People from Ibiza

luglio 17, 2008

Avete presente il nuovo spot della tim in cui una giovane ad un raduno Hippie manda sms un po’ a tutti dicendo che è incinta? Ecco, mi sembrava strano che 3 delle menti più brillanti di questo fantastico governo ci abbiano messo così tanto ad accorgersi di un problema così grave per sollevare «un’ interpellanza urgente in commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera dei Deputati».

Alessandra Mussolini, presidente della commissione parlamentare per l’Infanzia, e le deputate Gabriella Carlucci (nota anche per altre figuracce colossali) e Manuela Di Centa (che nella sua vita al massimo ha sciato, eccole li le competenze per fare politica) spiegano che questa pubblicità «rappresenta una immagine fuorviante, mortificante e superficiale della maternità».

No, qui non si tratta più nemmeno di spiegare che ci sono cose più importanti e problemi più impellenti da risolvere. Qui si tratta di difendere la Ministra Carfagna, povera lei.
Cioé le sue colleghe ritengono lo spot della Tim più minaccioso ed oltraggioso delle considerazioni che hanno i potenti italiani sulle donne, viste più che altro come bambole gonfiabili da sfoggiare in contesti solenni.

Meglio quindi che passi il concetto delle donne pompinare – passatemi il termine – piuttosto che una triste pubblicità sul sesso libero.
E io, maschio, che sto ancora qui a difendervi. Tsk.

Annunci

Spesa ricaricabile

marzo 22, 2008

https://i1.wp.com/www.magdagioia.it/blog/esselunga.jpg

Non so se sono io che vedo le cose in modo strano, ma oggi sono andato all’Esselunga a fare un paio di commissioni. Arrivo alla cassa e davanti a me, sotto alle carte prepagate della Tim cosa vedo? Le carte prepagate dell’Esselunga.
I tagli erano 10, 25, 50 e 100 euro, con tanto di invito a regalarle a qualcuno. Ora, va bene che potrebbe essere una cosa utile tra giovani e non sto qui a discutere la scelta di marketing di questo tipo di promozione.

Però se ci mettiamo a prendere e regalare anche le carte prepagate per comprarci da mangiare, direi che qualcosa di lontanamente anomalo, qualcosa che non va nel nostro paese ci sia.