pensare di cambiare qualcosa o tentare di invertire la rotta, contagiando magari chi gli sta intorno.

Ed è in questi giorni che più mi ha colpito una cosa, una frase detta da un iraniano intervistato che fotografa maggiormente la situazione italiana; questa persona, parlando delle elezioni politiche che in Iran ci saranno tra due giorni, ha spiegato con una semplicità disarmante che gli iraniani non badano agli slogan o ai partiti (non avere la tv aiuta molto). Loro infatti fanno caso a quello che ha promesso il candidato in passato e che effettivamente ha fatto o non ha fatto; una cosa normalissima in tutti i paesi del mondo, direte voi.

L’ho paragonato poi alla im-ba-raz-zan-te situazione attuale italiana, in cui un candidato premer si ricandida per la quinta volta dopo aver governato disastrosamente 7 anni, unito da un’accozzaglia di condannati, fascisti, razzisti, che parla ancora di comunisti e comunismo. Però vuole cambiare l’Italia. Uno che 2 anni fa, nonostante i brogli al Ministero dell’Interno attuati dal suo governo, ha perso perché ha condotto il nostro paese verso un baratro senza fine, un personaggio che ha pensato e ancora pensa all’antica arte della propaganda piuttosto che aver vigilato sui prezzi dopo l’entrata in vigore dell’euro. Uno che dice che il programma degli avversari è identico al suo e poi lo straccia. Uno che cazzo, come diavolo fai a votarlo?

Dall’altra parte invece abbiamo la politica del “ma anche”, dell’entusiasmo un po’ fine a sé stesso ed all’ennesima campagna elettorale “trainséma” si dice qui da me, con la differenza sostanziale che c’è uno slogan sta volta, c’è un modello da copiare e bisogna andare d’accordo con tutti per forza di cose. Ci sono dei magnifici candidati dal basso che credono davvero di partecipare ad un qualcosa di grosso, che “farà ripartire il paese”, come si dice. Con le stesse frasi di 10 anni fa, le stesse promesse e dopotutto le stesse facce.

A meno di incredibili rivolgimenti o stravolgimenti, toccherà votare un’altra volta per il meno peggio. Questa volta probabilmente un po’ meno peggio di quella prima. Forse.